Office féd. santé publique

Nitrofurani nelle derrate alimentari d'origine animale: le autorità intensificano le misure

    Berne (ots) - Grazie ai più recenti metodi di analisi, oggi può essere rilevata non solo la presenza di residui di antibiotici del gruppo dei nitrofurani, ma anche dei suoi prodotti di decomposizione. Dai primi esami effettuati con questi nuovi metodi, in alcuni campioni di prodotti avicoli importati sono stati trovati anche in Svizzera prodotti di decomposizione dei nitrofurani. Le autorità competenti hanno adottato i provvedimenti necessari.

    Nei mesi di febbraio e marzo di quest'anno, nell'UE sono stati trovati residui di nitrofurani nei frutti di mare e nel pesce provenienti dal Sudest asiatico e dal Sudamerica. Nel frattempo sono stati effettuati dei controlli su merci provenienti dal Sudest asiatico e da altri Paesi. Sono stati messi a punto nuovi metodi di analisi che, oltre alle sostanze di partenza - a durata di vita estremamente breve, i nitrofurani per l'appunto - permettono di rilevare anche i loro prodotti di decomposizione, più persistenti e parimenti ritenuti problematici.

    I nuovi metodi di analisi vengono attualmente introdotti in Svizzera. Sulla base dei primi risultati positivi scaturiti dall'autocontrollo dell'industria alimentare, le autorità hanno fatto analizzare con tali metodi diversi campioni di carni avicole. In quest'ambito è stata accertata la presenza di prodotti di decomposizione dei nitrofurani in merci con carne di volatili provenienti da diversi macelli cinesi. I campioni degli altri Paesi (Germania, Francia, Ungheria) non presentavano invece alcun residuo. A causa di questi ritrovamenti, i macelli in questioni sono stati chiusi; ulteriori accertamenti mostreranno se il problema si limita alle merci di provenienza cinese, rispettivamente ai prodotti avicoli.

    L'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) e l'Ufficio federale di veterinaria (UFV) hanno informato gli importatori, esortandoli a prendere i necessari provvedimenti affinché la merce contaminata non giunga in commercio. Le autorità esecutive cantonali, dal canto loro, esamineranno il rispetto di tali provvedimenti per mezzo di prove a caso, potenzieranno le capacità di analisi per il nuovo metodo e intensificheranno i controlli ufficiali nel settore dei nitrofurani e dei loro prodotti di decomposizione. L'UFSP introdurrà dal 13 agosto 2002 un valore limite per i nitrofurani e i loro prodotti di decomposizione. Gli Uffici federali forniranno ulteriori informazioni non appena saranno in possesso di nuove conoscenze sulla problematica.

    I nitrofurani sono antibiotici che nella medicina umana sono impiegati a titolo terapeutico per un breve periodo di tempo. Poiché però, in esperimenti di lunga durata su cavie da laboratorio, si è osservato che dette sostanze comportavano danni del patrimonio genetico e lo sviluppo di tumori, il loro impiego negli animali allevati a scopi alimentari è stato vietato in Svizzera e negli Stati che esportano tali merci verso il nostro Paese.

ots Originaltext: OFSP/OVF
Internet: www.newsaktuell.ch

Contatto:
Ufficio federale della sanità pubblica
Urs Klemm
Vicedirettore
Tel. +41/31/322'95'05

Ufficio federale di veterinaria
Myriam Holzner
Comunicazione
Tel. +41/31/323'85'68