Département fédéral de l'intérieur

Il Consiglio federale rafforza il suo impegno nella lotta contro il razzismo e l'estremismo:

Sostegno a progetti per i diritti umani e contro il razzismo e creazione di un nuovo servizio specializzato nella lotta al razzismo presso il DFI Berna (ots) - Il Consiglio federale ha approvato un credito di 15 milioni di franchi per dei progetti a favore dei diritti umani e della prevenzione del razzismo, realizzando cos" i provvedimenti annunciati nella dichiarazione rilasciata in merito al Rapporto della Commissione indipendente Svizzera - Seconda guerra mondiale. Il Consiglio federale istituirà inoltre presso la Segreteria generale del Dipartimento federale dell'interno (DFI) un servizio specializzato nella lotta contro il razzismo. In tal modo, reagisce al bisogno tangibile di un rafforzamento delle attività della Confederazione nell'ambito della lotta al razzismo e all' estremismo. Il Consiglio federale è convinto che il programma reso possibile con l'odierno decreto rappresenti un segnale importante nella volontà tanto di prevenire l'insorgere di fenomeni quali l'antisemitismo, il razzismo e la xenofobia quanto di sensibilizzare l'opinione pubblica sui problemi che incontrano i gruppi discriminati e sui diritti umani. Il decreto verte sui punti seguenti: - un credito d'impegno limitato a cinque anni per un totale di 15 milioni di franchi nel periodo dal 2001 al 2005 - in accordo con la CDPE (Conferenza dei direttori della pubblica educazione) la fondazione per lo sviluppo e la formazione "Stiftung Bildung & Entwicklung" riceve il mandato di appoggiare ed assistere progetti contro il razzismo e a favore dei diritti umani, da avviare in ambito scolastico e secondo criteri ben definiti, beneficiando di 2,5 milioni di franchi prelevati dal totale menzionato - il DFI è incaricato di applicare i decreti di comune accordo con il gruppo di lavoro e gli uffici interessati e di assumersi il coordinamento, l'informazione, l'assistenza e la valutazione dei progetti nonché il relativo lavoro di relazioni pubbliche - i dipartimenti e gli uffici sono incaricati di prestare maggiore attenzione all'argomento in questione nell'espletare i propri compiti integrandolo ancor più e a lungo termine nel proprio lavoro e nei propri programmi di formazione. L'argomento deve essere previsto anche nei futuri programmi di formazione per gli impiegati dell'amministrazione federale. In occasione della pubblicazione del rapporto della Commissione Bergier (il 6 dicembre 1999) e con decreto del 28 giugno 2000, il Consiglio federale si era dichiarato in linea di principio disposto a sostenere finanziariamente progetti di sensibilizzazione e prevenzione avviati da terzi nei settori dei diritti umani, della prevenzione di antisemitismo, razzismo, xenofobia e della sensibilizzazione per le problematiche di gruppi discriminati. Aveva dunque incaricato il gruppo di lavoro interdipartimentale (DFAE, DFI, DFGP, DFE) di sottoporgli proposte concrete di applicazione all'interno ed all'esterno dell'amministrazione federale. Il gruppo di lavoro ha elaborato le proposte in base ai risultati di incontri con esperti e di un'ampia indagine a livello nazionale presso le organizzazioni che si occupano dell'argomento. Il Consiglio federale è fermamente convinto che non sono sufficienti misure legali per lottare contro l'estremismo. Con il decreto approvato il 2 ottobre 2000 aveva quindi affidato al DFI il mandato di verificare l'opportunità di creare all'interno dell'amministrazione federale un nuovo servizio specializzato nella lotta al razzismo. La proposta del DFI - che il Consiglio federale ha approvato - si fonda sulle esperienze realizzate dalla Commissione federale contro il razzismo nel corso dei suoi cinque anni di attività. Compito del nuovo servizio sarà coordinare e correlare i provvedimenti interni all'amministrazione contro il razzismo e l'estremismo. Inoltre, fungerà da punto di riferimento per i Cantoni e le istituzioni. Il servizio sarà anche incaricato dell'approvazione e dell'accompagnamento dei progetti sui diritti umani e contro il razzismo, per i quali il Consiglio federale, per dar seguito al Rapporto della commissione indipendente Svizzera - Seconda guerra mondiale, stanzia oggi un credito di 15 milioni di franchi suddiviso sull'arco di cinque anni. Il nuovo servizio (in totale 2,5 posti) andrà posizionato accanto all'attuale Segreteria della Commissione federale contro il razzismo (CFR). Nel contempo, la Segreteria della CFR viene sgravata da incarichi amministrativi interni e rafforzata. ots Originaltext: DFI Internet: www.newsaktuell.ch Contatto: Dipartimento federale dell'interno, Servizio stampa ed informazione Suzanne Auer, responsabile dell'informazione, tel. +41 31 322 80 16

Ces informations peuvent également vous intéresser: