SWI swissinfo.ch

Media Service: Adolf Ogi: "Non si può fare politica in modo grossolano" (swissinfo.ch)

Adolf Ogi.

    Bern (ots) -

    - Indicazioni: Una fotografia può essere scaricata su    
        http://www.presseportal.ch/fr/pm/100001296/?langid=4 -

    In un'intervista esclusiva con swissinfo l'ex ministro Adolf Ogi riconosce la vittoria alle elezioni federali del suo partito, esigendo tuttavia dall'Unione democratica dei centro pieno impegno per trovare le migliori soluzioni nell'interesse dell'intero paese.

    Nell'intervista domenicale concessa a swissinfo -  il portale d'informazione destinato agli gli svizzeri all'estero e alla comunità internazionale - l'ex consigliere federale Adolf Ogi, rappresentante speciale dell'ONU per lo sport, lo sviluppo e la pace, lancia un appello al suo partito l'Unione democratica di centro (UDC): "Il 21 ottobre 2007 l'UDC ha conseguito una vittoria storica alle elezioni parlamentari, ma deve adesso impegnarsi per individuare le migliori soluzioni per il paese intero e non unicamente per il partito."

    Adolf Ogi, 65 anni, ha ricoperto la carica di consigliere federale per 12 anni dal 1988 fino al 2000 ed è stato a due riprese presidente della Confederazione. Dopo il suo ritiro dal governo Kofi Annan, allora segretario generale dell'ONU, lo ha nominato nel 2001 rappresentante speciale dell'ONU per lo sport, lo sviluppo e la pace. Negli ultimi sette anni Ogi ha percorso in lungo e in largo il mondo per diffondere lo sport come scuola di vita e strumento di pace. Alla fine del 2007 si ritirerà con tutta probabilità dalla carica dell'ONU: "È tempo che una nuova persona assuma questa responsabilità".

    Nell'intervista con swissinfo Adolf Ogi traccia un bilancio del suo mandato settennale all'ONU, si esprime sull'immagine della Svizzera all'estero e formula le sue aspettative nei confronti dell'Euro 2008.

    L'intera intervista e il video sono disponibili sul sito di swissinfo www.swissinfo.ch.

Contatto: peter.schibli@swissinfo.ch



Plus de communiques: SWI swissinfo.ch

Ces informations peuvent également vous intéresser: