Staatssekretariat für Wirtschaft (SECO)

SECO: Esitante ripresa della domanda turistica in Svizzera

      Berna (ots) - La domanda nel settore turistico svizzero mostra
un'esitante ripresa. Per la stagione invernale 2003/2004 ci si
attende ancora un lievissimo calo dello 0,6% dei pernottamenti in
albergo. Per quanto riguarda la domanda interna si prevede un calo
dello 0.3%, mentre la domanda estera dovrebbe segnare una
diminuzione leggermente maggiore, pari allo 0.8%. Durante la
stagione estiva 2004 le tendenze alla ripresa del turismo svizzero
si dovrebbero rafforzare. Globalmente per la stagione estiva 2004 si
prevede un leggero aumento della domanda dello 0.5%.

    A fine ottobre del 2003, a chiusura dell'anno d'esercizio del turismo svizzero, questo settore ha registrato per la seconda volta successiva un netta diminuzione della domanda. Nell'anno d'esercizio 2004 (da novembre 2003 a ottobre 2004) la situazione dovrebbe gradualmente stabilizzarsi. Dopo un'ulteriore leggera diminuzione durante l'inverno 2003/2004 si prevede per la stagione estiva 2004 un moderato aumento della domanda. In totale il numero dei pernottamenti in albergo nell'anno 2004 (novembre 2003-ottobre 2004) dovrebbe portarsi sui livelli dell'anno precedente. A partire dalla stagione invernale 2004/2005, grazie soprattutto a condizioni quadro economiche più favorevoli, si dovrebbe assistere ad una ripresa della domanda turistica in Svizzera con un aumento dell'1.8% dei pernottamenti in albergo.

    Relativamente alla creazione di valore aggiunto reale nel settore alberghiero e della ristorazione, nell'anno civile 2004 è previsto un aumento dell'1.8%. In questo ambito, oltre alla ripresa della domanda turistica, contribuirà in particolare il vitto fuori casa di tipo non turistico dovuto all'aumento dei consumi privati.

Berna, 25 novembre 2003

Segretariato di Stato dell'economia Comunicazione

Per informazioni: Prof. Dr. Peter Keller Tel. 031 322 27 58 Segretariato di Stato dell'economia Richard Kämpf Tel. 061 279 97 17 BAK Basel Economics



Plus de communiques: Staatssekretariat für Wirtschaft (SECO)

Ces informations peuvent également vous intéresser: