METAS Off. féd. métrolo. accréditation

Verso nuove dimensioni

    Bern-Wabern (ots) - I rapidi mutamenti tecnologici ed economici sono un'avvincente sfida per l'Ufficio federale di metrologia e di accreditamento (METAS): quando le sigenze del pubblico, dell'economia e della scienza lo richiedono, deve essere in grado, in ogni momento, di sviluppare per tempo nuovi metodi di misurazione e di inventare nuove e migliori possibilità di misurazione. Grazie al nuovo edificio, il METAS dispone ora delle necessarie premesse per quanto riguarda lo spazio e gli strumenti.

    Il 2001 è stato per il METAS l'anno dell'apertura verso nuove dimensioni. Come si può appren-dere dal rapporto annuale, appena pubblicato, grazie al nuovo edificio, la superficie utile per il nostro Istituto, compresa quella del vecchio edificio risalente agli anni Sessanta, si ritrova pressoché raddoppiata ed è ora di 15'000 m2. Le spese ammontano a 54.4 milioni di franchi. Le ottimali nuove infrastrutture consentono di fare progressi metrologici anche in altri mondi dimensionali: da una parte nel settore delle grandi dimensioni, per esempio con il nuovo strumento di misura a coordinate, ma dall'altra anche nel settore delle strutture incredibilmente piccole ovvero nel settore della nanometria.

    Condizioni di laboratorio stabili

    Sono stati necessari provvedimenti molto complessi per ottenere le condizioni ambientali richieste dalla perfezionata tecnica di misura. Per evitare che vibrazioni moleste possano raggiungere il campo delle misure, i laboratori nei piani interrati poggiano su lastre di calcestruzzo spesse 100 centimetri che a loro volta poggiano su un letto naturale di ghiaia e sono separate dagli altri elementi edili da fughe di dilatazione.

    Nei laboratori speciali le esigenze in materia di stabilità della temperatura e dell'umidità sono molto severe: nei settori sensibili durante le misurazioni, la temperatura non deve deviare di oltre un centesimo di grado Celsius dal valore di riferimento di 20 °C e l'umidità relativa può deviare di al massimo il due per cento dal valore di riferimento del 50 %! Tale stabilità è ottenuta con 67 apparecchi di aerazione e climatizzazione.

    Esaminare e misurare correttamente!

    Indicazioni corrette della quantità in ambito commerciale, certezza delle misure negli ambiti della salute, dell'ambiente e della sicurezza pubblica, ma anche agevolazione degli scambi commerciali, ecco gli obiettivi dell'attività del METAS nel settore della metrologia legale. Con l'adozione, nella nuova ordinanza sugli strumenti di misura, delle procedure di valutazione della conformità applicate dall'UE per l'immissione di strumenti di misura nel mercato, si creano anche le premesse perché in futuro, in questo settore, lo stesso tipo di strumento sia oggetto di un unico esame. Le prime designazioni di organismi svizzeri che possono entrare in linea di conto per la valutazione della conformità di strumenti di misura destinati all'esportazione nell'UE sono già state presentate alla Commissione UE.

    Fondandosi su propri esami del modello o su risultati esistenti di enti esteri riconosciuti, nell'anno in questione, il METAS ha rilasciato 129 approvazioni di nuovi modelli o di modificazioni di strumenti di misura già approvati. In quei settori nei quali gli uffici e i laboratori di verificazione non sono in grado di offrire possibilità di misurazione, il METAS ha verificato circa 720 strumenti di misura. Mediante rilevamenti periodici, il METAS sorveglia le imprese fornitrici di elettricità, gas ed energia termica. Nell'anno in questione, il METAS ha esaminato i registri di controllo dei 135 fornitori di gas (423'500 apparecchi) e dei 110 fornitori di calore (13'000 apparecchi). Presso 33 fornitori alcuni apparecchi hanno dovuto essere contestati.

    Per la verificazione di strumenti per la misura della velocità nella circolazione stradale, di strumenti per la misura di quantità di gas e di trasduttori elettrici sono stati abilitati cinque nuovi laboratori di verificazione. Quattro laboratori di verificazione autorizzati a eseguire controlli di conta-tori di elettricità e uno autorizzato a eseguire controlli di strumenti per la misura dei gas di scarico di impianti a combustione hanno lasciato la loro attività. Il Servizio di verificazione svizzero conta cosí 53 uffici cantonali di verificazione e 80 laboratori di verificazione autorizzati. Nell'anno 2001 ha verificato 366'000 strumenti di misura, controllato mediante metodi di prova statistici oltre 658'000 strumenti di misura ed esaminato 6'500 partite di imballaggi preconfezionati. Il METAS ha inoltre messo in funzione un nuovo autocarro con il quale è possibile verificare pese a ponte con portata fino a 40 t.

    Determinazione sicura della tassa sul traffico pesante

    Dal 1°gennaio 2001 è riscossa in Svizzera una tassa sul traffico pesante commisurata alle prestazioni (TTPCP). Per il calcolo della tassa vengono determinati con uno strumento apposita-mente sviluppato allo scopo i chilometri percorsi dagli autoveicoli di peso totale superiore a 3.5 t. L'apparecchio si controlla da sé mediante ricezione di un segnale del sistema di posizionamento globale GPS. Per assicurare una misura sicura dei valori anche in condizioni di viaggio difficili o in caso di disturbo della ricezione del segnale GPS, la Direzione generale delle dogane ha incaricato il METAS di eseguire analisi sulle situazioni di utilizzazione difficili. Per tali analisi il laboratorio del traffico ha potuto avvalersi dei propri sistemi di misura della velocità e del percorso la cui precisione è di molto superiore a quella richiesta agli apparecchi TTPCP. I risultati hanno mostrato che gli apparecchi TTPCP forniscono complessivamente misure accurate e affidabili anche in condizioni di utilizzazione difficili, segnatamente nelle gallerie, in montagna, nel traffico cittadino e nelle cave di ghiaia.

    La telefonia mobile mette in pericolo la salute?

    Con l'ordinanza del 23 dicembre 1999 sulla protezione dalle radiazioni non ionizzanti, il Consiglio federale ha emanato, secondo il principio della prevenzione, valori limite anche per gli impianti di trasmissione della telefonia mobile, valori che si situano ben al di sotto di quelli considerati sicuri a livello internazionale. La misura delle radiazioni della telefonia mobile è difficile e complessa. Tuttavia senza metodi di misura affidabili e standardizzati non è possibile verificare se i valori limite legali sono rispettati. Il METAS, in collaborazione con l'Ufficio federale dell'ambiente, delle foreste e del paesaggio (UFAFP), ha elaborato un disegno relativo a una raccomandazione sul come procedere a tali misure. Le caratteristiche del metodo di misura proposto sono l'economicità e la buona riproducibilità. Insieme a laboratori interessati si è proceduto a una campagna di misurazioni per testare l'idoneità del metodo nella prassi. I laboratori partecipanti hanno in tal modo avuto l'occasione di mettere alla prova le loro competenze. Hanno inoltre adempito un'importante premessa per l'accreditamento nel campo della misura di radiazioni provenienti dalla telefonia mobile. Con tali basi, il METAS fornisce un contributo alla formazione della necessaria fiducia da parte del pubblico e dell'economia.

    Migliorato il grado di copertura delle spese

    Il risultato d'esercizio 2001 dell'Ufficio federale di metrologia e di accreditamento (METAS) presenta spese per 37.2 milioni di franchi (l'anno precedente 32.0) a fronte di introiti per 11.0 milioni di franchi (9.0). Ne risulta un grado di copertura delle spese del 30 per cento (28). Dal 1999 il METAS è diretto secondo il metodo del mandato di prestazione e preventivo globale. Il mandato di prestazione e il preventivo globale 1999-2003 prevedono un significativo sviluppo della metrologia e dell'accreditamento. Finora gli obiettivi parziali in materia di economia e di gestione del preventivo globale sono stati rispettati.

    Siamo pronti per nuove prestazioni

    Le nuove tecnologie esigono la massima precisione nei metodi di fabbricazione, che a loro volta dipendono da misure accurate. La sfida per il METAS consiste nel preparare per tempo i necessari campioni che devono essere sempre piú accurati. Pertanto il METAS si adopera di continuo a realizzare nuovi campioni e a migliorare quelli esistenti cosí come a sviluppare nuovi strumenti e metodi di misura per rimanere al passo con i tempi. Adopera tutta la sua competenza scientifica anche per risolvere questioni complesse relative alla metrologia. Nel vero senso del termine, il METAS si spinge sempre di piú in nuove dimensioni per restare al servizio del pubblico, dell'economia e della scienza svizzeri.

    Il Rapporto annuale del METAS cosí come metINFO, la rivista di metrologia, e sasFORUM, la pubblicazione del Servizio di accreditamento svizzero (SAS) destinata al pubblico, informano sui piú recenti sviluppi. Tutte e tre le pubblicazioni sono ottenibili gratuitamente presso il METAS, Lindenweg 50, 3003 Bern-Wabern, www.metas.ch.

    Rilasciati 501 accreditamenti

    Nei primi dieci anni d'attività sono stati accreditati in totale 501 organismi di prova e di valutazione della conformità: 284 laboratori di prova, 91 laboratori di taratura, 64 organismi di certificazione e 62 organismi d'ispezione. Questo testimonia l'alta coscienza della qualità e rafforza la piazza economica Svizzera sul piano internazionale. L'accreditamento è di rilevanza internazionale in quanto contribuisce efficacemente all'abolizione di ostacoli tecnici al commercio ed è un ottimo strumento per attuare trattati internazionali. Accordi multilaterali conclusi fra i servizi di acceditamento europei ed extraeuropei garantiscono l'equipollenza degli accreditamenti sul piano mondiale. Creano in tal modo le basi per il riconoscimento internazionale di verbali e certificati.

    In luogo e vece delle regolamentazioni nazionali, nell'ambito del nuovo concetto globale dell'UE, vengono date direttive unitarie che definiscono le esigenze fondamentali relative alla funzione, alla costruzione, alle modalità d'uso e in particolare alla sicurezza di un prodotto. I prodotti conformi, vale a dire che sottostanno a una tale direttiva e che la adempiono, sono muniti del marchio CE (CE = Comunità europea). Tali prodotti possono essere messi liberamente in circolazione nello Spazio economico europeo (SEE). Per realizzare compiutamente tale concetto occorrono in tutti gli Stati partecipanti organismi appositamente designati o organismi accreditati di prova, d'ispezione e di certificazione.

    Non appena entreranno in vigore gli accordi bilaterali fra l'UE e la Svizzera, il nostro Paese dovrà designare gli organismi di valutazione della conformità, chiamati a valutare le merci secondo le direttive del concetto globale. I prodotti che adempiono le condizioni potranno essere muniti del marchio CE e messi liberamente in circolazione nell'intero Spazio economico europeo (SEE). Per la designazione di tali organismi, l'accreditamento è un presupposto fondamentale.

    Con le sue perizie il Servizio di accreditamento svizzero (SAS) contribuisce affinchè anche in avvenire l'alto livello di qualità degli organismi svizzeri di prova e valutazione della conformità sia garantito e perfezionato. Lo sviluppo del sistema di accreditamento svizzero continua e, grazie all'introduzione di laboratori legali e servizi di certificazione delle firme digitali, si spinge parimenti verso nuove dimensioni.

    I testi, le figure e le illustrazioni possono essere scaricate da
www.metas.ch/it/medien.

ots Originaltext: METAS
Internet: www.newsaktuell.ch

Contatto:
Christian Antener
tel. +41/31/32'33'489
mailto: christian.antener@metas.ch



Plus de communiques: METAS Off. féd. métrolo. accréditation

Ces informations peuvent également vous intéresser: