Département fédéral de l'intérieur

Statistica dell'agricoltura più importante che mai

    Berna (ots) - In un settore in profonda trasformazione come quello agricolo, le informazioni statistiche sono indispensabili per potersi fare un'opinione e provvedere alle necessarie pianificazioni. Oggi, dalla statistica dell'agricoltura ci si attendono dati che forniscano informazioni a livello temporale, geografico e che consentano confronti a livello internazionale. La pubblicazione dal titolo "Reflets de l'agriculture suisse" realizzata dall'Ufficio federale di statistica (UST), presenta le principali informazioni statistiche relative a questo settore in maniera chiara e accessibile a un vasto pubblico.

    Importanti cambiamenti del quadro economico generale

    Dal 1991, il valore aggiunto lordo del settore dell'agricoltura e della selvicoltura continua a diminuire sia in cifre assolute che proporzionalmente. La quota di occupati nel settore primario rispetto al totale è scesa dall'8,6 per cento al 4,7 per cento tra il 1970 e il 1998. Un'evoluzione analoga si è verificata anche negli altri Paesi europei, ma con proporzioni diverse. Infatti, se in Spagna la quota di occupati in questo settore è scesa dal 29,5 al 7,9 per cento tra il 1970 e il 1998, in Germania essa è passata dall'8,6 al 2,8 per cento.

    Per sopravvivere, le aziende devono espandersi

    Osservando i risultati dei censimenti delle aziende agricole, ci si rende conto che il cambiamento strutturale avanza a un ritmo assai impressionante. Fino a non molti anni fa, esisteva ancora un elevato numero di piccole strutture agricole che oggi non sono praticamente più in grado di sopravvivere. Da un'osservazione a lungo termine delle classi di grandezza delle aziende, emerge che anche unità più grandi sono costrette a chiudere i battenti e che la pressione a doversi espandere per sopravvivere diventa sempre più forte. Infatti, se fino al 1990 le aziende della classe di grandezza di 15-20 ettari di superficie agricola utile (SAU) erano ancora in aumento, questa ondata di crescita si è spostata dal 1996 alle aziende di 20-25 ettari.

    A farne le spese sono i dipendenti. Infatti, più il numero di aziende agricole diminuisce, più aumentano le dimensioni di quelle restanti, più il numero di posti di lavoro regredisce. Tra il censimento delle aziende agricole del 1990 e quello del 1996 le aziende con una SAU fino a 20 ettari hanno registrato un calo di 41 800 addetti, mentre quelle con più di 20 ettari hanno constatato un aumento di 13 400 addetti.

    Ecologia e salute nel settore primario

    Sempre maggiore importanza è attribuita alle cosiddette statistiche di sintesi. Concatenando dati statistici con indicatori, esse consentono di fornire informazioni significative e misurabili sulle correlazioni tra una certa situazione e le cause che l'hanno determinata. Per esempio collegando tra loro i dati di rilevazioni (utilizzazione del suolo, effettivo del bestiame da reddito, produzione) e i risultati di ricerche (fissazione, deposito e afflusso di sostanze nutritive) possono essere ottenuti i bilanci delle sostanze nutritive. Per esempio, l'indicatore "eccedenza di azoto per ha SAU" ha registrato un calo del 24 per cento nella media triennale tra il 1985/87 e il 1995/97. Questo e altri indicatori simili consentono di misurare l'aspetto ecologico e sostenibile dell'agricoltura.

    Con l'ausilio dell'indagine sulla salute in Svizzera del 1997 realizzata dall'UST, possono essere stabiliti paralleli tra lo stato di salute della popolazione contadina e della popolazione rimanente. Un contadino su due afferma per esempio di soffrire di mal di schiena, un problema che riguarda invece soltanto il 35 per cento degli uomini non attivi in questo ambito. Dolori articolari sono segnalati dal 41 per cento degli agricoltori, contro il 34 per cento degli altri uomini. Anche gli infortuni sul lavoro sono superiori presso i contadini che negli altri gruppi professionali.

ots Originaltext: ufficio federale di statistica
Internet: www.newsaktuell.ch

Contatto:
Jean-François Fracheboud, UST,
Sezione agricoltura e selvicoltura, tel. 032 713 67 34
Per ordinazioni: tel. 032 713 60 60, fax: 032 713 60 61, e-mail:
ruedi.jost@bfs.admin.ch
Nuova pubblicazione: UST, Reflets de l'agriculture suisse. Edition
2000. Neuchâtel 2000, n. di ordinazione: 214-0000, prezzo Fr. 18.-
I comunicati stampa sono disponibili anche su Internet (in francese e
in tedesco) all'indirizzo: www.statistik.admin.ch



Plus de communiques: Département fédéral de l'intérieur

Ces informations peuvent également vous intéresser: