Eidg. Institut für Geistiges Eigentum

IGE: Negoziati OMC: l’11 giugno 2003 si terrà a Ginevra una giornata dedicata alle indicazioni geografiche

      (ots) - Con l’avvicinarsi della prossima conferenza ministeriale
dell’OMC che si terrà a Cancun (Messico) nel settembre del 2003, le
richieste per condizioni migliori nell’ambito della protezione delle
indicazioni geografiche a livello internazionale si fanno sempre più
insistenti. L’11 giugno 2003 produttori provenienti da tutto il
mondo e i rappresentanti di numerosi paesi membri dell’OMC si
riuniranno a Ginevra per sensibilizzare l’ala dell’OMC ancora
scettica nei confronti dei vantaggi che comporterebbe una protezione
aggiuntiva delle indicazioni geografiche per i produttori del mondo
intero.

    Le indicazioni geografiche, più note in Svizzera come denominazioni d’origine (DOC/AOC), identificano prodotti unici che presentano qualità e caratteristiche proprie legate alla loro origine geografica. Poiché sono radicate in territori specifici le indicazioni geografiche contribuiscono alla dinamica socio-economica di numerose regioni del mondo, creano posti di lavoro e favoriscono la diversificazione della produzione. Contribuiscono inoltre alla salvaguardia delle risorse naturali e del patrimonio culturale.

    Tuttavia, all’ora attuale solo le indicazioni geografiche di vini e alcolici sono protette in modo efficace dall’Accordo sugli aspetti dei diritti di proprietà intellettuale attinenti al commercio (Accordo TRIPS). Da questa protezione sono esclusi, per citarne alcuni, i produttori di caffè, di riso, di formaggio, d’orologi o di tappeti che non dispongono di mezzi efficienti per collocare e difendere i propri prodotti tipici sui mercati globalizzati. La Svizzera è consapevole dei cambiamenti strutturali che favorisce la liberalizzazione progressiva. Per questo cerca di incoraggiare l’identificazione di nuove retti di vendita. Le indicazioni geografiche sono un strumento utile a tale scopo. Insieme ad una trentina di altri paesi membri dell’OMC, tra cui l’Unione europea, la Bulgaria, la Repubblica ceca, la Turchia, ma anche diversi paesi in via di sviluppo come l’India, lo Sri Lanka, la Thailandia, Cuba, il Kenya e Mauritius, la Svizzera chiede nell’ambito delle trattative in seno all’OMC che anche le indicazioni geografiche degli altri prodotti possano godere della protezione più efficace di cui beneficiano i vini e gli alcolici.

    Per iniziativa dell’Istituto Federale della Proprietà Intellettuale (IPI), dell’Associazione svizzera per la promozione delle DOC e IGP, di alcuni produttori francesi e italiani e di diversi paesi membri dell’OMC che chiedono una migliore protezione delle indicazioni geografiche, l’11 giugno 2003 si riuniranno a Ginevra produttori e imprenditori provenienti da tutto il mondo che esprimeranno alla stampa internazionale e ai paesi dell’OMC ancora scettici il loro interesse per le indicazioni geografiche e spiegheranno le difficoltà che comporta un livello di protezione internazionale insufficiente. Saranno presenti produttori svizzeri ed europei ma anche nord e sudamericani, asiatici e africani. L’iniziativa è appoggiata dall’Ufficio federale dell’agricoltura (UFAG) e dal Segretariato di Stato dell’economia (SECO). L’incontro verterà, tra le altre cose, sulla creazione di una rete internazionale per la difesa e la promozione delle indicazioni geografiche. ORIGIN (Organisation for an International Geographical Indications Network, www.origin-gi.com), questo il nome della rete, sarà un luogo di scambio tra produttori e permetterà a questi ultimi di costruire un discorso coerente nell’ambito dei negoziati internazionali.

Berna, 4 giugno 2003

    Per ulteriori informazioni:

Segretariato di Stato dell’economia (SECO), Marie-Gabrielle Ineichen-Fleisch, tel. 031 322 22 10

Istituto Federale della Proprietà Intellettuale (IPI), Mathias Schäli, tel. 031 322 48 83

Ufficio federale dell’agricoltura (UFAG), Frédéric Brand, tel. 031 322 26 29

Associazione svizzera per la promozione delle DOC e IGP, Martine Jaques-Dufour, tel. 027 771 59 32



Plus de communiques: Eidg. Institut für Geistiges Eigentum

Ces informations peuvent également vous intéresser: