Chancellerie fédérale ChF

Giornata dell'Europa: Discorso del Presidente della Confederazione Moritz Leuenberger

    Köniz (ots) -

    In occasione dell'odierna Giornata dell'Europa rivolgo il mio pensiero al gemellaggio che unisce due Comuni molto diversi: Prijepolje, nella Serbia meridionale, e Köniz, alle porte di Berna.

    Entrambi hanno buoni motivi per festeggiare la Giornata dell'Europa. Lo fanno anche 43 Paesi europei, uno dei quali è la Svizzera. Da 38 anni siamo membri del Consiglio d'Europa. Questa organizzazione per la collaborazione e la pace in Europa fu fondata il 5 maggio 1949, poco dopo la fine della Seconda guerra mondiale. Gli Stati europei non volevano più guerre e decisero di fare tutto il possibile

    - per salvaguardare insieme la pace, i diritti umani e la democrazia nel vecchio continente;

    - per combattere insieme la xenofobia e l'intolleranza;

    - per avvicinare tra di loro tutte gli abitanti dell'Europa e promuovere la solidarietà e l'aiuto reciproco.

    Questi sono gli obiettivi ideali, che vengono perseguiti attraverso fatti concreti.

    Sotto l'égida del Consiglio d'Europa, per esempio, hanno luogo gemellaggi fra Comuni svizzeri e Comuni esteri. Come appunto quello fra Köniz e Prijepolje, del quale vi voglio parlare. Ne esistono anche altri, per esempio tra il villaggio neocastellano di St. Blaise e quello tedesco di St Blasien; o fra Morcote e Viarmes, in Francia.

    Prijepolie è un villaggio dell'attuale Federazione jugoslava; la sua popolazione è per metà serba e per metà musulmana, e durante la guerra combattuta nei Balcani negli anni Novanta ha sempre cercato coraggiosamente di preservare la convivenza pacifica fra le diverse etníe e religioni. In tutti quegli anni, Köniz ha sostenuto e aiutato Prijepolje nel suo sforzo di pacificazione: delegazioni delle autorità, squadre sportive e classi scolastiche si sono rese visita a vicenda, artisti di Prijepolje hanno esposto le loro opere a Köniz e viceversa, si è discusso insieme della guerra, della tolleranza e dell'odio, delle basi e degli strumenti per una politica locale democratica e si è anche semplicemente chiacchierato e fatto festa insieme.

    Il fatto di sapere di avere amici in Svizzera ha dato forza alla gente di Prijepolje. Durante la guerra, il villaggio è riuscito non solo a rimanere una comunità multietnica, ma ha anche accolto numerosi profughi. Ha quindi assunto un ruolo attivo dal punto di vista umanitario e ha dato un contributo al ristabilimento della pace nei Balcani ed in Europa.

    Come hanno fatto e continueranno a fare Prijepolje e Köniz, anche migliaia di altri Comuni operano a favore della convivenza pacifica in Europa e nel mondo. Da questo punto di vista, la Svizzera è uno dei Paesi che si impegnano di più.

    La scorsa settimana ho visitato la Bosnia-Herzegowina e la Jugoslavia, ed ho visto quanto sta facendo la Svizzera in queste regioni. Ho visto,

    - come gli operatori culturali svizzeri e quelli di Belgrado o Sarajevo stiano tessendo una delle più robuste reti che una civiltà possa realizzare, vale a dire quella dell'espressione culturale e dello scambio tra persone ed etníe diverse;

    - ho visto come i volontari e le volontarie delle organizzazioni di aiuto svizzere si stiano dando da fare per ricostruire case e ripristinare vie di comunicazione e come gli specialisti del nostro Paese mettano a disposizione il loro sapere e le loro conoscenze;

    - e ho visto come i giovani soldati svizzeri stiano lavorando con vigore alla ricostruzione del Paese;

    È cos" che si costruisce la pace, in Europa come altrove!

    Fra un mese saremo chiamati a votare per decidere se questi giovani soldati svizzeri avranno la possibilità di difendersi in caso di aggressione. Noi lo vogliamo, affinché la tradizione svizzera di impegno a favore della pace possa continuare.

    L'Europa è un grande progetto di pace. La Svizzera vi partecipa, costruendo e fornendo il sostegno necessario. Lo fa da lungo tempo e intende continuare a farlo.

    È un compito bello e gratificante, e siamo felici di poterlo adempiere.

    Fa fede il testo parlato!

ots Originaltext: CaF
Internet: www.newsaktuell.ch

Contatto:
Cancelleria federale CaF



Plus de communiques: Chancellerie fédérale ChF

Ces informations peuvent également vous intéresser: