Office féd. développement territorial

Convenzione delle Alpi: Confederazione e Cantoni d'accordo sulla ratifica dei protocolli d'applicazione

    Glarona (ots) - Il 6 giugno si è svolto a Glarona l'incontro tra i rappresentanti dei Governi dei Cantoni di montagna e i rappresentanti di numerosi uffici federali. Al centro delle discussioni, la ratifica dei protocolli d'applicazione della Convenzione delle Alpi e la loro futura attuazione. La conferenza si è svolta sotto la direzione del presidente della Conferenza dei governi dei Cantoni di montagna, il Consigliere di Stato glaronese Pankraz Freitag, mentre il prof. Pierre-Alain Rumley, direttore dell'Ufficio federale dello sviluppo territoriale (USTE), era a capo della delegazione federale. Nel 2002, le Camere federali si troveranno probabilmente confrontate con la proposta del Consiglio federale di ratificare i protocolli. I rappresentanti cantonali e federali erano concordi nell'affermare come la ratifica rientri negli interessi della Svizzera e i protocolli possano fornire degli stimoli importanti per lo sviluppo sostenibile e duraturo dello spazio alpino.

    La Convenzione delle Alpi è un trattato internazionale per la difesa e per lo sviluppo sostenibile dell'arco alpino composto da una convenzione quadro e da protocolli d'applicazione specifici a cui hanno aderito tutti i Paesi alpini e l'Unione europea. Le Camere federali hanno già ratificato nel 1999 la convenzione quadro, mentre per i protocolli d'applicazione il Parlamento ha preferito attendere la versione definitiva di singoli protocolli che nel 1999 erano ancora in fase di elaborazione. Nel frattempo, sotto la presidenza svizzera del biennio 1999 - 2000, si sono potute concludere le trattative per tutti i protocolli d'applicazione. Di conseguenza si è adempiuta la condizione posta a suo tempo dal Parlamento e relativa all'entrata in materia sui Protocolli d'applicazione. Con ogni probabilità, nel 2002 si passerà alla fase finale di approvazione dei protocolli "Pianificazione territoriale e sviluppo sostenibile", "Agricoltura di montagna", "Foreste montane", "Protezione della natura e tutela del paesaggio", "Turismo", "Energia", "Trasporti", "Difesa del suolo" e "Composizione delle controversie".

    I miglioramenti

    La ratifica della convenzione quadro è stata preparata in stretta collaborazione tra Confederazione e Cantoni. Dopo una serie di resistenze iniziali provenienti soprattutto dai Cantoni di montagna (secondo questi ultimi il trattato propendeva troppo per gli aspetti di difesa a scapito di quelli d'utilizzo e le competenze, cos" come le responsabilità dei Cantoni, non erano state considerate adeguatamente), la Delegazione svizzera è riuscita ad ottenere dei sensibili miglioramenti durante le trattative internazionali; in tutti i protocolli sono state integrate condizioni eque a favore delle collettività locali e a sostegno del prinicipio di sussidiarietà. In particolare, l'allora protocollo "Pianificazione del territorio" è stato ampliato con aspetti di sviluppo economico e ridefinito in "Pianificazione territoriale e sviluppo sostenibile".

    Il ruolo chiave della "Pianificazione del territorio e dello sviluppo sostenibile"

    Nel corso delle trattative, Confederazione e Cantoni sono riusciti a trovare un accordo sull'opportunità di collaborare nell'ambito della Convenzione delle Alpi. Questo accordo Confederazione - Cantoni, che ha portato nel 1999 alla ratifica della convenzione quadro, si basava su intenti comuni relativi soprattutto ai seguenti ambiti:

    - La Svizzera ha già soddisfatto tutti gli ordinamenti giuridici; in base alla Convenzione delle Alpi e ai relativi Protocolli per il nostro Paese non sussiste alcuna necessità di adattamento giuridico.

    - La ripartizione delle competenze nazionali viene garantita e di conseguenza anche il ruolo centrale dei Cantoni in materia di esecuzione.

    - La Convenzione delle Alpi contribuisce a rendere la politica svizzera delle regioni di montagna più dinamica e meglio coordinata a livello internazionale.

    - In considerazione dell'attuazione su suolo elvetico, al protocollo "Pianificazione territoriale e sviluppo sostenibile" è stato assegnato un ruolo chiave e vincolante, visto che le richieste svizzere riguardanti il principio di sussidiarietà e lo sviluppo economico sono state integrate nel suddetto protocollo.

    Lo scopo della conferenza glaronese era quello di valutare la situazione allo stato attuale, in previsione della ratifica dei protocolli d'applicazione. La Confederazione e i Cantoni hanno ribadito il proprio punto di vista comune. I principi menzionati sono tutt'oggi validi e a conclusione dei dibattimenti il loro contenuto risulta ancora più intelligibile. A sostegno della priorità assegnata al protocollo "Pianificazione territoriale e sviluppo sostenibile", il Consiglio federale ha trasferito il dossier "Convenzione delle Alpi" a partire dal 1º gennaio 2001, dall'Ufficio federale dell'ambiente, delle foreste e del paesaggio (UFAFP) all'Ufficio federale dello sviluppo territoriale (USTE); ossia al Servizio competente in materia di pianificazione territoriale e sviluppo sostenibile del Dipartimento dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (ATEC). Questo passaggio assicurerà, a livello contenutistico e procedurale, l'attuazione della Convenzione delle Alpi in sintonia con la politica di ordinamento del territorio.

    La politica svizzera delle regioni di montagna è assicurata

    La Confederazione e i Cantoni si sono espressi a favore della ratifica dei protocolli d'applicazione. I Cantoni auspicano in modo particolare che non si assista alla creazione di un nuovo apparato amministrativo speciale. La Confederazione è d'accordo con questa richiesta dal momento che vuole attuare i protocolli nell'ambito della normale esecuzione delle politiche in vigore, come per es. della politica agricola, forestale oppure della pianificazione territoriale. Riconoscendo che in Svizzera non occorre alcun adattamento giuridico, la ripartizione interna delle competenze non viene toccata e il principio di sussidiarietà rimane garantito, per la Confederazione e i Cantoni gli argomenti a favore della ratifica sono soprattutto i seguenti:

    - La Convenzione delle Alpi appoggia a livello nazionale gli sforzi a favore di uno sviluppo sostenibile delle regioni di montagna.

    - La politica svizzera delle regioni di montagna viene fissata in un contratto internazionale valido anche per l'Unione europea, cautelandola anche per il futuro.

    - Nell'ambito della Convenzione delle Alpi, la Svizzera s'impegna a favore di un obiettivo regionale ed europeo, collaborando attivamente non solo per buona parte del territorio interno, ma anche per quello oltre confine.

ots Originaltext: Ufficio federale dello sviluppo territoriale
Internet: www.newsaktuell.ch

Contatto:
Ufficio federale dello sviluppo territoriale

DATEC Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti,
dell'energia e delle comunicazioni
Servizio stampa e d'informazioni

Conferenza dei Governi dei Cantoni di montagna



Plus de communiques: Office féd. développement territorial

Ces informations peuvent également vous intéresser: