Bundesanwaltschaft BA

BA: Sospetto di corruzione al Politecnico federale di Losanna: il Ministero pubblico della Confederazione ha aperto un’inchiesta

Berna (ots) - Berna, 14 luglio 2003. Dal 16 maggio scorso, il Ministero pubblico della Confederazione indaga, in stretta collaborazione con la Polizia giudiziaria federale e la Polizia giudiziaria vodese, tra altri anche su un impiegato federale del Politecnico federale di Losanna (PFL) per sospetto di corruzione passiva (art. 322quater CP) e infedeltà nella gestione pubblica (art. 314 CP). In seguito a una denuncia sporta dal PFL il 12 maggio scorso, un impiegato federale è stato fermato e interrogato, quale principale interessato, dagli inquirenti della Polizia giudiziaria federale e dal Ministero pubblico della Confederazione. Alla perquisizione di vari locali è stato sequestrato del materiale. Dal 24 giugno all’11 luglio l’imputato era in carcere preventivo per rischio di collusione. Le indicazioni date dall’imputato e gli indizi, infatti, erano andati a sostegno del sospetto di corruzione. Vari anni fa, sarebbe stato istituito al PFL un sistema di corruzione nell’attribuzione dei mandati che coinvolgerebbe imprese della regione. Stando alle prime informazioni degli inquirenti, la persona interessata avrebbe ricevuto dagli impresari il versamento di commissioni illegali per ogni nuovo mandato attribuito loro. Le ricerche degli inquirenti si sono rapidamente focalizzate sulle imprese della regione che sono presumibilmente coinvolte nel caso. Inoltre, sono stati sentiti vari imputati sospettati di corruzione attiva (art. 322ter CP). Per il momento, tenuto conto delle operazioni ancora in corso nell’ambito dell’inchiesta e dell’evoluzione del procedimento, le autorità preposte al perseguimento penale non forniscono ulteriori informazioni. Il responsabile dell'informazione: Andrea Sadecky, sostituto portavoce del MPC, tel. 031 / 324 324 0

Ces informations peuvent également vous intéresser: