Sucht Schweiz / Addiction Suisse / Dipendenze Svizzera

ISPA - EURO 2008: perché i tifosi non facciano autogol con l'alcol

    Lausanne (ots) - Ai campionati europei di calcio, per molti tifosi anche l'alcol farà parte del gioco.  Durante una manifestazione di grandi dimensioni come EURO 08, un consumo eccessivo di alcol può causare incidenti, danni materiali o atti di violenza. Prima del fischio d'inizio, un gruppo di lavoro composto da enti cittadini, cantonali e federali ha ricordato le principali misure preventive durante una riunione informativa tenutasi a Berna, in cui sono state scambiate informazioni sulle varie attività intraprese a livello locale. Un'attenzione particolare è rivolta alla protezione della gioventù, alla formazione del personale e alla scala dei prezzi. Dunque i punti principali sono chiari, ma si può fare ancora di più.

    La Svizzera attende con impazienza l'inizio di EURO 2008, la più grande manifestazione sportiva mai organizzata nel nostro paese. Ormai è iniziato il conto alla rovescia per i campionati europei di calcio, che prenderanno il via in giugno. I tifosi non vedono l'ora di fare il tifo per la loro squadra, ma per molti anche l'alcol farà parte del gioco. Non si tratta di proibire gli alcolici, ma semplicemente di rendere attenti ai rischi di un consumo eccessivo: incidenti, lesioni, intossicazioni alcoliche, danni materiali, atti di violenza. L'obiettivo della prevenzione è di evitare i problemi causati dall'alcol, in modo che nessuno si faccia male e che la sicurezza pubblica risulti garantita. "Un consumo eccessivo di bevande alcoliche aumenta il rischio di incidenti e di comportamenti aggressivi", riassume Sabine Dobler, esperta di prevenzione all'Istituto svizzero di prevenzione dell'alcolismo e altre tossicomanie (ISPA). Oltre ad evitare gli eccessi alcolici e le loro conseguenze, uno degli obiettivi principali della prevenzione è di far sì che vengano rispettate le disposizioni a protezione dei giovani.

    Città in dirittura d'arrivo Un gruppo di organizzazioni attive nel campo della prevenzione ha elaborato, insieme a diversi enti federali, degli strumenti per affrontare il grande evento calcistico. Tali strumenti si rifanno alle direttive per prevenire le conseguenze dell'alcol, elaborate l'anno scorso dal Gruppo di lavoro nazionale sotto la guida dell'organizzazione del progetto "Poteri pubblici  UEFA EURO 2008". Uno dei documenti raccomanda alle autorità competenti di vincolare l'autorizzazione di distribuire bevande alcoliche a determinate condizioni, tra cui: l'informazione tramite appositi cartelli sulle leggi in materia di protezione dei giovani, un personale di servizio debitamente formato, limitazioni sulla pubblicità degli alcolici, un'offerta allettante e a prezzi vantaggiosi di bevande analcoliche, limitazioni concernenti la quantità e gli orari di vendita di alcolici.

    La riunione del 12 marzo a Berna ha mostrato a che punto i criteri elaborati in comune dalle diverse città organizzatrici, Berna, Zurigo, Ginevra e Basilea, siano stati realizzati. Circa 50 incaricati delle autorità pubbliche e dei servizi di prevenzione si sono incontrati su invito del Gruppo di lavoro nazionale "Prevenzione dei problemi legati all'alcol ad EURO 2008". In tutte le città la protezino della gioventù, come pure la formazione del personale sono considerati come punti importanti. Ulteriori misure concernono l'offerta e i prezzi. Per esempio a Zurigo, nella zona frequentata dai tifosi non è permesso vendere superalcolici. A Berna in tale zona la birra (4 dl) dovrebbe costare cinque franchi. Ginevra vuole promuovere le bevande analcoliche vendendo succo di mele a un prezzo favorevole - 3 decilitri per un franco. E a Zurigo i tifosi possono calmare la sete gratuitamente con l'acqua delle fontane pubbliche. Si spera che questo esempio con fontane di acqua potabile sia applicato anche in altre città.

    Tutti i documenti sulla riunione del 12 marzo e le informazioni sull' EURO 2008 sono disponibili sui seguenti siti: www.switzerland.com http://www.sfa-ispa.ch/index.php?Dtheme=193&IDcat8visible=1&langue=F

    Questo comunicato per i media è disponibile anche sul sito internet dell'ISPA: http://www.sfa-ispa.ch/index.php?IDtheme=142&IDcat7visible=1&langue=F

    Gruppo di lavoro nazionale "Prevenzione dei problemi legati all'alcol ad EURO 2008": * Organizzazione del progetto "Poteri pubblici UEFA EURO 2008" * Ufficio federale dello sport (UFSPO) * Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) * Swiss Olympic Association * Prevenzione svizzera della criminalità (PSC) * Istituto svizzero di prevenzione dell'alcolismo e altre tossicomanie (ISPA) (in rappresentanza dei gruppi di lavoro cantonali)

    Gruppo di lavoro cantonale "Prevenzione dei problemi legati all'alcol ad EURO 2008": * Fondazione Berner Gesundheit / Santé bernoise * Gesundheitsförderung Baselland (Promozione della salute di Basilea campagna) * ags, Suchtberatung Bezirk Aarau (Consulenza in materia di dipendenze di Aarau) * Suchtpräventionsstelle der Stadt Zürich (Servizio di prevenzione delle dipendenze della città di Zurigo) * Abteilung Jugend, Familie und Prävention (Justizdepartement Basel-Stadt) (Sezione Gioventù, famiglia e prevenzione - Dipartimento di giustizia di Basilea città) * Servizio di prevenzione delle dipendenze della Croce Blu, Berna * Fédération genevoise pour la prévention de l'alcoolisme (FEGPA) (Federazione ginevrina per la prevenzione dell'alcolismo) * Groupement Romand d'Etudes des Addictions (GREA) * Croce Blu romanda * Istituto svizzero di prevenzione dell'alcolismo e altre tossicomanie (ISPA)

Contatto: Monique Helfer portavoce dell'ISPA mhelfer@sfa-ipsa.ch tel. 021 321 29 74



Plus de communiques: Sucht Schweiz / Addiction Suisse / Dipendenze Svizzera

Ces informations peuvent également vous intéresser: