Commission de la concurrence (Comco)

La Comco sospende l'inchiesta relativa al mercato della benzina

    Berna (ots) - La Commissione della concorrenza (Comco) ha sospeso il 3 dicembre 2001 l'inchiesta sul mercato della benzina. Gli indizi di un accordo fra le aziende produttrici d'oli minerali non sono stati convalidati.

    L'inchiesta aperta nel maggio 2000 doveva chiarire se le aziende produttrici d'oli minerali si accordavano sui prezzi di vendita presso i distributori di carburante in modo contrario al diritto sui cartelli. Alla base dell'apertura dell'inchiesta vi erano degli indizi che l'adattamento dei prezzi alle colonne avveniva in modo simultaneo e che esistevano solo piccole differenze di prezzo fra distributori di una regione.

    In particolare i risultati di un approfondito studio empirico delle segreteria della Comco e un'audizione hanno portato la Comco alla conclusione che non esistono elementi che confermino l'esistenza di un accordo illecito sul mercato svizzero della benzina. Le variazioni di prezzo largamente uniformi così come le strutture dei prezzi omogenee in determinate regioni si spiegano a seguito della forte trasparenza sul mercato e da fattori d'influenza che toccano tutti gli offerenti (oneri fiscali, prezzo del petrolio greggio, corso del dollaro e costi di trasporto). Alla luce di questi fatti, la Comco ha sospeso il 3 dicembre 2001 l'inchiesta sul mercato della benzina. Vista l'importanza economica del mercato della benzina, la Comco continuerà ad osservarne l'evoluzione futura con particolare attenzione.

ots Originaltext: Comco
Internet: www.newsaktuell.ch

Contatto:
Commissione della concorrenza (Comco)



Plus de communiques: Commission de la concurrence (Comco)

Ces informations peuvent également vous intéresser: