Office féd. de la statistique

Consulenza ambulatoriale sulle dipendenze nel 1999

Frequenti ricadute nonostante il desiderio di liberarsi dalla dipen Neuchâtel (ots) - Molti utenti, sia all'inizio che al termine di una consulenza ambulatoriale, desiderano liberarsi definitivamente del problema della dipendenza da eroina, alcol o altre sostanze. Questo desiderio si manifesta più sovente tra i tossicodipendenti da eroina che tra coloro che presentano problemi di alcolismo. Molte di queste persone ricadono loro malgrado nel giro delle dipendenze nel corso della consulenza psicosociale. Questo è quanto emerge dalla statistica del trattamento e dell'assistenza ambulatoriale nel campo dell'alcolismo e altre tossicodipendenze del 1999, appena pubblicata dall'Ufficio federale di statistica (UST) in collaborazione con l'Istituto svizzero di prevenzione dell'alcolismo ed altre tossicomanie (ISPA) e con l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). Problemi di dipendenza: più consulenze per gli uomini Come in passato, anche nel 1999 sono stati più gli uomini delle donne a richiedere una consulenza ambulatoriale perché dipendenti da alcol, eroina o altre sostanze. Tra le donne questa percentuale è risultata del 29 per cento sia per quanto riguarda l'alcol che l'eroina, mentre per gli uomini tale proporzione era del 71 per cento. Tra i familiari di persone affette da problemi di dipendenza sono invece piuttosto le donne (80%) a richiedere un aiuto ai servizi specializzati. Tra le persone con problemi di alcolismo passano in media 18,8 anni dall'inizio del consumo regolare prima che si rivolgano a un servizio di consulenza, mentre tra i tossicodipendenti da eroina tale periodo è di 7,9 anni. Molte persone con problemi di eroina hanno tentato più volte un trattamento, mentre tra gli alcolisti sono molto più numerosi coloro che giungono al servizio di consulenza per la prima volta: alcol: circa 56 per cento degli uomini e 44 per cento delle donne; eroina: 27 per cento degli uomini, 29 per cento delle donne). Gran parte delle persone che si recano a un consultorio sollecitano un aiuto per superare problemi relazionali. Quasi un terzo degli utenti si rivolge a un servizio di consulenza per risolvere proprie difficoltà relazionali, mentre tra i rispettivi familiari questa proporzione è di circa tre quarti. Questi presentano inoltre maggiore spirito d'iniziativa: infatti quasi l'80 per cento di essi si rivolge spontaneamente ad un servizio di consulenza contro soltanto il 55 per cento di coloro che hanno problemi di consumo. Quando il ricorso avviene dietro suggerimento, ad orientare gli interessati verso una consulenza è principalmente il personale medico; raramente gli amici fungono da tramite per una consulenza per i familiari o per le persone direttamente toccate da dipendenza da alcol o droghe. Più dipendenti da eroina che alcolisti e più donne che uomini mirano all'astinenza assoluta Tra gli utenti tossicodipendenti da eroina, il desiderio di disintossicarsi totalmente è più frequente rispetto a coloro che presentano problemi di alcolismo. All'inizio della consulenza tale proporzione è del 74 per cento tra i dipendenti da eroina e del 43 per cento tra le persone affette da alcolismo, mentre scende nettamente alla fine del periodo di consulenza per situarsi rispettivamente al 48 e al 38 per cento. Inoltre le donne manifestano più sovente questa volontà rispetto agli uomini. Diversamente da quanto si registra tra i tossicodipendenti da eroina, tra le persone affette da alcolismo si osservano spesso periodi limitati di astinenza e di consumo controllato. Ricadute più frequenti tra i dipendenti da eroina che tra gli alcolisti Tra gli utenti dei servizi di consulenza dipendenti da eroina, più del 60 per cento delle donne e più del 60 per cento degli uomini non raggiungono gli obiettivi del trattamento, mentre tra le persone con problemi di alcolismo circa il 40 per cento degli uomini e circa la metà delle donne ricade nella dipendenza. Tra le donne, le ricadute risultano relativamente frequenti ma isolate per quanto riguarda il consumo di eroina, mentre sono relativamente frequenti e ripetute riguardo al consumo di alcol. Terapia sostitutiva con il metadone Il rapporto SAMBAD del 1999 appena pubblicato dall'UST fornisce per la prima volta un quadro delle persone dipendenti da oppiacei sottoposte a programma metadonico e parallelamente iscritte a un servizio di consulenza ambulatoriale. Queste persone beneficiano cos" dell'assistenza psicosociale spesso richiesta per i trattamenti metadonici. Un terzo di tutte le persone dipendenti da oppiacei registrate dalla SAMBAD seguiva già una terapia a base di metadone all'inizio di una consulenza psicosociale. Queste persone si distinguono per vari aspetti dagli utenti non sottoposti a trattamento con metadone. Innanzitutto, coloro che seguono una terapia sostitutiva con il metadone sono un po' più anziani (donne: in media 28,0 anni, uomini: 29,3 anni) rispetto agli altri (donne: 26,4 anni, uomini: 27,9 anni). Inoltre, circa l'80 per cento di essi ha già seguito una precedente consulenza, contro il 60 per cento delle persone non sottoposte a programma metadonico. Tra coloro che seguono una terapia sostitutiva con il metadone, la quota di ricadute durante la consulenza psicosociale è maggiore (2/3) rispetto agli altri tossicodipendenti (uomini: 63%, donne: 56%). Infine, al termine della consulenza psicosociale, il tasso di disoccupazione risulta inferiore del 15 per cento circa tra gli uomini sottoposti a terapia metadonica e del 7 per cento tra coloro che non hanno seguito invece nessuna terapia. Nel 1999, in Svizzera, 17'907 persone seguivano una terapia sostitutiva con il metadone (Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). URL: http://www.act-info.ch/nms1999/findex.htm). I giorni 8 e 9 novembre 2001 l'UFSP organizzerà una conferenza nazionale sulle terapie sostitutive, in occasione della quale saranno elaborate raccomandazioni generali per le terapie sostitutive di persone dipendenti da oppiacei. Per ulteriori informazioni si rimanda all'indirizzo: http://www.admin.ch/bag/sucht/f/index/.htm Garanzia di qualità grazie al promovimento delle competenze dei collaboratori Il nuovo rapporto SAMBAD illustra per la prima volta le possibilità di perfezionamento e di supervisione dei consulenti: nel 94 per cento circa di tutti i servizi di consulenza specializzati e polivalenti e in circa l'80 per cento dei servizi psichiatrici i collaboratori hanno avuto la possibilità di perfezionarsi. I consulenti possono richiedere la supervisione di esperti esterni, i quali consigliano o assistono i collaboratori in caso di problemi con gli utenti dei centri oppure offrono un aiuto per difficoltà di comprensione tra i collaboratori. Il primo tipo di supervisione è possibile nei tre quarti circa dei servizi di consulenza specializzati e dei servizi psichiatrici, mentre il secondo tipo è possibile in più della metà dei servizi di consulenza specializzati nelle dipendenze. Un'ulteriore possibilità è costituita dall'intervisione. Per intervisione s'intende il sostegno reciproco dei consulenti per problemi con gli utenti. Indicazioni metodologiche su SAMBAD 1999 La statistica del trattamento e dell'assistenza ambulatoriale nel campo dell'alcolismo e altre tossicodipendenze (SAMBAD) viene allestita dal 1º luglio 1994. È parte integrante del programma statistico della Confederazione. La partecipazione è volontaria. Responsabile della rilevazione e dell'elaborazione dei dati è l'Ufficio federale di statistica (UST). L'analisi dei dati avviene in collaborazione con l'Istituto svizzero di prevenzione dell'alcolismo ed altre tossicomanie (ISPA) sulla base di un mandato conferito dall'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). Il relativo rapporto fornisce indicazioni sull'operato dei consultori in materia di alcolismo e tossicodipendenze di tutta la Svizzera e analizza le condizioni di vita, le modalità di consumo e i problemi che ne derivano per i loro utenti. Consultori interessati La SAMBAD considera tutti i servizi di consulenza ambulatoriali con un'offerta specializzata per le persone che soffrono di problemi inerenti alle tossicodipendenze (alcol, medicinali, droghe illegali), nella misura in cui questa offerta si estende su una durata minima di 3 contatti. I servizi che propongono aiuto puntuale, quali i servizi di mensa, i centri di contatto e di assistenza e i dormitori d'emergenza non sono considerati. Occorre effettuare una distinzione tra due livelli di indagine: nelle indagini svolte presso le istituzioni, la quota di partecipazione è dell'81,6 per cento degli istituti psicosociali registrati (218 su 267) e dell'86,5 per cento di tutti i servizi specializzati nel trattamento delle dipendenze (154 su 178). A livello delle consulenze, (statistica degli utenti) la partecipazione è del 41,2 per cento tra tutte le istituzioni registrate (110 su 267) e del 55,1 per cento tra servizi di consulenza specializzati nel trattamento delle dipendenze (98 su 178). Dall'inizio della rilevazi one il numero dei servizi di consulenza è diminuito e con essi anche la popolazione censita dalla statistica SAMBAD. In particolare è sceso il numero dei servizi di consulenza nell'ambito dell'alcolismo, mentre nel campo delle droghe illegali il numero dei consultori è aumentato in un primo tempo fino al 1997 per poi diminuire dal 1998 in poi. Consulenze risp. trattamenti registrati La SAMBAD non registra i singoli utenti, bens" le consulenze (terapie, assistenza). Le persone che si rivolgono a più consultori sono pertanto registrate più volte. Nella statistica rientrano solo episodi di consulenza che comportano almeno 3 contatti. La statistica comprende i nuovi casi, i casi conclusi e i rapporti intermedi (i cosiddetti censimenti di fine anno) relativi alle consulenze e ai trattamenti offerti dai servizi ambulatoriali presi in considerazione. I consultori che hanno partecipato all'indagine hanno registrato nel 1999 complessivamente 5'319 nuovi casi. Questa cifra corrisponde solo a una parte dei casi trattati. 2'153 delle consulenze concluse erano state avviate prima del 1999, mentre per 2'979 casi del 1999 sono disponibili solo i dati relativi al censimento di fine anno. ots Originaltext: UST Internet: www.newsaktuell.ch Contatto: Mark Galliker, Istituto svizzero di prevenzione dell'alcolismo e altre tossicomanie (ISPA), Losanna Tel. +41 21 321 29 91 Ordinazioni: +41 21 321 29 91 Roland Calmonte, Ufficio federale di statistica, Neuchâtel Tel. +41 32 713 65 64 Nuove pubblicazioni: Ufficio federale di statistica, Prises en charge ambulatoires des problèmes de dépendance en 1999, Neuchâtel 2001. Numero di ordinazione: 229-9900 Ordinazioni: Tel. +41 32 713 60 60, Fax +41 32 713 60 61 Per altre informazioni si rimanda al sito Internet dell'UST all'indirizzo: http://www.statistik.admin.ch

Ces informations peuvent également vous intéresser: