Office féd. de la statistique

Indagine sul reddito e sul consumo del 2000 (IRC 2000)

Entrate e spese delle economie domestiche nel 2000: risultati princ

    Neuchâtel (ots) - Tra il 1998 e il 2000 il reddito delle economie domestiche è progredito del 4,1 per cento, passando da 8'350 a 8'700 franchi in media. Nello stesso periodo, le spese delle economie domestiche sono aumentate del 2,9 per cento, passando da 7'400 a 7'650 franchi: un aumento che segue da vicino il rincaro, pari al 2,3 per cento. Questi sono i primi risultati dell'indagine sul reddito e sul consumo, realizzata dall'Ufficio federale di statistica (UST) a ritmo annuale, a partire dal 2000.

    Attività lavorativa: principale fonte di reddito

    Nel 2000, il reddito medio mensile delle economie domestiche era di 8'696 franchi. Tale importo è progredito del 4,1 per cento dal 1998, anno in cui si era attestato a 8'356 franchi.

    Dal 1998, la struttura del reddito per l'insieme delle economie domestiche svizzere è rimasta quasi invariata. Il 72,4 per cento del reddito deriva dall'attività lavorativa, il 22,3 per cento da trasferimenti, in particolare da rendite dell'AVS/AI e delle casse pensioni e il 5,3 per cento dal capitale e dalla proprietà d'immobili. Questi risultati riflettono anche la composizione socioeconomica delle economie domestiche.  Infatti, nei tre quarti delle economie domestiche svizzere, la persona che contribuisce in maggior misura al reddito (persona di riferimento) è dipendente, indipendente o agricoltore, mentre nel quarto restante si tratta di un beneficiario di rendite, di un disoccupato o di uno studente.

    Livello di reddito diverso a seconda dei gruppi socioeconomici

    Analizzando il reddito in base ai gruppi socioeconomici, si constata che le economie domestiche la cui persona di riferimento lavora come dipendente o indipendente sono le più favorite, con redditi medi mensili rispettivamente di 9'800 e 9'200 franchi.  Nelle economie domestiche la cui persona di riferimento è beneficiaria di una rendita, il reddito mensile è invece di 5'800 franchi. Questa differenza è da attribuire al fatto che nella maggior parte di queste economie domestiche la persona di riferimento non esercita più un'attività lucrativa.

    Osservando invece i dati secondo i tipi di economia domestica, si constata che a disporre dei redditi più bassi sono le persone sole (5'700 franchi) e le famiglie monoparentali (6'900). Infine, il livello di reddito di una coppia senza figli (9'500) è lievemente inferiore a quello di coppie con uno o più figli (da 10'500 a 10'900 franchi).

    Evoluzione delle spese dal 1998

    Nel 2000, le spese medie mensili delle economie domestiche in Svizzera erano di 7'634 franchi. Questa cifra è aumentata del 2,9 per cento dal 1998, anno in cui ammontava a 7'418 franchi.

    La struttura delle spese è cambiata solo lievemente tra il 1998 e il 2000. Le spese di consumo (acquisto di beni e servizi) sono progredite del 3,1 per cento, ovvero a un ritmo leggermente superiore alla media, ma la loro quota sul totale delle spese si è mantenuta attorno al 63 per cento. Le spese di trasferimento (assicurazioni, imposte, contributi) sono aumentate del 2,6 per cento, anche se la loro quota sull'insieme delle spese si attesta ancora attorno al 37 per cento.

    Principali voci del bilancio: abitazione, assicurazioni e imposte

    L'abitazione (17,6% del budget delle economie domestiche) rappresenta la voce principale delle spese di consumo. Seguono i generi alimentari e bevande (9,6%) e i trasporti (7,5%) che hanno consolidato la loro posizione a scapito della voce tempo libero, svago e cultura (6,7%). Le spese per le cure mediche e i costi per la salute (esclusi i premi dell'assicurazione malattie) sono aumentate del 30 per cento circa: di conseguenza la loro quota nel budget delle economie domestiche passa dal 3,1 al 4 per cento.

    Tra le spese di trasferimento, le assicurazioni sociali (AVS, AI,
casse pensioni, assicurazione malattie di base) e le imposte
continuano ad occupare i primi posti, con quote rispettivamente di
14,3 e 13,6 per cento. Peraltro, i premi delle assicurazioni, senza
distinzione, costituiscono il 20,7 per cento del budget delle
economie domestiche.  

ots Originaltext: OFS
Internet: www.newsaktuell.ch

Contact:
Cornali Anne, UST, Sezione prezzi e consumo,
tel. +41 32 713 60 95

Bolliger Peter, BFS, Sezione prezzi e consumo,
tel.: +41 32 713 68 11

Per ordinazioni:
tel. +41 32 713 60 60
fax: +41 32 713 60 61
e-mail: Ruedi.Jost@bfs.admin.ch

Internet: www.statistica.admin.ch



Plus de communiques: Office féd. de la statistique

Ces informations peuvent également vous intéresser: