Sucht Schweiz / Addiction Suisse / Dipendenze Svizzera

Dipendenze Svizzera Legge sull'alcol: un appello per proteggere la salute pubblica

Lausanne (ots) - Domani, mercoledì 18 settembre, il Consiglio nazionale discuterà la revisione totale della legge sull'alcol. Lo scopo di tale revisione doveva essere quello di ridurre il consumo problematico di alcolici e di proteggere i giovani. Purtroppo, però, di questo obiettivo si è salvato ben poco. Dipendenze Svizzera fa appello al Legislativo affinché fissi nella legge delle misure preventive, in modo tale che l'alcol non sia più disponibile a tutte le ore, ovunque e a poco prezzo. Dipendenze Svizzera chiede che l'alcol non sia più disponibile a prezzi irrisori. Infatti, minore è il prezzo degli alcolici e più se ne bevono. Oggigiorno è addirittura possibile ubriacarsi spendendo meno di dieci franchi. Un minor consumo, d'altro canto, potrebbe contribuire a far scendere i costi della salute e ridurrebbe i danni causati dall'alcol, come gli infortuni e la violenza. È risaputo che fissare i prezzi degli alcolici è uno degli strumenti più efficaci per far diminuire i problemi legati al consumo di alcol. Per questo motivo, sin da quando è stata avviata questa revisione di legge, Dipendenze Svizzera perora la causa dei prezzi minimi, da stabilire in base al tenore alcolico delle varie bevande. Sia chi si ubriaca in singole occasioni che i grandi bevitori cronici prediligono l'alcol a poco prezzo. L'introduzione dei prezzi minimi, proposta il Consiglio degli Stati, si ripercuoterebbe quindi notevolmente su prodotti come la birra, che al momento costa meno dell'acqua minerale.

No alle happy hour e alle altre offerte promozionali

Dipendenze Svizzera è contraria alle happy hour e alle altre offerte che mirano ad attirare i consumatori. È quindi necessario attenersi al divieto finora in vigore delle happy hour per i superalcolici. Il disegno della nuova legge sul commercio dell'alcol prevede inoltre di vietare i "bis" offerti ai clienti durante le happy hour e altri sconti sulla birra e sul vino tra le dieci di sera e le sei del mattino. Dipendenze Svizzere si appella al Parlamento, affinché si attenga a questa norma, in modo da limitare gli inutili incitamenti al consumo, in particolare tra i giovani.

Meno alcol a poco prezzo 24 ore su 24 significa meno intossicazioni alcoliche e meno violenza

Dipendenze Svizzera esige che ci si attenga al regime notturno proposto dal Consiglio federale. Infatti, limitando l'accessibilità agli alcolici, si beve meno. Oggi, invece, l'alcol è disponibile praticamente in ogni momento. Il disegno di legge prevede di vietare la vendita nel commercio al dettaglio di bevande alcoliche tra le dieci di sera e le sei del mattino. Il regime notturno ridurrebbe gli acquisti spontanei. Nel Canton Ginevra, l'applicazione di questa norma ha permesso di fare esperienze molto positive: si sono infatti ridotti sia il numero di persone ricoverate che altri problemi legati al consumo di alcol, come la violenza, il littering e gli schiamazzi.

Nessuna agevolazione legale a scapito di chi ha problemi di alcol

Con il sistema dell'imposizione sul rendimento, approvato dal Consiglio degli Stati, sono da prevedere minori entrate fiscali sia per la Confederazione che per i Cantoni. Sarebbe però davvero peccato dover fare a meno di entrate fiscali oggi più che mai necessarie. Se gli interessi economici non andranno di pari passo con la protezione della salute, bisogna mettere in conto che, a causa delle minori entrate fiscali, le offerte cantonali di prevenzione e di trattamento dell'alcolismo potranno venir smantellate. Tutto ciò a scapito delle persone che hanno problemi di alcol e di chi vive accanto a loro.

Sul nostro sito web (http://www.dipendenzesvizzera.ch) trovate ulteriori informazioni su Dipendenze Svizzera.

Questo comunicato stampa è pubblicato anche sul sito di Dipendenze Svizzera: http://www.dipendenzesvizzera.ch/aktuell/

Contatto:

Monique Portner-Helfer
Addetta stampa
mportner-helfer@suchtschweiz.ch
Tel.: 021 321 29 74



Plus de communiques: Sucht Schweiz / Addiction Suisse / Dipendenze Svizzera

Ces informations peuvent également vous intéresser: