Office fédéral de l'agriculture

Prime autorizzazioni individuali per concimi contenenti materiale o

    Berna (ots) - Dopo aver esaminato le domande inoltrate e d'intesa con gli altri uffici federali interessati, l'Ufficio federale dell'agricoltura ha concesso dodici autorizzazioni individuali per concimi contenenti materiale osseo. Per la prima volta dall'introduzione, il 1o gennaio 2001, del divieto di fatto, è nuovamente possibile mettere in commercio concimi che contengono determinati materiali di base di origine animale.

    In relazione alla lotta contro la malattia della mucca pazza (ESB) e al divieto di somministrare farine animali a tutti gli animali da reddito, misure precauzionali sono state adottate anche nel settore dei concimi. Dal 1o gennaio 2001 non sono autorizzati concimi contenenti determinati materiali di base di origine animale come farina di ossa o di zoccoli. Di fatto non è quindi più possibile mettere in commercio prodotti di questo tipo.

    Di diritto vi è tuttavia la possibilità di inoltrare domande di autorizzazione per singoli prodotti. Le domande devono essere corredate di un fascicolo con indicazioni dettagliate che comprovano che i materiali di origine animale utilizzati non producono effetti secondari dannosi. Se l'esame del fascicolo da parte degli Uffici federali dell'agricoltura (UFAG), della sanità pubblica (UFSP) e di veterinaria (UFV) ha esito positivo, il prodotto corrispondente può essere commercializzato con un'autorizzazione individuale.

    A tale possibilità è ricorsa la Ditta Hauert + Co., Grossaffoltern, che ha ottenuto dall'UFAG autorizzazioni individuali per dodici dei suoi prodotti a base di materiale osseo. È quindi nuovamente disponibile una serie di concimi tradizionali che vengono utilizzati in particolare nella floricoltura artigianale e nei giardini domestici.

ots Originaltext: Ufficio federale dell'agricoltura UFAG
Internet: www.newsaktuell.ch

Contatto:
Jürg Jordi, Sezione Informazione, tel. +41 31 322 81 28.

Ufficio federale dell'agricoltura, Servizio della stampa e
dell'informazione.



Plus de communiques: Office fédéral de l'agriculture

Ces informations peuvent également vous intéresser: