Ligue suisse contre le cancer

Lega svizzera contro il cancro: Marzo 2006 - priorità alla lotta contro il cancro intestinale

La Lega svizzera contro il cancro informa e consiglia

    Berna (ots) - In Svizzera il cancro intestinale colpisce annualmente circa 3700 persone. In altri termini ciò significa 10 nuovi malati di cancro intestinale al giorno. Esso è la seconda causa di decesso per cancro nel nostro paese. Di fronte a una tale realtà, la Lega svizzera contro il cancro (LSC) s'impegna ad informare e consigliare la popolazione sui provvedimenti di prevenzione da adottare. Nella vita quotidiana, tali raccomandazioni sono applicate solo raramente e troppo sovente la diagnosi viene effettuata quando la malattia è già progredita.

    In Svizzera il cancro intestinale provoca oltre 1600 decessi all'anno. In più della metà dei casi, al momento della diagnosi il tumore è già in uno stadio di sviluppo avanzato e le metastasi hanno invaso le ghiandole linfatiche. Il rischio di essere colpiti da tale forma di cancro aumenta a partire dall'età di 50 anni. È esposto a un rischio più elevato della media chi è stato affetto da polipi intestinali, è soggetto a un'infiammazione cronica dell'intestino o ha un genitore o un fratello o sorella colpiti da cancro intestinale.

    Una prognosi ottimistica in caso di diagnosi precoce

    Il cancro intestinale si sviluppa in modo insidioso e indolore: secondo le stime occorrono generalmente più di 10 anni prima che una sovrapproduzione di cellule (o adenomi) si trasformi in ulcera tumorale. Pertanto, i sintomi come una perdita di peso inspiegabile, la presenza di sangue nelle feci, uno stimolo all'evacuazione senza un'evacuazione effettiva, dei disturbi del transito intestinale, dei dolori addominali sconosciuti e persistenti devono indurre a consultare un medico il più presto possibile. La diagnosi ed il trattamento precoci del cancro intestinale aumentano le possibilità di guarigione.

    La Lega svizzera contro il cancro informa

    L'opuscoletto intitolato "No al cancro intestinale?" presenta nei dettagli lo sviluppo di un cancro intestinale, i rischi, i sintomi e le varie analisi precauzionali. Inoltre fornisce consigli pratici sullo stile di vita come fattore preventivo. È disponibile anche un questionario - sotto forma di pieghevole - che consente di valutare il proprio rischio personale. L'opuscolo e il questionario sono disponibili presso la Lega svizzera contro il cancro o le Leghe cantonali.

    In determinati cantoni, le università popolari propongono delle conferenze per il grande pubblico sul tema della prevenzione del cancro intestinale. Inoltre, la linea telefonica gratuita e anonima Linea cancro - 0800 55 42 48 - risponde a tutte le domande individuali. Nel sito Internet www.swisscancer.ch/cancro-intestinale si trovano ulteriori informazioni sulle offerte della Lega svizzera contro il cancro.

    La campagna "Self Care" della Società svizzera dei farmacisti (SSF)

    La prevenzione del cancro intestinale sarà al centro dell'attualità in occasione della campagna informativa "Self Care" organizzata dalla SSF nel periodo dal 28 agosto al 7 ottobre 2006. In base a consigli specifici del loro farmacista, le persone interessate potranno compilare un questionario di valutazione del loro rischio personale e, se necessario, effettuare un test. Tale test permette di rivelare la presenza di sangue invisibile (o occulto) nelle feci. Se il test dovesse risultare positivo si consiglia vivamente di consultare il medico di famiglia. Con la campagna "Self Care" molti farmacisti e medici s'impegnano a promuovere la diagnosi precoce di tale forma di cancro nell'intento di accrescere le possibilità di guarigione.

    I partner di "No al cancro intestinale?" sono: GastroMéd Suisse, l'Ufficio federale della sanità pubblica, santésuisse, la Società svizzera di gastroenterologia, la Società svizzera di medicina generale, la Società svizzera di medicina interna, la Società svizzera dei farmacisti e la Società svizzera di chirurgia viscerale.

ots Originaltext: Lega svizzera contro il cancro
Internet: www.presseportal.ch/fr

Contatto:
Ursula Zybach
Responsabile del programma "cancro intestinale"
E-Mail:         zybach@swisscancer.ch
Tel. diretto +41/(0)31/389'91'51



Plus de communiques: Ligue suisse contre le cancer

Ces informations peuvent également vous intéresser: