Off. féd. environ., forêts, paysage

Inventario Sanasilva 2000

    Berna/Birmensdorf (ots) - Le chiome degli alberi sono sempre più colpite dal diradamento Nel 2000 il diradamento delle chiome nei boschi svizzeri ha fatto registrare, per la prima volta dal 1995, un netto incremento. L'Inventario Sanasilva ha permesso di rilevare che tre alberi su dieci presentano un diradamento della chioma superiore al 25 per cento. Le cause di questo aumento non possono ancora essere definite con sicurezza. Allo stato delle conoscenze attuali si può dire che tale fenomeno può essere attribuito soltanto in parte con certezza alla tempesta Lothar.

    Ogni anno i periti dell'Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio (FNP) esaminano nel quadro dell'Inventario Sanasilva lo stato di salute delle chiome dei boschi svizzeri. Nell'estate 2000 hanno esaminato circa 1100 alberi su delle aree di saggio distanti 16 chilometri l'una dall'altra.

    Il 29,4 per cento degli alberi ha fatto registrare un diradamento delle chiome superiore al 25 per cento Va sottolineato che è stato tenuto conto soltanto del diradamento non attribuibile a cause evidenti, quali per esempio i danni da grandine oppure l'infestazione di insetti. Alcuni dati a confronto: nel 1999 il 19 per cento degli alberi ha fatto registrare un diradamento superiore a un quarto della chioma. Di conseguenza, il diradamento medio delle chiome nei boschi svizzeri è aumentato dal 21,4 per cento del 1999 al 26,0 per cento del 2000. Il diradamento ha quindi fatto registrare i valori più alti dal 1985, anno in cui è stato eseguito il primo inventario con metodi comparabili. L'abete rosso e bianco sono stati colpiti in modo particolare dal fenomeno, mentre insignificante è stato l'aumento fatto registrare dal faggio.

    Inoltre, la FNP ha esaminato il diradamento delle chiome di 3200 alberi delle 16 superfici della Ricerca a lungo termine su ecosistemi forestali (LWF), promossa dalla Confederazione. L'entità del diradamento, di cui si ignorano le cause, registrato su tali superfici è simile a quella riscontrata sulle superfici esaminate dall'Inventario Sanasilva.

    Stando ai rilevamenti dell'Inventario Sanasilva è invece rimasta immutata la mortalità degli alberi: come negli anni precedenti la percentuale di alberi morti si aggira sullo 0,4 per cento. Questa percentuale non tiene conto degli alberi falciati dalla tempesta Lothar.

    Diverse le cause possibili        

    L'incremento del diradamento delle chiome può in parte essere attribuito alla tempesta Lothar, nonostante i periti, al momento dell'osservazione delle chiome, abbiano già tenuto conto di quei diradamenti legati ai danni causati dalla tempesta, per esempio nel caso di grossi rami spezzati. Non tutti gli effetti di Lothar sono però riconoscibili con facilità. È infatti praticamente impossibile valutare il numero di aghi e rami spazzati via dalla tempesta. La tempesta dovrebbe avere prodotto danni anche alle radici, con una conseguente interferenza nella crescita degli aghi e delle foglie negli anni a venire.

    Che Lothar non sia l'unica causa del diradamento delle chiome viene però evidenziato dai fattori seguenti:

    - nelle regioni della Svizzera risparmiate dalla tempesta il diradamento delle chiome è aumentato in misura quasi uguale a quello delle zone colpite;

    - su due superfici LWF gli aghi e le foglie cadute dagli alberi vengono raccolti durante tutto l'anno. A breve termine Lothar ha provocato un aumento notevole della quantità degli aghi raccolti, ma l'aumento della quantità annua è stata insignificante rispetto alle quantità abituali;

    - la Francia e il Land tedesco Baden-Württemberg sono stati flagellati dalla tempesta Lothar, ma al contrario della Svizzera nell'estate del 2000 non hanno registrato alcun aumento del diradamento delle chiome. Il diradamento è cresciuto invece nei boschi della Baviera e dell'Austria, meno o poco colpite dalla tempesta.

    Oltre a Lothar potrebbe avere contribuito al diradamento delle chiome anche la notevole siccità primaverile.

    Ricerca intensa        

    La FNP non si limita a osservare il diradamento delle chiome e il tasso di mortalità, ma cerca intensamente di stabilire le cause di tali fenomeni. Lo stato di salute dei boschi e la sua dipendenza dai carichi ambientali generati dall'uomo possono essere valutati soltanto sulla base di una ricerca complessiva. Oltre al diradamento delle chiome sulle superfici LWF vengono quindi registrati anche numerosi altri fattori stazionali quali le condizioni climatiche, le immissioni di sostanze inquinanti, la presenza di sostanze nutritive e di acqua nel suolo e l'evoluzione della flora. Inoltre, la FNP esamina per conto dell'UFAFP se le immissioni di sostanze inquinanti acidificano il suolo o danneggiano le radici degli alberi.

    L'acidificazione del suolo è un rischio a lungo termine        
Nonostante il notevole diradamento delle chiome registrato nel 2000
si può dire che il bosco svizzero non è in acuto pericolo. Tuttavia a
lungo termine un rischio permane. Le immissioni di acidi e di azoto
rimangono tuttora eccessive. A lungo termine, esse comporteranno
l'acidificazione del suolo, il dilavamento delle sostanze nutritive e
un'alimentazione squilibrata degli alberi. Nei suoli che sono già
acidi per natura tali immissioni possono provocare entro pochi
decenni degli effetti negativi permanenti sui boschi, rendendo per
esempio gli alberi più sensibili a siccità e tempeste. Indicazioni in
tal senso sono state riscontrate in 64 superfici boschive danneggiate
dalla tempesta Lothar, tenute sotto osservazione dall'Istituto di
biologia applicata delle piante (Schönenbuch, BL) per conto di sette
Cantoni. I danni da schianto più consistenti sono stati registrati
nelle superfici più interessate dall'acidificazione del suolo e da un
più alto tenore di azoto nelle foglie.

    Ufficio federale dell'ambiente, delle foreste Istituto federale di ricerca per la foresta e del paesaggio (UFAFP), Media e informazione Servizio d'informazione

    Bibliografia        

    - Brang, P. (Red.), 1998: Rapporto Sanasilva 1997. Stato e compromissione del bosco svizzero - un bilancio tratto da 15 anni di ricerca sui danni forestali. Rapporti, Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio (FNP), 8903 Birmensdorf, n. 345.

- Pieghevole relativo al Rapporto Sanasilva 1997. Ottenibile gratuitamente presso la Biblioteca FNP, Zürcherstrasse 111, CH-8903 Birmensdorf, tel. 01 739 22 11

ots Originaltext: UFAFP
Internet: www.newsaktuell.ch

Contatto:
Richard Volz, Direzione federale delle foreste, Ufficio federale
dell'ambiente, delle foreste e del paesaggio (UFAFP), 3003 Berna,
tel. +41 31 324 77 86.
Peter Brang, Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e
il paesaggio (FNP), 8903 Birmensdorf, tel. +41 1 739 24 86.
Internet: www.wsl.ch/sanasilva2000/

Servizio d'informazione UFAFP, CH-3003 Berna, Tel. +41 31 323 03 34,
Fax +41 31 322 70 54, Internet: www.buwal.ch
WSL, Media e informazione, CH-8903 Birmensdorf, Tel. +41 1 739 22 44,
Fax +41 1 739 22 15



Plus de communiques: Off. féd. environ., forêts, paysage

Ces informations peuvent également vous intéresser: