Sucht Schweiz / Addiction Suisse / Dipendenze Svizzera

Dipendenze Svizzera Consumo di sostanze: dal confronto internazionale gli adolescenti svizzeri escono bene... ma non su tutta la linea

Lausanne (ots) - Rispetto ai loro coetanei che vivono in altri paesi, i quindicenni e le quindicenni svizzeri sono sotto la metà classifica per il consumo di tabacco, figurano nell'ultimo terzo nell'uso di alcol, ma sono tra i primi nel consumo di canapa. Il rapporto appena pubblicato sullo studio internazionale HBSC, condotto sotto l'egida dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) Regione Europa, fornisce un quadro aggiornato sul comportamento degli adolescenti in fatto di salute e consumi in 42 paesi. Dal rapporto emergono anche altri aspetti rivelatori sul benessere generale degli allievi e delle allieve.

Il rapporto dell'OMS relativo allo studio internazionale HBSC sugli scolari (Health Behaviour in School-aged Children), che si rifà ai rilevamenti effettuati tra il 2013 e il 2014, fornisce parecchie informazioni sullo stile e le condizioni di vita, e in particolare sui comportamenti legati alla salute degli allievi e delle allieve di 42 paesi e regioni europee e del Canada. L'indagine si è chinata sul contesto sociale in cui vivono gli allievi e le allieve, sul loro benessere e sul loro comportamento in fatto di salute, nonché sui loro comportamenti a rischio. Qui di seguito ci soffermeremo soprattutto sul consumo di sostanze dei quindicenni e delle quindicenni svizzeri nel confronto internazionale.

Fumo: appena sotto la media

Nel nostro paese, l'11% dei quindicenni e il 9% delle loro coetanee hanno ammesso di fumare almeno una volta alla settimana. A livello internazionale, la media generale per maschi e femmine considerati insieme è del 12%. Il paese in cui il consumo di tabacco è più diffuso tra gli allievi e le allieve è la Groenlandia, dove oltre la metà dei giovani ha ammesso di fumare ogni settimana o addirittura ogni giorno. I valori più bassi sono invece stati registrati in Islanda e in Armenia.

Alcol: nell'ultimo terzo

Rispetto alla frequenza con cui i quindicenni e le quindicenni che vivono negli altri paesi presi in considerazione dallo studio consumano alcol, i nostri allievi e allieve figurano nell'ultimo terzo della graduatoria: in Svizzera, infatti, l'11% dei quindicenni e il 6% delle quindicenni bevono alcol almeno una volta alla settimana. La media internazionale si attesta al 13%, con Malta al vertice della classifica e l'Islanda fanalino di coda. Alla domanda su quante volte si siano già sentiti veramente ubriachi in vita loro, il 16% dei quindicenni svizzeri e l'11% delle loro coetanee hanno risposto due o più volte. A livello internazionale, invece, la media è del 22%.

Canapa: tra i primi

Meno positiva la situazione relativa alla canapa: il 29% dei quindicenni svizzeri e il 19% delle loro coetanee ha infatti dichiarato di averne già fatto uso. Sul piano internazionale la media è del 15%. La Svizzera figura quindi al terzo posto della classifica, dopo la Francia e l'Estonia. Anche per quanto riguarda il consumo di canapa nel mese precedente l'indagine, con il 15% dei quindicenni e il 9% delle quindicenni, la Svizzera si trova ai primi posti, dopo la Francia, il Canada e l'Italia. In questo caso la media internazionale è nettamente inferiore, pari al 7%.

Tendenze incoraggianti

Nel 2014, lo studio che viene condotto ogni quattro anni tra gli allievi e le allieve ha rilevato un calo netto del consumo di alcol e tabacco tra i quindicenni e le quindicenni del nostro paese. Per quanto riguarda la canapa, invece, il cambiamento è meno marcato: il consumo di tale sostanza nel mese precedente l'inchiesta non è diminuito, anche se va detto che, rispetto al 2010, sono diminuiti gli adolescenti che hanno ammesso di aver già consumato tale sostanza nella loro vita. Tra il 2010 e il 2014 l'evoluzione in Svizzera presenta punti in comune con alcuni dei nostri vicini, come la Germania e la Francia. Se si considera la media calcolata nei 42 paesi e regioni che hanno partecipato all'inchiesta, almeno per l'alcol e il tabacco la tendenza relativa al consumo tra i quindicenni e le quindicenni è al ribasso.

Gli adolescenti in Svizzera sono in linea di massima soddisfatti

Alcuni esempi:

Rispetto alla media internazionale del 65%, in Svizzera più adolescenti (il 78% dei quindicenni e il 74% delle loro coetanee) hanno dichiarato di sentirsi sostenuti dalle loro famiglie.

Per quanto riguarda la percezione del sostegno da parte dei coetanei, la Svizzera è addirittura in cima alla classifica: il 75% dei quindicenni e l'87% delle loro coetanee dicono di sentirsi molto sostenuti dai loro amici.

Alla domanda relativa alla scuola, il 13% dei quindicenni e il 17% delle loro coetanee hanno risposto che amano andarci. In questo caso la Svizzera si trova però al di sotto della media internazionale, che è del 23%.

I giovani in Svizzera sono contenti della loro vita: l'84% delle quindicenni e il 91% dei loro coetanei si dicono addirittura molto soddisfatti. La media generale per entrambi i sessi considerati insieme negli altri paesi si attesta all'83%. I più felici in assoluto sono i quindicenni e le quindicenni armeni.

Indagine rappresentativa

Lo studio HBSC, realizzato sotto l'egida dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) Regione Europa, indaga sui comportamenti in fatto di salute degli adolescenti tra gli 11 e i 15 anni. Per stilare il rapporto sullo studio sono stati analizzati i dati relativi ai ragazzi e alle ragazze di 11, 13 e 15 anni residenti in 42 paesi. Nel 2014 Dipendenze Svizzera ha condotto per l'ottava volta l'inchiesta nel nostro paese. In Svizzera il progetto è stato finanziato dall'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) e dalla maggioranza dei cantoni.

Link al rapporto Substanzkonsum bei Schülerinnen und Schülern in der Schweiz im Jahr 2014 (Consumo di sostanze tra gli scolari in Svizzera nel 2014, Riassunto dettagliato in italiano) http://www.suchtschweiz.ch/fileadmin/user_upload/DocUpload/Rapport-Substanzgebrauch-HBSC-2014.pdf

Link al rapporto sullo studio internazionale HBSC sul sito [in inglese] http://bit.ly/hbsc2016

Link al prospetto su www.hbsc.ch e "Il Punto" http://www.suchtschweiz.ch/aktuell/article/sexualitaet-und-verhuetung-bei-jugendlichen-in-der-schweiz/?tx_ttnews%5BbackPid%5D=2&cHash=046f959c2802ea397f692266f85de299 sul comportamento in fatto di sesso degli adolescenti svizzeri (in tedesco e francese)

Dipendenze Svizzera è un centro nazionale di competenza nel settore delle dipendenze. Si occupa di ricerca, concepisce progetti di prevenzione e si impegna nell'ambito della politica sanitaria. L'obiettivo della ONG è prevenire o attenuare i problemi che risultano dal consumo di alcol e di altre sostanze psicoattive, nonché dal gioco d'azzardo o dall'uso di Internet.

Sul nostro sito web (http://www.dipendenzesvizzera.ch) trovate ulteriori informazioni su Dipendenze Svizzera.

Questo comunicato per i media è pubblicato anche sul sito di Dipendenze Svizzera: http://www.dipendenzesvizzera.ch/attualita/comunicato-stampa/

Contatto:

Monique Portner-Helfer
Addetta stampa
mportner-helfer@suchtschweiz.ch
Tel.: 021 321 29 74



Plus de communiques: Sucht Schweiz / Addiction Suisse / Dipendenze Svizzera

Ces informations peuvent également vous intéresser: