Sucht Schweiz / Addiction Suisse / Dipendenze Svizzera

ISPA - Lettere ai genitori: tra libertà e limiti per i figli

    Lausanne (ots) - Con le sue otto lettere ai genitori, l'Istituto svizzero di prevenzione dell'alcolismo e altre tossicomanie (ISPA) vuole aiutare le madri e i padri. Lo scopo è consigliare i genitori dei ragazzi tra i 12 e i 16 anni sulle questioni educative che ruotano intorno ai prodotti che danno dipendenza. L'ultima lettera ai genitori tratta il tema dei limiti. La responsabilità e la libertà sono importanti, ma senza accordi, regole e conseguenze chiare vivere la quotidianità in famiglia diventa difficile.

    "Per mia figlia il tema numero uno è il fumo", spiega Dieter L., insegnante e padre di una ragazza sedicenne che sta facendo le prime esperienze con le sigarette. Il papà è preoccupato perché spesso i giovani sottovalutano l'importanza della salute. "Come genitori cerchiamo di dare il buon l'esempio, consumando alcol con moderazione", dice Dieter L., che infatti si limita a bere nelle occasioni di festa e rinuncia alle sigarette.

    Il ruolo dei genitori cambia I genitori degli adolescenti tra i 12 e i 16 anni sono confrontati a nuove sfide, che suscitano parecchie domande. I giovani sono sempre più orientati verso l'esterno e il ruolo dei genitori cambia, il che può far paura. Quali sono le cose che i genitori possono concedere ai figli e quali no? "Cerchiamo di non rimproverarla, ma di farle capire che ci preoccupiamo", dice ancora Dieter L. Per i genitori, l'importante è tenere vivo il dialogo con i figli, ma non è sempre facile. Spesso padri e madri sono esitanti, non sanno bene come applicare le regole. L'ultima lettera ai genitori pubblicata dall'ISPA sul tema "Fissare dei limiti" fornisce risposte brevi e comprensibili, corredate da esempi tratti dalla quotidianità.

    I genitori non possono né accettare né rifiutare tutto. Conviene fissare delle priorità: è meglio fare delle concessioni sui vestiti piuttosto che sul consumo di sostanze psicoattive. Alcune regole non sono negoziabili, altre sì, a seconda dell'età dei figli. In questi casi aiuta parlarne in famiglia, dove tutti possono esprimere la loro opinione. Anche i figli possono insistere affinché determinate regole vengano rispettate, per esempio quelle relative agli oggetti personali, che gli altri famigliari non possono toccare senza il permesso del proprietario.

    Libertà e limiti per i giovani È importante aiutare i figli a strutturare il loro futuro, dando loro responsabilità e compiti adatti alle loro capacità. I genitori devono però anche porre dei limiti alla nuova libertà, fissando delle regole. A volte per i genitori è difficile dire di no. I giovani, dal canto loro, vogliono esplorare i limiti della libertà che viene loro concessa.

    Gli accordi e le regole per le uscite, il consumo di alcol, l'uso di televisione o computer vanno adeguati man mano che i figli crescono. "Una volta fissate le regole, però, bisogna rispettarle e le conseguenze in caso di infrazione devono essere chiare", spiega Cornelia Waser, esperta di prevenzione all'ISPA. I giovani devono potersi rifare a regole ben precise. "Hanno bisogno del sostegno, dell'affetto e di una posizione chiara da parte dei genitori", aggiunge Waser.

    Ad un anno dall'inizio del progetto, dopo aver pubblicato quattro delle otto lettere ai genitori, l'ISPA tira un bilancio positivo. L'esperienza dimostra che rispondono ad un bisogno. Le lettere ai genitori trattano di situazioni quotidiane legate all'educazione dei figli in materia di alcol, sigarette e canapa, e colmano così una lacuna per la fascia d'età tra i 12 e i 16 anni. "Le lettere mi aiutano a riflettere, a rivedere il comportamento adottato finora", riassume Dieter L. In alcuni casi trova conferme, in altri le lettere gli servono da stimolo.

    Le lettere ai genitori in breve In ogni lettera ai genitori il gruppo di consulenti dell'ISPA affronta le trasformazioni che vivono i giovani durante la pubertà. Le lettere hanno un tema principale come per esempio "Fissare dei limiti", "Uscire e andare alle feste: divertimento e rischi" o "Parlare di alcol, tabacco o droghe illegali con i giovani". È possibile abbonarsi gratuitamente presso l'ISPA e ricevere le lettere ai genitori, disponibili in francese e tedesco, nella versione su carta o elettronica. Per ulteriori domande, mandare un e-mail all'indirizzo eltern@sfa-ispa.ch / parents@sfa-ispa.ch o telefonare allo 021 321 29 76.

    L'ISPA in breve Per l'Istituto svizzero di prevenzione dell'alcolismo e altre tossicomanie (SIPA) la protezione della salute riveste un'importanza centrale. L'ISPA si prefigge di prevenire o limitare l'impatto dei problemi legati al consumo di alcol e altre sostanze psicoattive, creando e realizzando progetti di prevenzione, nonché impegnandosi nella politica sanitaria e nella ricerca psicosocial. L'ISPA è un'organizzazione privata e apartitica di pubblica utilità.

    Questo comunicato per i media è disponibile anche sul sito internet dell'ISPA: www.sfa-ispa.ch/index.php?IDtheme=143&IDcat24visible=1&langue=D

Contatto: Monique Helfer portavoce dell'ISPA mhelfer@sfa-ispa.ch tel. 021 321 29 74



Plus de communiques: Sucht Schweiz / Addiction Suisse / Dipendenze Svizzera

Ces informations peuvent également vous intéresser: