Staatssekretariat für Wirtschaft (SECO)

SECO: Aumento del lavoro ridotto a gennaio 2003

      Berna (ots) - Secondo le rilevazioni del seco, Segretariato di
Stato dell'economia, a gennaio 2003 sono state 9'795 le persone
colpite dal lavoro ridotto, 4'137 in più (+73.1%) rispetto al mese
precedente. Il numero delle aziende colpite è aumentato di 214 unità
(+39.9%) portandosi a 750. Il numero delle ore di lavoro perse è
cresciuto di 329'469 (+102.6%) portandosi a 650'439. Nel
corrispondente periodo dell'anno precedente (gennaio 2002) erano
state registrate 689'870 ore perse, ripartite su 12'586 persone in
512 aziende.

    Nel mese di gennaio 2003 il lavoro ridotto ha colpito 7'822 uomini e 1'973 donne. Rispetto al mese precedente questo dato corrisponde, per quanto concerne gli uomini, ad un aumento di 3'372 unità (+75.8%). Responsabile al riguardo è stata soprattutto l'evoluzione nell'industria metallurgica, nel settore dell'edilizia e genio civile, in quello dell'elettrotecnica/elettronica, come pure nel ramo legno/ mobile. Il numero delle donne toccate dal lavoro ridotto è aumentato di 765 unità (+63.3%). In questo caso ha contribuito in misura notevole a tale aumento l'evoluzione nell'industria tessile, metallurgica e nel settore elettrotecnica/elettronica.

    Per quanto riguarda le regioni, nella Svizzera tedesca sono state rilevate 434'633 ore perse, ossia circa il 67% del lavoro ridotto nel mese in rassegna. Rispetto al mese di dicembre 2002 si è constatato un aumento di 200'066 ore, che corrisponde ad un aumento del 85.3%. Nella Svizzera romanda e in Ticino sono state annunciate 215'806 ore perse. Rispetto al mese precedente si è trattato di un aumento di 129'403 ore (+149.8%).

    Per quanto concerne i Cantoni, è nuovamente Zurigo ad essere maggiormente colpito dal lavoro ridotto (98'630 ore perse / 53'932 ore in più rispetto al mese precedente), seguito da San Gallo (68'479 / +38'369), Neuchâtel (63'069 / +39'143) e Argovia (62'515 / +35'213). Nei confronti del mese precedente 24 Cantoni hanno registrato un aumento del lavoro ridotto e 2 Cantoni una diminuzione. L'aumento maggiore in termini assoluti è stato registrato dal Canton Zurigo, seguito da Neuchâtel e San Gallo. Risultano delle diminuzioni solo nei Cantoni Zugo (12'041 / -1'039) e Sciaffusa (5'512 / -93).

    In base ai rami economici, nel mese di gennaio 2003 il settore maggiormente colpito dal lavoro ridotto è stato di nuovo quello della costruzione di macchine e veicoli (131'091 / +33'966), seguito a una certa distanza dall'industria metallurgica (101'772 / +60'701), dal ramo elettrotecnica/elettronica (96'356 / +55'567), nonché dal settore edilizia e genio civile. Rispetto al mese precedente, 22 rami economici dei 33 esaminati hanno annunciato un aumento delle ore perse, 3 una diminuzione e 8 continuano a non registrare alcuna ora persa. L'incremento maggiore è stato rilevato nel settore edilizia e genio civile, seguito dall'industria metallurgica e dal settore elettrotecnica/elettronica. Hanno registrato una diminuzione i settori dell'abbigliamento (921 / - 2'135), la sanità (99 / -59) e il settore insegnamento, ricerca e sviluppo (428 / -30).

    Dato che il mese di dicembre, a causa delle festività, è caratterizzato da un certo calo delle attività economiche e quindi da un minore ricorso allo strumento del lavoro ridotto, è stato registrato un aumento del lavoro ridotto a gennaio 2003. Hanno fortemente contribuito a ciò la dipendenza del settore edilizia e genio civile ai fattori stagionali, nonché gli sviluppi negativi dell'industria metallurgica e del settore elettrotecnica/elettronica.

Berna, 10 marzo 2003

Segretariato di Stato dell'economia Comunicazione / Informazione

Per informazioni statistiche più dettagliate: Walter Weber, seco, Statistica del mercato del lavoro, 031/ 322 28 92



Plus de communiques: Staatssekretariat für Wirtschaft (SECO)

Ces informations peuvent également vous intéresser: