Bundesamt für Migration

BFM: Libera circolazione delle persone: quarta riunione del comitato misto Svizzera-UE

(ots) - Bruxelles, 5 luglio 2005. Anche il bilancio del terzo anno successivo all'entrata in vigore dell'accordo sulla libera circolazione delle persone è positivo. Come ribadito nell'ambito della quarta riunione del comitato misto Svizzera-UE, l'attuazione dell'accordo siglato tra Svizzera e Unione europea non ha infatti causato problemi rilevanti. Il bilancio dei primi tre anni trascorsi dall'entrata in vigore, il 1° giugno 2002, dell'accordo sulla libera circolazione concluso con l'UE è positivo: l'accordo ha infatti dato buoni frutti. Gli sporadici problemi d'esecuzione emersi hanno potuto essere risolti in via consensuale. Dal 1° giugno 2004 sono stati soppressi i controlli salariali e la priorità dei lavoratori indigeni; l'immigrazione viene inoltre regolata unicamente mediante contingenti. Nel contempo sono state varate le misure d'accompagnamento contro il dumping salariale e sociale ed è stata introdotta la procedura di notifica dei soggiorni non sottostanti a permesso che non eccedono i tre mesi, procedura che i cittadini dell'UE/AELS sfruttano in misura relativamente consistente. I contingenti per i permessi di soggiorno di lunga durata (cinque anni) e di breve durata (fino a un anno) vengono suddivisi per trimestri. Come previsto, anche nel terzo anno è stata registrata una forte domanda di permessi di lunga durata (15'000 all'anno), tant'è che i contingenti trimestrali sono stati regolarmente esauriti dopo un solo mese. Anche nel terzo anno, i 115'500 permessi per soggiorni di breve durata sono stati esauriti soltanto in ragione del 60 per cento. Se si tiene conto della congiuntura economica, la domanda di manodopera proveniente dai Paesi dell'UE/AELS è rimasta relativamente elevata. Dall'entrata in vigore dell'accordo sulla libera circolazione l'immigrazione in Svizzera è nondimeno complessivamente calata, in quanto al leggero aumento di cittadini dell'UE/AELS è corrisposta una diminuzione dei cittadini di Stati terzi. Tale tendenza è in linea con gli obiettivi perseguiti dalla politica del Consiglio federale in materia di stranieri. Per ulteriori informazioni: Brigitte Hauser-Süess, Informazione & comunicazione UFM, tel. +41 (0) 31 325 93 50 Hanspeter Mock, Missione svizzera presso l'UE, tel. +32 2 286 13 29

Ces informations peuvent également vous intéresser: