Schweizerisches Rotes Kreuz / Croix-Rouge Suisse

La Croce Rossa Svizzera incentiva il volontariato

Bern (ots) - Entrata ormai nel suo 151° anno di attività, la Croce Rossa Svizzera (CRS) si è riunita il 23 e il 24 giugno a Lugano per l'assemblea dei delegati, quest'anno consacrata all'ottimizzazione della sua organizzazione nonché alla garanzia del volontariato in futuro. In questa occasione è stato inoltre conferito per la sesta volta il Premio Croce Rossa, che ricompensa azioni particolarmente lodevoli in campo umanitario.

«Non possiamo ridurre il nostro sostegno a coloro che vivono nel costante pericolo, nella sofferenza, nel lato buio della vita», ha assicurato ai delegati delle organizzazioni della Croce Rossa la presidente della Confederazione Doris Leuthard, porgendo loro i ringraziamenti dell'intero Consiglio federale per l'impegno a favore dei più vulnerabili, all'insegna degli ideali di Henry Dunant. La presidente ha inoltre aggiunto che ci vuole di più oltre all'aiuto di organizzazioni quali la Croce Rossa Svizzera: «Ci vuole un mondo sicuro, in cui regnino pace e stabilità».

Marco Borradori, sindaco di Lugano, e Paolo Beltraminelli, direttore del Dipartimento ticinese della sanità e della socialità, hanno invece trasmesso i saluti della regione che ha ospitato l'evento.

Garantire il volontariato

La Croce Rossa è da sempre un'organizzazione fondata sul volontariato. In Svizzera sono numerosi a impegnarsi in seno alle organizzazioni della CRS per aiutare i più vulnerabili e svantaggiati. La tendenza a prestare volontariato, tuttavia, sta diminuendo in tutti gli ambiti. La CRS ha discusso quindi di come affrontare le questioni relative alle diverse esigenze dei volontari, alla crescita dell'individualismo e della digitalizzazione nonché al cambiamento sociale, culturale ed etnico della popolazione, ad esempio rendendo le offerte più versatili, aprendosi a nuove forme di volontariato, impiegando gli incentivi giusti o, ancora, migliorando il riconoscimento nei confronti di questa attività.

Ottimizzare la struttura

Il tema principale dell'Assemblea è stato la revisione degli Statuti e del regolamento interno della CRS, che permetterà di semplificare e ottimizzare la struttura direttiva dell'organizza-zione. Il Comitato esecutivo, organo direttivo strategico delle associazioni cantonali della Croce Rossa (AC CR), sarà integrato nel Consiglio della Croce Rossa, ossia l'organo direttivo della CRS, che passerà così da nove a 12 membri per garantire un'adeguata rappresentanza delle organizzazioni affiliate. La già consolidata collaborazione delle AC CR sarà inoltre rafforzata da ulteriori misure. L'entrata in vigore dei nuovi Statuti è prevista per il 1° luglio 2018 in seguito all'approvazione del Consiglio federale.

Oltre allo status di membro, i nuovi Statuti introdurranno lo status di partner, che permetterà alla CRS di stringere nuovi partenariati con altri enti assistenziali la cui attività riflette l'opera della Croce Rossa. La Guardia Aerea Svizzera di Soccorso (Rega) passerà dallo stato di membro a quello di partner a partire dal 1° gennaio 2018.

Premio Croce Rossa per l'impegno volontario esemplare

In occasione dell'Assemblea della Croce Rossa è stato inoltre conferito il Premio Croce Rossa che ricompensa azioni umanitarie particolarmente lodevoli. La vincitrice di quest'anno è pro pallium, la fondazione svizzera per le cure palliative a bambini e giovani. pro pallium promuove la creazione di strutture per cure palliative in tutto il paese nonché la fornitura di cure palliative a domicilio per bambini e giovani affetti da malattie terminali. Con i suoi volontari formati, la fondazione accompagna e mette in contatto i genitori dei bambini assistiti e completa i servizi di sostegno esistenti con un aiuto gratuito destinato alle famiglie. Con questo premio, la CRS ha voluto dimostrare il proprio apprezzamento nei confronti di un impegno volontario da cui trarre esempio. Maggiori informazioni su www.pro-pallium.ch.

La CRS ha infine conferito il suo Premio di incoraggiamento all'Associazione Pfasyl che, sulla linea del Movimento Scout Svizzero, si impegna a favore dei figli di rifugiati accolti provviso-riamente presso il centro di transito di Hirschpark a Lucerna. Due domeniche al mese il team di Pfasyl organizza eventi destinati ai bambini, che hanno così l'occasione di entrare in contatto con giovani svizzeri e scoprire la cultura, la lingua e il modo di vivere nel nostro paese. Maggiori informazioni su www.facebook.com/pfasyl.

Contatto:

Beat Wagner, responsabile Comunicazione CRS, tel. / 076 372 41 84 / 
beat.wagner@redcross.ch


Plus de communiques: Schweizerisches Rotes Kreuz / Croix-Rouge Suisse

Ces informations peuvent également vous intéresser: