Off. féd. environ., forêts, paysage

Presto spray contro l'asma privi di CFC

Berna (ots) - Per proteggere lo strato d'ozono, entro il 2005 tutti gli aerosol-dosatori saranno dotati di un gas propellente privo di clorofluorocarburi (CFC). La misura interessa anche gli spray contro l'asma e consente di economizzare ogni anno 10'000 tonnellate di CFC a livello mondiale. In Svizzera, mezzo milione di persone soffre di malattie delle vie respiratorie. Circa 300'000 pazienti ricorrono agli spray per lenire le loro sofferenze. Questi prodotti contengono però il gas propellente CFC, che è corresponsabile del buco dell'ozono. Il gas propellente viene ora sostituito con un alcano fluorurato, che non ha ripercussioni sullo strato d'ozono. Nessun cambiamento di rilievo per le persone interessate Per chi utilizza inalatori a polvere, la sostituzione con gas propellenti alternativi non implica nessun cambiamento. Chi utilizza aerosol-dosatori contenenti CFC, nei prossimi anni dovrà sostituirli o con inalatori a polvere o con un prodotto che contiene un alcano fluorurato quale propellente. Leggendo il foglietto illustrativo si può capire se lo spray contiene CFC o meno. Normalmente, la sostituzione degli aerosol-dosatori contenenti CFC con quelli che ne sono privi non causa problemi. Il profilo degli effetti benefici e di quelli collaterali degli aerosol-dosatori privi di CFC è identico a quello degli attuali spray. Si potrebbe manifestare unicamente una lieve differenza di sapore. In caso di dubbi, le persone interessate possono informarsi presso un medico o un farmacista. È importante, soprattutto nella fase di transizione, che la terapia possa continuare in base alle prescrizioni mediche. La Convenzione di Montreal del 1987, firmata da 150 Paesi, vieta la produzione e l'impiego di CFC nei beni di consumo, poiché tutte le emissioni di CFC rappresentano una minaccia per lo strato d'ozono. In base alle strategie elaborate a livello nazionale nell'ambito della Convenzione di Montreal, entro il 2005 tutti gli aerosol-dosatori contenenti CFC saranno sostituiti da prodotti privi di tale gas. Pertanto, è ora che anche gli aerosol-dosatori medici siano alimentati da un propellente alternativo o sostituiti da un'altra forma di terapia. ots Originaltext: UFEFP Internet: www.newsaktuell.ch Contatto: Christoph Rentsch, capo della sezione Sostanze pericolose per l'ambiente, Ufficio federale dell'ambiente, delle foreste e del paesaggio (UFAFP), tel. +41 31 322 93 64; e-mail: christoph.rentsch@buwal.admin.ch Blaise Horisberger, sezione Sostanze pericolose per l'ambiente, Ufficio federale dell'ambiente, delle foreste e del paesaggio (UFAFP), tel. +41 31 322 90 24; e-mail: blaise.horisberger@buwal.admin.ch - Informazioni più dettagliate sulla terapia in caso di malattie delle vie respiratorie si possono ottenere presso la sede cantonale della lega polmonare o telefonando al numero verde della lega polmonare svizzera (800 333 800). - www.lung.ch (sito Internet della lega polmonare svizzera)