Office fédéral des assurances sociales

Accordo sulla libera circolazione delle persone e assicurazioni sociali: Dove informarsi?

Berna (ots) - L'accordo sulla libera circolazione delle persone tra la Svizzera e l'Unione europea (UE) è entrato in vigore il 1° giugno. Esso non comporta modifiche rilevanti per i cittadini svizzeri e per i cittadini comunitari che vivono nel nostro Paese. Ne implica invece per coloro che si trasferiscono dalla Svizzera in uno Stato dell'UE o viceversa, per i frontalieri e per le persone residenti in Svizzera che trascorrono le loro vacanze in uno Stato dell'UE. Per rispondere alle numerose domande in merito l'UFAS mette a disposizione degli assicurati e delle persone interessate varie informazioni, in particolare un opuscolo intitolato «Sicurezza sociale in Svizzera», pubblicato in collaborazione con il Centro d'informazione AVS/AI e disponibile presso le casse di compensazione. L'accordo sulla libera circolazione delle persone coordina i vari sistemi nazionali di sicurezza sociale senza però uniformarli. In tema di sicurezza sociale questo coordinamento si applica alle disposizioni legali in materia di vecchiaia, invalidità, decesso (prestazioni per superstiti), malattia e maternità, infortuni professionali e malattie professionali, disoccupazione e assegni familiari. I cambiamenti introdotti riguardano i cittadini svizzeri o comunitari che esercitano o hanno esercitato un'attività e si trasferiscono dalla Svizzera in uno Stato dell'UE o viceversa, i frontalieri e i loro familiari, i cittadini comunitari residenti in Svizzera ma la cui famiglia vive in uno Stato dell'UE nonché i beneficiari di una rendita versata da uno Stato dell'UE residenti nel nostro Paese. L'accordo disciplina anche la copertura in caso di malattia delle persone assicurate in Svizzera che si trovano in vacanza in un Paese dell'UE. L'opuscolo « Sicurezza sociale in Svizzera » fornisce tutte le informazioni necessarie in merito all'accordo sulla libera circolazione delle persone e al sistema di sicurezza sociale che implica e in merito alle assicurazioni sociali svizzere, alle loro condizioni di assicurazione e alle loro prestazioni. Pubblicato dal Centro d'informazione AVS/AI e dall'UFAS, è redatto nelle tre lingue ufficiali e in inglese e può essere richiesto sin d'ora presso le casse di compensazione (cfr. ultime pagine degli elenchi telefonici). A partire dal mese di luglio sarà anche disponibile su Internet all'indirizzo www.avs-ai.ch, rubrica accordi bilaterali. Oltre a quelli esistenti, www.ufas.admin.ch e www.ufas-esecuzione.ch, l'UFAS mette a disposizione degli assicurati un nuovo sito, www.sicurezza-sociale-ch-ue.ch, vertendo sulle questioni in materia di assicurazione nel quadro degli accordi bilaterali tra Svizzera e UE. Un secondo opuscolo destinato alle persone che lasciano la Svizzera per stabilirsi in uno Stato dell'UE è in fase di elaborazione e sarà pronto in autunno. ots Originaltext: UFAS Internet: www.newsaktuell.ch Contatto. Ufficio federale delle assicurazioni sociali Doris Malär Collaboratrice scientifica Ambito Affari internazionali Tel. +41/31/322'85'00 Jean-Paul Coquoz Presidente Centro d'informazione AVS/AI Tel. +41/1/241'44'20 O mobile +41/79/203'98'64

Ces informations peuvent également vous intéresser: