Commission de la concurrence (Comco)

Decisione della Comco: il rifiuto delle Aziende Elettriche Friborghesi di accordare il transito nella loro rete è illecito

Berna (ots) - Nel rifiutare di fornire attraverso la loro rete l'energia elettrica della società Watt destinata alla Migros, le Aziende Elettriche Friborghesi hanno violato la legge sui cartelli. A questa conclusione è giunta la Comco al termine della sua inchiesta. La Commissione della concorrenza (Comco) ha deciso il 5 marzo 2001 che le Aziende Elettriche Friborghesi - AEF (Entreprises Electriques Fribourgoises - EEF) hanno abusato del loro monopolio regionale, rifiutando il transito nella loro rete dell'energia elettrica del gruppo Watt. Questa situazione è da considerare quindi un rifiuto illecito di intrattenere relazioni commerciali. Senza la possibilità di utilizzare la rete delle AEF, la Watt non è in grado di fornire la sua energia elettrica alle società della Migros - Micarna (Courtepin) e Estavayer Lait (Estavayer) - come previsto dal contratto. Il 14 febbraio 2000, Watt Suisse AG e la Federazione delle cooperative Migros si erano lamentate presso la Comco del comportamento delle AEF. Nel corso dell'inchiesta la Comco ha potuto appurare che non vi erano prescrizioni legali che impedissero in questo caso l'applicazione della legge sui cartelli né motivi che giustificassero il comportamento delle AEF. La decisione della Comco si fonda unicamente sulla legge sui cartelli. Dopo la messa in vigore della legge federale sul mercato dell'energia elettrica (LMEE), una commissione di arbitrato si occuperà di decidere delle controversie relative al transito di energia elettrica. Fino allora, la Comco rimane unica responsabile per tali casi. Qualora altri casi come questo dovessero rientrare nel campo di applicazione della legge sui cartelli, la Comco interverrà contro comportamenti illeciti. ots Originaltext: Weko Internet: www.newsaktuell.ch Contatto: Prof. Roland von Büren Mobile +41 79 667 90 15 Patrik Ducrey Direttore supplente Mobile +41 79 345 01 44 Questo testo è disponibile sul nostro sito internet (www.wettbewerbskommission.ch)

Ces informations peuvent également vous intéresser: