Dép. féd. enviro., transp., énerg., comm

(ots) Convenzione delle Alpi: la Svizzera firma il Protocollo sui trasporti

Berna (ots) - Il Consiglio federale ha autorizzato Moritz Leuenberger, capo del DATEC, a firmare il Protocollo »Trasporti" relativo alla Convenzione delle Alpi. Esso pone le condizioni quadro per una mobilità sostenibile nello spazio alpino e contribuisce al trasferimento del traffico dalla strada alla rotaia. La firma avverrà il 31 ottobre 2000 a Lucerna, in occasione della VI Conferenza delle Alpi. Il Protocollo Trasporti" dovrebbe essere approvato da tutte le Parti contraenti. Il Protocollo »Trasporti", negoziato dopo lunghe trattative, obbliga le Parti contraenti alla Convenzione delle Alpi (Germania, Francia, Italia, Principato del Liechtenstein, Principato di Monaco, Austria, Slovenia, Svizzera e la Comunità europea) ad assicurare una mobilità sostenibile nello spazio alpino che risulti sopportabile per le persone, la fauna e la flora. In quest'ambito occorre segnatamente tenere conto dei seguenti elementi: - la nuova costruzione e le trasformazioni sostanziali delle infrastrutture di trasporto devono essere concordate fra i Paesi; - vanno favoriti mezzi di trasporto ecocompatibili; - i costi delle nuove costruzioni nel settore delle infrastrutture di trasporto devono essere sostenuti dai loro promotori; - è necessario rinunciare alla costruzione di nuove strade transalpine. La costruzione di nuove strade intraalpine continua ad essere possibile, purché l'esame dell'impatto sull'ambiente abbia esito positivo e le esigenze in materia di trasporto non possano essere soddisfatte mediante un migliore sfruttamento delle potenzialità offerte dall'infrastruttura esistente, o per mezzo di misure inerenti all'organizzazione del traffico. Il Protocollo »Trasporti" non preclude la costruzione di una seconda galleria autostradale al Gottardo. Firma dei Protocolli »Composizione delle controversie" ed Energia" Oltre al Protocollo »Trasporti", a Lucerna il ministro Leuenberger firmerà anche il Protocollo sulla composizione delle controversie e quello sull'energia, entrambi adottati dalle Parti contraenti durante la V Conferenza delle Alpi di Bled. In tal modo la Svizzera avrà firmato tutti i Protocolli relativi alla Convenzione delle Alpi. Il nullaosta alla loro ratifica dovrà venire dal Parlamento. All'ordine del giorno della Conferenza delle Alpi figurano anche il rapporto sull'inverno di valanghe 1998/1999, la questione dell'istituzione di un Segretariato permanente, la riorganizzazione del Sistema di osservazione e informazione delle Alpi (SOIA) e i rapporti sugli obiettivi di qualità ambientali specifici del territorio alpino, sullo stato dell'attuazione della Convenzione e dei suoi Protocolli e sulla collaborazione nell'ambito dell'iniziativa europea INTERREG IIIB / Alpine Space». VI Conferenza delle Alpi a Lucerna Il 30 e 31 ottobre prossimi si terrà a Lucerna, presso il Kultur- und Kongresszentrum, la VI Conferenza delle Alpi. Il Consigliere federale, on. Moritz Leuenberger, presiederà l'incontro, al quale sono attesi i ministri dell'ambiente delle Parti contraenti nonché i rappresentanti di numerose organizzazioni non governative. La Svizzera ha assunto la presidenza della Convenzione delle Alpi negli anni 1999 e 2000. La Conferenza delle Alpi siriunisce ogni due anni a livello ministeriale. ots Originaltext: DATEC Dipartimento federale dell'Ambiente, dei Trasporti, dell'Energia e delle Comunicazioni Servizio stampa Internet: www.newsaktuell.ch Contatto: Arthur Mohr, presidente del Comitato permanente, capo della Divisione Economia e Ricerca, UFAFP, tel. +41 31 322 93 29. Maria Senn, coordinatrice Convenzione delle Alpi, Divisione Economia e Ricerca, UFAFP, tel. +41 31 322 33 82. Accreditamento dei giornalisti invitati alla VI Conferenza delle Alpi a Lucerna: Monika Kunz, Comunicazione, UFAFP, tel. +41 31 323 09 87, e-mail: monika.kunz@buwal.admin.ch.

Ces informations peuvent également vous intéresser: