Bundesamt für Privatversicherungen

Contributi di base: rimborso ai titolari di un'assicurazione complementare quasi ultimato

(ots) - 22 mar 2004 (UFAP) La maggior parte dei 250 milioni versati dai Cantoni alle casse malati a titolo di contributi di base per il 2001 è stata nel frattempo accreditata agli assicurati titolari di un'assicurazione complementare. Il processo di distribuzione è stato ritardato dal fatto che non tutti i piani di distribuzione degli assicuratori hanno potuto essere approvati subito dall'Ufficio federale delle assicurazioni private (UFAP). Inoltre, i ricorsi presentati da alcuni assicuratori contro le decisioni dell'UFAP non sono ancora stati evasi. Questo rimborso è un'azione straordinaria. Conformemente a quanto statuito dal Tribunale federale delle assicurazioni alla fine del 2001, i Cantoni devono versare il contributo per l'assicurazione di base obbligatoria anche ai titolari di un'assicurazione che copre le spese in reparto privato e semiprivato. In un accordo concluso con santésuisse, i Cantoni si sono impegnati a versare per il 2001 un contributo forfettario di 250 milioni di franchi agli assicuratori malattia, che lo avrebbero dovuto trasferire a loro volta agli assicurati. Questa azione è quasi giunta al termine: agli aventi diritto sono stati versati sinora 216 milioni di franchi, vale a dire l'86,5 per cento del contributo complessivo. Norme applicabili per il rimborso Il rimborso dovrebbe essere effettuato in proporzione ai premi e ne dovrebbero beneficiare le persone che alla fine del 2001 erano assicurate nel reparto privato o semiprivato. Il rimborso è avvenuto principalmente mediante versamento postale oppure compensazione con le fatture relative ai premi per il 2004 o con le perdite subite nel 2001. Per calcolare sull'importo di 250 milioni la quota parte spettante a ciascun assicuratore malattia attivo nel settore della complementare, i Cantoni si sono basati sui giorni di degenza in ospedale. Alla fine di marzo 2003, tutti gli assicuratori hanno presentato all'UFAP un piano con i dettagli della prevista distribuzione. Al termine, l'UFAP ha ricevuto una conferma di esecuzione con l'indicazione degli importi effettivamente distribuiti. Gli assicuratori che nel settore dell'assicurazione per i reparti privato e semiprivato hanno dimostrato di aver chiuso l'esercizio 2001 in perdita e rinunciato a compensare tali perdite con un aumento dei premi hanno potuto compensare l'ammanco con i contributi di base. Il saldo residuo è stato distribuito agli assicurati. L'UFAP non ha accettato tutti i piani di distribuzione I piani di distribuzione degli assicuratori malattia presentavano notevoli discordanze. L'UFAP ha respinto i piani in cui i contributi di base erano destinati ad aumentare gli accantonamenti o venivano inclusi nel calcolo della tariffa 2004. La mancata approvazione di questi piani ha ritardato il processo di distribuzione. Inoltre, i ricorsi presentati da alcuni assicuratori contro le decisioni dell'UFAP non sono stati ancora evasi. Contributi di base dal 2002 e futuri premi La distribuzione dei contributi di base 2001 è stata un'azione a carattere eccezionale: dal 2002 i Cantoni versano i loro contributi per la riduzione dei costi delle cure stazionarie intracantonali di pazienti in reparto privato o semiprivato direttamente agli ospedali pubblici e a quelli sussidiati dall'ente pubblico. In tal modo, le relative prestazioni degli assicuratori si ridurranno leggermente, il che si ripercuoterà positivamente sui premi per la copertura assicurativa in reparto privato e semiprivato. In effetti, dal 2003 l'aumento dei premi è stato decisamente meno importante di quello registrato negli anni precedenti; i contributi dei Cantoni potrebbero aver contribuito in misura determinante a questa inversione di tendenza. Nel 2002 i Cantoni hanno partecipato nella misura del 60 per cento ai costi delle cure stazionarie intracantonali in reparto privato e semiprivato di ospedali pubblici e di ospedali sussidiati dall'ente pubblico, nel 2003 in ragione dell'80 percento e nel 2004 del 100 per cento. In tal modo hanno rispettato la volontà espressa dal legislatore nella legge federale urgente riguardante gli esercizi 2002, 2003 e 2004. Parallelamente, risulta amplificato anche l'effetto di sgravio a beneficio degli assicuratori malattia nel settore dell'assicurazione complementare. Secondo le statistiche, tale effetto potrebbe estendersi con due anni di ritardo anche ai premi del 2005 e del 2006, sempre che non venga annullato da un ulteriore aumento dei costi della salute. Informazioni per i giornalisti: Thomas Handschin, tel. 031/322 79 16 Ufficio federale delle assicurazioni private Friedheimweg 14 CH-3003 Berna http://www.bpv.admin.ch

Ces informations peuvent également vous intéresser: