Office féd. de la statistique

Il settore alberghiero svizzero nel semestre invernale 2000/01

Stagione invernale record per la statistica del turismo

    Berna (ots) - In base alla rilevazione totale realizzata dall'Ufficio federale di statistica (UST) presso gli stabilimenti alberghieri della Svizzera, nel corso del semestre invernale 2000/01 (novembre-aprile) il settore alberghiero svizzero ha registrato 15,03 milioni di pernottamenti. Il numero di pernottamenti è aumentato del 3,5% (+515'000), segnando un rialzo per la quinta volta consecutiva. Il risultato del periodo in rassegna, il migliore dall'introduzione della statistica ufficiale del turismo (1934/35), supera del 10,9% la media degli ultimi cinque inverni e del 7,4% quella degli ultimi dieci.

    Al successo dell'inverno 2000/01 hanno contributo la congiuntura internazionale favorevole, il buon clima di consumo in Svizzera, un tasso di cambio vantaggioso per il dollaro americano e la neve caduta all'inizio della stagione. L'andamento positivo del turismo svizzero è anche il frutto dell'intensificazione degli sforzi promozionali e del buon rapporto qualità/prezzo dell'offerta.

    Le presenze sono cresciute durante tutto il periodo in rassegna, salvo in marzo, quando la domanda dei turisti svizzeri e stranieri è calata del 2,8%. La notevole progressione dei pernottamenti osservata nel marzo 2000 (+17% rispetto al 1999) relativizza tuttavia la diminuzione registrata nel marzo 2001. I maggiori aumenti sono stati segnati nei mesi di febbraio (+198'000/+6,8%) e dicembre (+178'000/+9,2%).

    Progressione della domanda svizzera

    La clientela svizzera ha totalizzato 6,35 milioni di pernottamenti, pari a 110'000 o all'1,8% in più dell'anno precedente. Si tratta del terzo miglior risultato dopo i record del 1990/91 (6,53 milioni) e del 1988/89 (6,33 milioni). Il numero di arrivi è aumentato di 66'900 (+2,7%), per un totale di 2,53 milioni. La durata media del soggiorno è rimasta stabile a 2,5 pernottamenti. La domanda indigena è cresciuta durante i primi cinque mesi della stagione invernale, e segnatamente in dicembre (+35'700/+4,4%), ma è calata in aprile (-1,2%).

    Netto rialzo della domanda in provenienza dall'estero Il turismo in provenienza dall'estero ha raggiunto 8,68 milioni di pernottamenti (+405'000/+4,9%). Si tratta del miglior risultato dall'introduzione della statistica ufficiale del turismo (1934/35). Questo buon risultato è dovuto soprattutto alla progressione della domanda europea (+266'000/+4,0%). Anche la domanda extra-europea è notevolmente aumentata (+139'000 /+9,0%). Hanno segnato i maggiori rialzi i clienti provenienti dal Regno Unito (+110'000/+13,5%), dagli Stati Uniti (+50'900/+8,1%), dalla Russia (+23'900/+26,6%), dalla Germania (+22'600/+0,8%) e dalla Francia (+20'500/+3,3%). È risultato invece in calo l'afflusso di ospiti giapponesi (-2500/-1,4%). La durata media del soggiorno degli ospiti provenienti dall'estero è rimasta di 3,0 notti.

    Complessivamente favorevole l'evoluzione nelle varie regioni

    Gli alberghi hanno registrato più pernottamenti rispetto al semestre invernale 1999/00 in sette regioni turistiche su dodici. La domanda è progredita sensibilmente nei Cantoni Grigioni (+184'000/+5,5%), Zurigo (+130'000/+8,7%), Vallese (+70'700/+3,2%), Ginevra (+69'300/+7,2%) e Vaud (+66'000/+6,5%). Il maggior calo è stato registrato dal Canton Ticino (-37'000/-5,0%). La domanda indigena è cresciuta solo in cinque delle dodici regioni turistiche, quella in provenienza dall'estero in dieci delle dodici regioni.

    Progressione della domanda nelle quattro zone turistiche Il numero di pernottamenti è aumentato in tutte e quattro le zone turistiche. Le località di montagna (+234'000/+3,3%) e le grandi città (Basilea, Berna, Ginevra, Losanna e Zurigo: +220'000/+8,8% in totale) hanno ottenuto nettamente i migliori risultati, mentre la progressione è stata più modesta nelle zone senza vocazione turistica (+42'700/+1,5%) e nelle zone dei laghi (+18'100/+0,9%).

    Tasso d'occupazione

    Nella media nazionale e stagionale, durante il periodo in rassegna il tasso d'occupazione dei letti disponibili è progredito, passando dal 37,8% al 39,5%, mentre il tasso d'occupazione delle camere disponibili è stato del 46,9% (1999/00: 44,9%).

ots Originaltext: Ufficio federale di statistica UFS
Internet: www.newsaktuell.ch

Contatto:
Barbara Jeanneret o Jean W. Flückiger, UST, Sezione turismo,
tel. +41 31 323 63 21 o 323 65 00

Maggiori informazioni sono disponibili nel sito Internet dell'UST
all'indirizzo http://www.statistique.admin.ch

Nuova pubblicazione:
Il rapporto dettagliato "Les hôtels et les établissements de cure en
Suisse, l'offre et la demande pendant le semestre d'hiver 2000/01"
sarà pubblicato nel luglio 2001.



Plus de communiques: Office féd. de la statistique

Ces informations peuvent également vous intéresser: