Office fédéral des routes (OFROU)

Nessuna velocità minima per gli autoveicoli pesanti

    Berna (ots) - Per il momento, si intende rinunciare all'introduzione generale di limiti minimi di velocità per gli autoveicoli pesanti adibiti al trasporto merci attraverso le Alpi. A questa conclusione sono giunti l'Ufficio federale delle strade e un gruppo di esperti cantonali dei trasporti dopo un'analisi approfondita della situazione. Sono invece allo studio altre misure destinate a rendere più omogeneo il flusso dei veicoli e a migliorare ulteriormente la sicurezza.

    L'accordo bilaterale sui trasporti terrestri con l'Ue obbliga la Svizzera, nei prossimi anni, a portare gradualmente a 40 tonnellate il limite di peso degli autoveicoli pesanti. In vista dell'attuazione di questo provvedimento, è emerso il timore che a causa del nuovo limite di peso, gli autocarri dotati di motori meno potenti potrebbero dare origine a ulteriori code nei tratti stradali che attraversano le Alpi. Per tale ragione, con decorrenza dal 1° gennaio 2001, la legge sulla circolazione stradale è stata modificata dal Parlamento in modo da dare alla polizia la possibilità di fermare gli autoveicoli pesanti che non sono in grado di mantenere la velocità minima segnalata e di obbligarli a tornare indietro. Un gruppo di lavoro dell'Ufficio federale delle strade e dei Cantoni ha in seguito esaminato la possibilità di introdurre per via legale, e a titolo generale, velocità minime (MINGE) per il trasporto merci attaverso le Alpi.

    Nel suo rapporto conclusivo, il gruppo di progetto giunge ora alla conclusione che l'introduzione di velocità minime sui tratti di montagna per gli autoveicoli pesanti adibiti al trasporto di merci è tecnicamente possibile, ma presenta difficoltà pratiche di attuazione. Si ritiene che la misura non sia applicabile in particolare perché è difficile e dispendioso fornire una prova giuridicamente valida del mancato rispetto della velocità minima.

    Per i valichi alpini che presentano tratte con pendenza particolare vengono proposte misure alternative.

    - Ottimizzazione della segnaletica stradale (misura a breve termine): occorre esaminare a fondo diverse possibilità di intervento sulla segnaletica. Si pensa soprattutto a misure di riduzione della velocità massima, a divieti di sorpasso per gli autocarri sui tratti a più di due corsie, all'attribuzione di corsie obbligate per autocarri, autobus e vetture con rimorchio.

    - Infrastruttura e controlli di polizia (misura a medio termine): l'infrastruttura stradale e i controlli di polizia devono essere migliorati in modo da migliorare la sicurezza della circolazione. Progetti in questo senso sono già in corso (miglioramento dei controlli dell'altezza sulle vie di accesso al Gottardo, intensificazione dei controlli dei mezzi pesanti, allestimento di apposite aree di controllo e realizzazione delle corsie di emergenza nei punti critici di tratti alpini dove attualmente mancano).

    L'Ufficio federale delle strade avrà ora il compito di mettere a punto ed attuare le misure alternative proposte.

ots Originaltext: USTRA
Internet: www.newsaktuell.ch

Contatto:
Michael Gehrken, Ufficio federale delle strade, tel. +41 31 324 14 91

Allegato: un riassunto del rapporto finale «Vitesse minimale pour les
camions» è scaricabile dal sito Internet
http://www.astra.admin.ch/It/service/index.html (Pubblicazioni)



Plus de communiques: Office fédéral des routes (OFROU)

Ces informations peuvent également vous intéresser: