Office fédéral de la police

I nuovi strumenti in materia di politica di sicurezza hanno dato buoni risultati

Rapporto della Giunta in materia di sicurezza presentato al Consiglio federale

    Berna (ots) - La nuova struttura nel settore della politica di sicurezza, composta della Giunta del Consiglio federale in materia di sicurezza, dell'Organo direttivo in materia di sicurezza, del Coordinatore dei servizi d'informazione e dell'Ufficio per l'analisi della situazione e la detezione tempestiva, apporta rilevanti miglioramenti rispetto al sistema precedente. Questa la conclusione del Consiglio federale dopo aver preso atto del rapporto allestito dalla Giunta in materia di sicurezza in merito alle prime esperienze con i nuovi strumenti di politica di sicurezza.

    Diversi fatti avvenuti negli ultimi anni Novanta hanno mostrato l'importanza di riconoscere tempestivamente le minacce contro il nostro Paese. Inoltre, vi sono stati diversi interventi parlamentari che chiedevano l'istituzione di un organo di condotta preposto ai servizi d'informazione.

    Con le "Istruzioni del 3 novembre 1999 sull'organizzazione della condotta in materia di politica di sicurezza" il Consiglio federale ha avviato, con i nuovi strumenti, una prima fase della condotta in materia di politica di sicurezza.

    La Giunta in materia di sicurezza è un organo del Consiglio federale che ha lo scopo di rafforzare la capacità di condotta del Consiglio federale. Prepara tempestivamente le deliberazioni e le decisioni del Consiglio federale concernenti le questioni di politica di sicurezza. Si compone dei capi del DFAE, DFGP e del DDPS. La presidenza cambia di regola ogni anno.

    L'Organo direttivo in materia di sicurezza è un organo di stato maggiore della Giunta in materia di sicurezza incaricato di compiti preparativi ed è subordinato ad essa. L'Organo direttivo segue costantemente la situazione e la possibile evoluzione in tutti gli ambiti rilevanti in materia di sicurezza a livello nazionale e internazionale sulla scorta delle informazioni e delle valutazioni degli altri Dipartimenti e dell'Ufficio per l'analisi della situazione e la detezione tempestiva. Elabora inoltre scenari, strategie e opzioni all'attenzione della Giunta e gestisce la lista del fabbisogno di informazioni del Consiglio federale.

    Il Coordinatore dei servizi d'informazione gestisce l'Ufficio per l'analisi della situazione e la detezione tempestiva ed è membro dell'Organo direttivo in materia di sicurezza. Dirige altres" il segretariato dell'Organo direttivo e della Giunta e assiste il presidente dell'Organo direttivo nell'elaborazione delle relative sedute. Il Coordinatore informa inoltre i fornitori d'informazioni sulle priorità politiche e il fabbisogno di informazioni del Consiglio federale.

    Contemporaneamente all'emanazione delle istruzioni, il Consiglio federale ha incaricato l'Organo direttivo in materia di sicurezza di presentare entro 18 mesi dalla sua istituzione un rapporto sulle prime esperienze con le nuove strutture e di sottoporre proposte di miglioramento. In seguito agli avvenimenti dell'11 settembre 2001 l'Organo direttivo in materia di sicurezza ha protratto la presentazione del rapporto; ciò non da ultimo per permettere di integrare le esperienze acquisite nell'ambito di detta situazione di crisi. Il Consiglio federale giunge quindi alla conclusione che:

    - le istruzioni del 1999 permettono uno sviluppo appropriato e
        controllato degli strumenti di politica di sicurezza;

    - l'Organo direttivo in materia di sicurezza debba mantenere la
        propria doppia funzione: è infatti competente sia
        dell'allestimento dell'analisi della situazione sia dello
        sviluppo di opzioni relative alla politica di sicurezza
        all'attenzione della Giunta in materia di sicurezza. Queste
        funzioni venivano svolte prima da due organi distinti;

    - si debba mantenere il sistema della presidenza alternante della
        Giunta e dell'Organo direttivo (turno annuale DFAE-DDPS-DFGP);

    - il Coordinatore dei servizi d'informazione debba avere un
        accesso meglio definito alle informazioni rilevanti dal punto di
        vista della politica di sicurezza; a tale scopo occorre definire

        in modo più preciso le modalità dell'accesso alle informazioni,
        dato che, di regola, il Coordinatore è responsabile anche della
        stesura del rapporto in materia di politica di sicurezza.

ots Originaltext: UFP
Internet: www.newsaktuell.ch

Contatto:
Jean-Luc Vez
Direttore Ufficio federale di polizia e
presidente dell'Organo direttivo in materia sicurezza
Tel. +41/31/322'42'44



Plus de communiques: Office fédéral de la police

Ces informations peuvent également vous intéresser: