Administration fédérale des finances

Nuovo regime finanziario, risultati della procedura di consultazione eprosieguo dei lavori

(Titre original: Nuovo regime finanziario, risultati della procedura di consultazione e prosieguo dei lavori) Berne (ots) - Il Consiglio federale ha preso atto dei risultati della procedura di consultazione concernente il progetto del nuovo ordinamento finanziario (NOF). Questo progetto mira a garantire le fonti principali delle entrate della Confederazione, ad aggiornare la Costituzione federale e a semplificare il sistema fiscale. Più dell' 80 per cento dei partecipanti invitati alla consultazione e numerose associazioni hanno espresso il proprio parere. Sulla base dei risultati della consultazione il Governo ha tratto le sue conclusioni e incaricato il Dipartimento federale delle finanze di redigere un messaggio che sottoporrà alle Camere federali alla fine dell' autunno. Le modifiche della Costituzione saranno probabilmente poste in votazione popolare nel 2004. La competenza accordata alla Confederazione di prelevare un' imposta federale diretta (IFD) e un 'imposta sul valore aggiunto (IVA) è limitata fino alla fine del 2006. Il Consiglio federale ha dunque preparato un progetto per un nuovo ordinamento finanziario (NOF) che doterà le finanze federali di una nuova base costituzionale. Questo progetto è stato posto in consultazione dal mese di settembre del 2001 a quello di gennaio del 2002. I risultati vengono pubblicati in data odierna. La maggioranza dei partecipanti alla consultazione ha approvato l' iscrizione delle aliquote massime dell 'IFD e dell 'IVA nella Costituzione. Il Consiglio federale prevede di mantenere tali aliquote nella Costituzione e di adeguare l 'aliquota massima per l' imposizione degli utili delle persone giuridiche all 'aliquota in vigore dell '8,5 per cento. L 'intenzione di sopprimere la limitazione temporale della competenza della Confederazione in materia di prelevamento dell 'IFD e dell 'IVA non ha riscosso consensi ovunque, soprattutto in seno ai partiti borghesi e alle organizzazioni mantello dell 'economia. Le due imposte costituiscono al momento il 60 per cento delle entrate della Confederazione e sono indispensabili per l 'adempimento dei suoi compiti. Il Consiglio federale ha dunque l 'intenzione di sopprimere la limitazione temporale per l'IFD e l 'IVA. Per semplificare il sistema fiscale e rafforzarne la trasparenza, il Governo si è pronunciato a favore di una limitazione delle aliquote IVA a un 'aliquota normale e a un 'aliquota ridotta. A medio termine l 'aliquota speciale per le prestazioni del settore alberghiero sarà quindi abrogata. In occasione della consultazione i Cantoni di montagna, i partiti e le cerchie legate allo sviluppo del turismo si sono opposte categoricamente all 'abrogazione di tale aliquota speciale. Tuttavia numerosi partecipanti alla consultazione riconoscono che l 'aliquota speciale costituisce effettivamente un aiuto finanziario a carattere politico-strutturale e ritengono pertanto che non rientri nel sistema fiscale. L 'Amministrazione federale sta preparando un pacchetto di misure di promozione del turismo per permettere alle regioni turistiche di migliorare le proprie strutture e la qualità dell 'offerta. Affinché le regioni turistiche abbiano il tempo di beneficiare di queste misure d' accompagnamento e, considerata la congiuntura internazionale, il Consiglio federale ha deciso di prorogare l 'aliquota speciale fino alla fine del 2006 e non del 2003 come previsto inizialmente. Si tratta di una misura eccezionale che sarà iscritta nelle disposizioni transitorie e che non potrà essere prorogata oltre il 2006. Il progetto del nuovo ordinamento finanziario prevede l' ancoraggio nella Costituzione di destinazioni vincolate pari al 5 per cento delle entrate dell 'IVA, al fine di ridurre i premi delle casse malati a favore delle classi di reddito inferiori. Il principio alla base di queste destinazioni vincolate è controverso. Il Consiglio federale ha dunque preferito mantenere lo statu quo, aggiornando le disposizioni transitorie. Infine, nel 2003 al più tardi, il Consiglio federale riesaminerà la questione di una riforma fiscale ecologica nell 'ambito del rapporto relativo al mantenimento degli obiettivi climatici. Questa strategia è un compromesso tra coloro che vorrebbero avviare sin d' ora una riforma fiscale ecologica e coloro che vi si oppongono fermamente. Il Dipartimento federale delle finanze redigerà un progetto di messaggio e lo sottoporrà alle Camere federali alla fine dell' autunno. Trattandosi di una riforma costituzionale, il progetto sarà posto in votazione popolare probabilmente nel 2004. ots Originaltext: AFF Internet: www.newsaktuell.ch Contatto: Peter Saurer Amministrazione federale delle finanze Tel. +41/31/322'60'09 Andreas Pfammatter Amministrazione federale delle finanze tel. +41/31/322'60'54 Département fédéral des finances DFF Communication 3003 Berne Tél. +41/31/322'60'33 Fax +41/31/323'38'52 mailto: info@gs-efd.admin.ch Internet: http://www.dff.admin.ch

Ces informations peuvent également vous intéresser: