Staatssekretariat für Wirtschaft (SECO)

SECO: Studio tematico dall’OCSE sulle prospettive occupazionali dei lavoratori più anziani in Svizzera Raccommandazione per migliorare le prospettive occupazionali dei lavoratori più anziani

      Berna (ots) - L’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo
Economico (OCSE) ha deciso di analizzare le prospettive
occupazionali dei lavoratori più anziani di una ventina di Paesi,
tra cui la Svizzera. L’obiettivo dell’OCSE consiste in una maggiore
sensibilizzazione dei governi perché facciano sì che i lavoratori
rimangano attivi il più a lungo e nelle migliori condizioni
possibili. Nell’ottica del problema dell’invecchiamento demografico
– e del finanziamento della sicurezza sociale – questa tematica
assume un’importanza fondamentale.

    L’OCSE, esaminando la situazione svizzera, ha rilevato alcune lacune da colmare nell’ambito della gestione dei lavoratori più anziani, benché la presenza di questa categoria di lavoratori sul mercato del lavoro in Svizzera a livello internazionale risulti molto elevata. L’OCSE ritiene che sia possibile migliorare, in primo luogo, il raccordo delle diverse istituzioni coinvolte nella politica sociale e in quella del mercato del lavoro, come pure il coordinamento dei Cantoni. Sia le decisioni prese a livello governativo, sia quelle adottate all’interno delle singole assicurazioni sociali, dovrebbero essere prese tenendo maggiormente conto delle loro possibili conseguenze per tutti i diversi settori.

    In Svizzera è stata riconosciuta l’importanza di questa problematica. La Confederazione, in collaborazione con i Cantoni e le altre istituzioni attive nel campo della politica sociale, ha recentemente varato il progetto CII (ottimizzazione della collaborazione interistituzionale). Nel quadro di tali attività di collaborazione, sarebbe possibile considerare maggiormente i diversi fattori che concorrono a determinare l’occupabilità dei lavoratori più anziani.

    L’OCSE rileva inoltre che, in futuro, la frequentazione di corsi di formazione continua sull’arco di tutta la vita professionale, svolgerà un ruolo sempre più importante: infatti, ciò permetterà ai lavoratori di mantenere a lungo le loro potenzialità di inserimento sul mercato del lavoro. Le raccomandazioni dell’OCSE riguardano però anche altri settori: sarebbe anche necessario, ad esempio, adattare gli strumenti a disposizione dell’assicurazione contro la disoccupazione, in particolare per ciò che concerne le attività degli uffici regionali di collocamento (URC), affinché la risposta alle specificità dei disoccupati più anziani sia più efficace. Per quanto concerne la politica salariale, secondo l’OCSE la determinazione dei salari fondata sull’anzianità dovrebbe essere sostituita progressivamente da valutazioni salariali basate sulla competenza e sulla produttività: ciò allo scopo di consentire un migliore adeguamento dei lavoratori alle esigenze del mercato del lavoro durante l’ultima fase della loro vita lavorativa.

    Il numero di agosto della Vie économique, rivista di politica economica (8-2003) è dedicato alla tematica dell’invecchiamento in relazione al mercato del lavoro. Conterrà un riassunto dello studio tematico sulla Svizzera svolto dall’OCSE, come pure altri lavori trattanti questo argomento effettuati di recente.

Berna, 4 agosto 2003

Segretariato di Stato dell'economia Communicazione / Informazione

Per informazioni: Bruno Parnisari, Politica del mercato del lavoro e politica sociale (per questioni generali), tel. 031 323 16 81 Hans-Peter Flück, Collocamento e coordinamento LPML (per questioni specifiche sul progetto CII), tel. 031 324 15 66

internet: www.seco.admin.ch, rubrica "Lavoro e occupazione", "Politica del mercato del lavoro" Allegato: "Résumé et principales recommandations de l'OCDE" in francese (disponibile sul internet anche in tedesco e in inglese) Il rapporto finale del OCSE sulla Svizzera e disponibile sul sito internet del OCSE (www.oecd.org) sotto la rubrica "Ageing Society"



Plus de communiques: Staatssekretariat für Wirtschaft (SECO)

Ces informations peuvent également vous intéresser: