Sucht Schweiz / Addiction Suisse / Dipendenze Svizzera

Dipendenze Info Svizzera : Piacere, pericolo, violenza: quando c'è di mezzo l'alcol

    Lausanne (ots) - Il 18 novembre 2010 ricorre la Giornata nazionale sui problemi legati all'alcol. Il consumo di bevande alcoliche e la violenza sono spesso legati. Con il motto "Piacere, pericolo, violenza", le istituzioni attive nel campo delle dipendenze intendono sensibilizzare i diretti interessati e tutta la popolazione svizzera sul maggior rischio di violenza che risulta dall'abuso di alcolici.

    Daniel (il nome è stato modificato) ha 36 anni e ricopre una posizione importante all'interno di una banca. Si definisce un professionista impegnato, ma anche una persona che si gode i piaceri della vita e sa reggere l'alcol. Daniel è divorziato e padre di due figli. Sul lavoro ha conosciuto e si è innamorato di Larissa (il nome è stato modificato), che ha 32 anni, è single e non ha figli. Alle feste aziendali o quando escono la sera, entrambi bevono regolarmente parecchio. Negli ultimi sei mesi, però, complice l'alcol, si sono verificati quattro episodi di violenza. Il senso di insicurezza e la gelosia sono sfociati in accuse, provocazioni e atti di violenza reciproci. Se fossero stati sobri, non sarebbe successo, spiega Daniel.

    Dopo una notte brava con gli amici, durante le vacanze a Creta c'è stata un'escalation. Daniel non ricorda nulla, sa solo che la mattina seguente ha trovato Larissa coperta di sangue e in lacrime, completamente sotto choc, sul pavimento della veranda. A quanto raccontano gli amici che hanno assistito alla scena, Daniel era andato avanti per diversi minuti a tempestarla di calci e pugni. Da allora il loro rapporto è molto instabile. Tutti consigliano a Larissa di lasciare Daniel. Lui si vergogna di se stesso, davanti a Larissa e ai suoi amici. Al momento segue una terapia per alcolisti e una consulenza per persone violente.

    I rischi aumentano sotto l'influsso dell'alcol Quest'anno, il motto della Giornata nazionale sui problemi legati all'alcol del 18 novembre è "Piacere, pericolo, violenza". Gli esperti intendono informare la popolazione sul fatto che l'abuso di alcolici accresca il rischio di violenza. In un opuscolo appena pubblicato, il tema viene presentato al grande pubblico. Anche se un consumo problematico di alcolici non risulta automaticamente in atti di violenza, spesso alcol e violenza sono strettamente legati, come dimostra la storia di Daniel e Larissa. Nel caso della violenza domestica, dal 30 al 40% dei reati vengono commessi sotto l'influsso delle bevande alcoliche. Anche alle manifestazioni sportive, durante il fine settimana o sulla scena notturna, quando si verificano degli episodi di violenza, spesso c'è di mezzo l'alcol. Le cause della violenza sono sempre complesse, ma il consumo di alcolici, accanto ad altri fattori, può svolgere un ruolo determinante.

    "L'alcol può inacerbire i conflitti e le tensioni, alterando la percezione di sè, che è indispensabile per affrontare le situazioni difficili senza ricorrere alla violenza", spiega Martin Bachmann del "mannebüro züri", il più vecchio consultorio per uomini, nonché primo centro di consulenza per autori di reati in Svizzera. L'esperienza fatta a Zurigo dimostra che, indipendentemente dall'età, dalla professione e dalla posizione sociale, gli uomini commettono atti di violenza più spesso delle donne. Il consumo problematico di alcol non aumenta unicamente il rischio di perpetrare atti violenti, bensì anche quello di esserne vittime, come nel caso di Larissa.

    Violenza domestica Dagli studi condotti risulta che i giovani che si comportano presto in modo violento, una volta cresciuti tendono più spesso a consumare alcol. "Non bisogna tra l'altro dimenticare che la maggioranza degli atti violenti commessi dagli adulti hanno spesso come teatro le pareti domestiche, ben lontani dai riflettori dei media", sottolinea Silvia Steiner, esperta di prevenzione a Dipendenze Info Svizzera.

    L'importanza della prevenzione Se si vogliono prevenire gli abusi di alcolici e la violenza, gli sforzi devono intervenire a diversi livelli. Inoltre, prima si comincia con gli sforzi preventivi, meglio è. Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità, aumentare i prezzi delle bevande alcoliche e regolamentarne la vendita, per esempio alle manifestazioni sportive, sono strumenti efficaci per ridurre i casi di violenza. A tale proposito, la Svizzera spicca rispetto alla maggioranza dei paesi europei: in occasione degli eventi sportivi o culturali, il nostro paese non prevede né divieti né limitazioni a livello nazionale.

    Sarebbe inoltre auspicabile includere maggiormente il tema della violenza nella consulenza in materia di alcol - e viceversa. "Se si riuscisse a riconoscere per tempo e a curare il consumo di alcol nei genitori violenti e la tendenza alla violenza nei genitori alcoldipendenti, per i bambini e i giovani si avrebbe la miglior prevenzione indiretta della violenza e dell'alcolismo", aggiunge Silvia Steiner. Anche i programmi svolti nell'ambito della scuola dell'obbligo e della formazione possono contribuire a prevenire la violenza e l'abuso di alcolici, soprattutto se si tratta di programmi di lungo respiro, che rientrano tra le misure globali in materia di politica contro l'alcolismo.

    La Giornata nazionale sui problemi legati all'alcol La Giornata nazionale si problemi legati all'alcol del 18 novembre 2010 vuole sensibilizzare la popolazione sul consumo problematico di alcol. Organizzando manifestazioni informative e altre attività, le istituzioni attive in tutta la Svizzera nel campo delle dipendenze contribuiscono a detabuizzare il tema, incoraggiando i diretti interessati e chi vive accanto a loro a ricorrere alle offerte di aiuto disponibili. La Giornata nazionale sui problemi legati all'alcol, che quest'anno si svolge all'insegna del motto "Piacere, pericolo, violenza" è organizzata congiuntamente da Fachverband Sucht, dal GREA (Groupement romand d'études des addictions), da INGRADO (servizi per le dipendenze), dalla Croce Blu, dagli Alcolisti Anonimi (AA), dalla Società svizzera di medicina delle dipendenze (SSAM) e da Dipendenze Info Svizzera. Un nuovo opuscolo tratta il tema dell'interazione tra violenza e consumo di alcolici.

    Il comunicato per i media è pubblicato anche nel sito di Dipendenze Info Svizzera http://www.addiction-info.ch e nel sito www.giornata-problemi-alcol.ch

Contatto: Monique Helfer addetta stampa Dipendenze Info Svizzera tel.: 021 321 29 74 e-mail: mhelfer@sucht-info.ch



Plus de communiques: Sucht Schweiz / Addiction Suisse / Dipendenze Svizzera

Ces informations peuvent également vous intéresser: