Office fédéral des transports

NFTA: scelta la variante per la galleria di base del Monte Ceneri

Berna (ots) - Il Consiglio federale ha optato per la variante che prevede due tubi a un binario per la galleria di base del Monte Ceneri. Criteri di sicurezza hanno fatto prevalere questa soluzione rispetto alla variante con un unico traforo a due binari. I costi supplementari legati a questa modifica di progetto sono stimati a 490 milioni di franchi (stato 1991) e, se non sar‡ possibile compensarli mediante tagli in un altro settore, saranno coperti dalle riserve previste nel credito globale NFTA. Questa variante, che prevede l'impiego di una macchina perforatrice al posto degli scavi pi* lenti con esplosivo, permetter‡ di accorciare i tempi di costruzione di 2-3 anni e di mettere in funzione la galleria gi‡ nel 2015/16. Il 15 marzo 1999 il Consiglio federale ha approvato il progetto preliminare della AlpTransit Gotthard AG (ATG), che prevedeva una galleria di base tra Camorino e Vezia lunga 15 km con costi pari a 1315 milioni di franchi. Alcuni aspetti tecnici legati alla sicurezza mettevano in dubbio la realizzazione di una galleria con un unico tubo a due binari, proposta dall'ATG. Il Consiglio federale aveva perciÚ stabilito di rimandare la decisione in merito e sollecitato la ATG ad elaborare un concetto di sicurezza dettagliato per illustrare i vantaggi e gli svantaggi delle varianti proposte; vale a dire del sistema con un unico traforo a due binari e di quello, simile alla galleria di base del San Gottardo, con due tubi distinti a un binario collegati con cunicoli trasversali. I risultati Nel febbraio scorso la ATG ha inoltrato il relativo studio all'Ufficio federale dei trasporti (UFT). Dai risultati emerge, tra l'altro, che la variante con due tubi a un binario causa costi supplementari pari a 490 milioni di franchi, facendo aumentare l'investimento complessivo a 1805 milioni di franchi. Con la prima variante Ë tuttavia possibile accorciare i tempi di costruzione di 2-3 anni. Il confronto dei costi va perÚ relativizzato: secondo l'attuale standard di sicurezza, la variante che prevede un unico tubo a due binari dovrebbe essere completato con un cunicolo di sicurezza che, a sua volta, provocherebbe ulteriori costi pari a circa 200 milioni di franchi. I costi complessivi di questa soluzione ammonterebbero quindi a 1515 milioni di franchi, portando la differenza di prezzo delle due varianti a ca. 290 milioni di franchi. Lo studio della ATG illustra inoltre due possibilit‡ di suddividere i lavori in tappe. La prima prevede la realizzazione della galleria del Ceneri con due tubi, di cui uno come cunicolo di servizio e l'altro lasciato allo stato grezzo. La seconda, invece, prende in considerazione una galleria con un tubo a un binario e la costruzione parallela di un cunicolo di sicurezza, che in un secondo momento puÚ essere ampliato fino a raggiungere il diametro di un cunicolo di servizio. I costi della prima variante sono stimati a 1610 milioni di franchi (ultimazione posticipata - 2010 milioni di franchi) e quelli per la seconda variante a 1475 milioni di franchi (ultimazione completa - 2110 milioni di franchi). La variante vincente In base all'odierna decisione, la galleria di base del Monte Ceneri sar‡ costruita con due tubi distinti a un binario. I costi supplementari dovuti a questa modifica ammontano a 490 milioni di franchi e grazie all'impiego di una macchina perforatrice sar‡ possibile accorciare i tempi di costruzione di circa 2-3 anni. CiÚ permette di avvicinare il termine della messa in funzione della galleria di base del Monte Ceneri (2015/16) a quello previsto per la galleria del San Gottardo (2012/13). Nel quadro dei decreti in vigore, saranno inoltre esaminate altre misure per anticipare ulteriormente la messa in servizio della galleria del Ceneri, al fine di sfruttare al pi* presto i vantaggi dell'intero asse come ferrovia di pianura. La variante scelta soddisfa ampiamente le condizioni tecniche relative alla sicurezza. Rimane tuttavia aperta la possibilit‡ di realizzare i lavori in tappe per ridurre i previsti costi supplementari. Tale decisione non deve infatti essere immediata, ma puÚ essere presa 2-3 anni dopo l'inizio dei lavori (2008/9). Il futuro della galleria di base La galleria di base del Monte Ceneri rientra nella seconda tappa di costruzione della NFTA (inizio 2006). Al momento i relativi mezzi finanziari sono ancora bloccati; finora sono stati stanziati soltanto 74 milioni di franchi per la pianificazione e i sondaggi. Entro la fine del 2002 il Consiglio federale inoltrer‡ al Parlamento un messaggio sulla liberazione della parte bloccata del credito globale NFTA (gallerie di base del Ceneri e dello Zimmerberg). In vista dell'inizio dei lavori di costruzione previsti nel 2006, a partire dal 2003 deve essere avviata la procedura di approvazione dei piani per la galleria di base del Monte Ceneri. ots Originaltext: Ufficio federale dei trasporti Internet: www.newsaktuell.ch Contatto: Ufficio federale dei trasporti, Sezione Politica e comunicazione, tel. +41 31 322 57 75 DATEC Dipartimento federale dell'Ambiente, dei Trasporti, dell'Energia e delle Comunicazioni Servizio stampa e d'informazione

Ces informations peuvent également vous intéresser: