Bundesamt für Raumentwicklung (ARE)

ARE_: Tavola rotonda indetta dall’ARE Esperti discutono sul nuovo calcolo del costo degli incidenti

      Berna (ots) - L’Ufficio federale dello sviluppo territoriale (ARE)
ha presentato, nel quadro di una tavola rotonda con esperti in
materia, un nuovo metodo scientifico per il calcolo del costo degli
incidenti della circolazione. In uno studio della ditta Ecoplan, per
la prima volta sono stati considerati integralmente i danni
immateriali subiti dalle vittime di incidenti. Si tratta in primo
luogo di sofferenze fisiche e psichiche e di torto morale. Con
questo studio l’ARE adempie il proprio mandato legale secondo cui i
costi esterni del traffico pesante debbono essere calcolati in base
alle più recenti conoscenze scientifiche. Il metodo di calcolo
presentato rappresenta un contributo concreto al dibattito
scientifico e politico sul costo degli incidenti.

    Gli incidenti della circolazione generano costi considerevoli per l’economia generale (costi sociali). Fra questi, i costi esterni sono quelli che non vengono sostenuti dal settore dei trasporti, bensì dalla collettività.

    Su incarico dell’Ufficio federale dello sviluppo territoriale (ARE), la ditta ECOPLAN ha rilevato i costi sociali ed esterni degli incidenti per l’anno 1998 applicando un nuovo metodo. Grazie a questo nuovo approccio, in cui sono integrate le conoscenze scientifiche più recenti, per la prima volta i costi immateriali sono presi in considerazione nella loro globalità. Fra questi ultimi rientrano ad esempio le sofferenze fisiche e psichiche nonché il torto morale.

    In occasione della presentazione del nuovo studio „Costo degli incidenti del traffico stradale e ferroviario in Svizzera nel 1998“, il 21 novembre 2002 l’ARE ha organizzato una tavola rotonda a cui era invitata la stampa elvetica. L’obiettivo dell’incontro era di illustrare i risultati e la metodologia dello studio e di effettuare un’analisi critica nell’ambito di una discussione fra esperti.

    Hanno dato il loro contributo alla presentazione ed alla discussione:

Pierre-Alain Rumley, Direttore dell’Ufficio federale dello sviluppo territoriale (ARE)

Heini Sommer, Membro della Direzione di ECOPLAN e responsabile di progetto per lo studio presentato

Rudolf Zumbühl, Responsabile stato maggiore Politica ed economia del TCS

Nils Soguel, Professore di finanze pubbliche, Institut de hautes études en administration publique (IDHEAP)

    Dopo quelli del 1988 e del 1993, questo è il terzo studio commissionato dall’ARE (già Servizio per lo studio dei trasporti) sul costo degli incidenti del traffico stradale e ferroviario. Con i risultati presentati l’Ufficio federale adempie all’incarico affidatogli dalla legge federale sulla TTPCP. In base a detta legge l’amministrazione ha l’obbligo di aggiornare periodicamente i calcoli inerenti al rapporto costi esterni-utilità del traffico pesante alla luce delle conoscenze scientifiche più recenti. La rilevazione dei costi esterni degli incidenti consente una maggiore trasparenza in materia di costi della circolazione. È questa la base per un’imputazione dei costi esterni secondo il principio di causalità (internalizzazione) e altresì per adempiere le esigenze d’ordine ecologico ed economico necessarie per attuare una politica dei trasporti sostenibile. Con l’introduzione della tassa sul traffico pesante commisurata alle prestazioni (TTPCP), approvata in votazione dal popolo elvetico, si è giunti per la prima volta all’applicazione del principio di causalità nel settore dei trasporti in base ai costi esterni. Lo studio presenta cifre aggiornate relative al costo degli incidenti avvenuti nel 1998.

Berna, 21 novembre 2002

Ufficio federale dello sviluppo territoriale Stato maggiore dell'informazione

    Per informazioni:

Pierre-Alain Rumley, Direttore, ARE, tel. +41 31/322 40 51 oppure +41 79/335 76 80 E-Mail: pierre-alain.rumley@are.admin.ch

Nathalie Carron, responsabile di progetto, ARE, tel. +41 31/322 43 46 E-Mail: nathalie.carron@are.admin.ch

Rudolf Menzi, responsabile dell'informazione, ARE, tel. +41 31/322 40 55 E-Mail: rudolf.menzi@are.admin.ch



Plus de communiques: Bundesamt für Raumentwicklung (ARE)

Ces informations peuvent également vous intéresser: