Bundesamt für Privatversicherungen

Appena un terzo degli assicuratori aumenta i premi delle assicurazioni complementari d'ospedalizzazione

      (ots) - Le discussioni sui premi delle assicurazioni malattia
complementari si sono concluse. Per il 2005, 37 dei 62 assicuratori
hanno richiesto una modifica dei premi. Di queste richieste 19
concernono le assicurazioni complementari d'ospedalizzazione private
o semiprivate. In diversi casi l'Ufficio federale delle
assicurazioni private (UFAP) non ha approvato le richieste di
aumento nella loro forma originaria. Tre sono state accolte dopo
alcuni adeguamenti, mentre una è stata ritirata a seguito
dell'intervento dell'UFAP.

    Nel 2005, non tutte le persone che hanno concluso un'assicurazione malattia complementare dovranno sborsare di più. Dei 19 assicuratori che intendono modificare le loro tariffe per l'assicurazione complementare d'ospedalizzazione, 18 richiedono in parte premi più elevati e quattro propongono anche riduzioni dei premi. Un assicuratore richiede unicamente riduzioni dei premi. Il motivo principale degli adeguamenti - nelle due direzioni - risiede soprattutto nell'evoluzione delle prestazioni assicurative, tra l'altro quale conseguenza delle modifiche nella composizione del portafoglio degli assicurati.

    Diversamente dall'assicurazione obbligatoria di base, i prodotti offerti dagli assicuratori nell'ambito dell'assicurazione complementare facoltativa non sono, o lo sono difficilmente, paragonabili tra di loro. Per questo motivo e visto che i premi variano fortemente a dipendenza dell'età, il calcolo di un valore medio per l'aumento dei premi è poco attendibile. Ciononostante è possibile affermare che gli aumenti applicati dai maggiori assicuratori si situano tra lo 0 e il 12 per cento. Aumenti più consistenti possono risultare nelle assicurazioni per le cure medico-dentarie e alternative, in particolare a seguito di una maggiore sollecitazione di queste prestazioni.

Informazioni: Thomas Handschin, 031 322 79 16, thomas.handschin@bpv.admin.ch



Plus de communiques: Bundesamt für Privatversicherungen

Ces informations peuvent également vous intéresser: