Sucht Schweiz / Addiction Suisse / Dipendenze Svizzera

ISPA - Il progetto ESSKI rafforza i bambini

Lausanne (OTS )I bambini e gli adolescenti che hanno partecipato al progetto di promozione della salute ESSKI sono meno aggressivi e iperattivi, si sentono più sani e fumano meno. La valutazione scientifica del progetto ESSKI ("Eltern und Schule stärken Kinder", ossia "I genitori e la scuola rendono più forti i bambini"), condotto in sei cantoni della Svizzera tedesca, dimostra che il progetto ha avuto successo non solo tra i bambini, ma anche tra i genitori e gli insegnanti coinvolti. "Da quando ho partecipato al progetto ESSKI riesco a gestire meglio gli scatti d'ira di mio figlio", racconta una mamma che, come la maggior parte dei genitori coinvolti nel progetto, ne trae un bilancio positivo. ESSKI (la sigla sta per "Eltern und Schule stärken Kinder", ossia "I genitori e la scuola rendono più forti i bambini") è un progetto che mira a promuovere la salute, le risorse e le competenze sociali di bambini, genitori e insegnanti. L'obiettivo del progetto è di rafforzare i bambini sin dalla più tenera età, in modo da contenere lo stress, l'aggressività, la violenza e i comportamenti dipendenti. Il progetto ESSKI è stato condotto dal 2004 al 2006 nelle scuole elementari di sei cantoni della Svizzera tedesca: Argovia, Zurigo, Sciaffusa, Turgovia, Basilea-Città e Basilea-Campagna. Al progetto hanno partecipato 78 insegnanti con le loro classi, ossia 1'466 allievi tra i sei e i dodici anni, insieme ai loro genitori. Per dodici settimane, i bambini hanno partecipato a scuola al programma di intervento "Fit und stark fürs Leben / Fit for Life" ("In forma per la vita"). Parallelamente, i loro genitori seguivano il "Triple P - Positive Parenting Program" ("Tripla P - Programma per rinforzare le competenze educative dei genitori"), grazie al quale potevano porre telefonicamente le loro domande sull'educazione dei figli ad esperti in materia. Gli insegnanti hanno invece seguito un corso di perfezionamento sulla gestione personale delle risorse e dello stress. Bambini, genitori e insegnanti traggono vantaggio da ESSKI Per poter valutare il successo del progetto ESSKI, i ricercatori hanno messo a confronto in diversi momenti i gruppi che avevano beneficiato dell'intervenzione con il gruppo di controllo. Ne è risultato che gli allievi dei gruppi di intervento erano meno litigiosi, irascibili e iperattivi, si sentivano più raramente infelici e depressi, e lamentavano meno dolori fisici. Inoltre, tra gli allievi partecipanti al progetto sono stati meno quelli che hanno iniziato a fumare e di più quelli che hanno smesso rispetto ai ragazzi del gruppo di controllo. Anche i genitori hanno tratto vantaggio dal programma "Triple P" e dal sostegno in materia di educazione dei figli: hanno infatti dichiarato di essere riusciti meglio ad imporre dei limiti ai propri figli e a superare le situazioni difficili. I genitori sono riusciti a lodare più spesso i propri figli e, in caso di conflitti, hanno reagito in modo più tranquillo e coerente. Inoltre, si sono sentiti meno stressati. Gli insegnanti che hanno partecipato al progetto ESSKI in complesso hanno dato prova di maggior resistenza. Si sono sentiti più efficienti ed interessati e hanno potuto far capo a maggiori energie rispetto ai loro colleghi del gruppo di controllo. Collaborazione intercantonale Il progetto ESSKI è stato condotto da un gruppo costituito da diverse istituzioni specializzate e attive nel campo della formazione: l'Alta scuola degli studi sociali e l'Alta scuola pedagogica dell'Università professionale della Svizzera nord- occidentale (FHNW), l'Istituto di ricerca e consulenza in ambito familiare dell'università di Friborgo, l'Alta scuola pedagogica di Zurigo e l'Istituto svizzero di prevenzione dell'alcolismo e altre tossicomanie (ISPA). Il progetto ESSKI è stato finanziato dall'Ufficio federale della sanità pubblica, dalla Fondazione Jacobs, dalla Fondazione Promozione Salute Svizzera, dall'Alta scuola degli studi sociali FHNW e dall'Alta scuola pedagogica di Zurigo. Nel progetto ESSKI sono confluiti e sono stati valutati scientificamente per la prima volta due programmi di intervento riconosciuti a livello internazionale e di comprovata efficacia: "Fit und stark fürs Leben / Fit for Life" (per la scuola) e "Triple P" (per i genitori). Il gruppo responsabile del progetto è particolarmente soddisfatto dei risultati, che hanno in gran parte soddisfatto le aspettative. Tali risultati dimostrano l'efficacia della promozione della salute e della prevenzione delle dipendenze applicate già a livello di scuola elementare e con il coinvolgimento di tutte le parti, ossia anche dei genitori e degli insegnanti, che infatti hanno valutato in modo molto positivo il progetto. La riuscita di ESSKI può essere riassunta al meglio con il giudizio di un allievo di prima elementare: "Crea pace e meno risse... e poi si impara molto." Per informazioni: Janine Messerli, portavoce dell'ISPA, tel. 021 321 29 74, e-mail: jmesserli@sfa-ispa.ch Il rapporto sul progetto ESSKI (disponibile solo in tedesco) può essere scaricato da internet: http://www.sfa-ispa.ch/DocUpload/rr_ESSKI.pdf Questo comunicato per i media è disponibile anche sul sito internet dell'ISPA: http://www.ispa.ch/index.php?IDtheme=143&IDcat24visible=1&langue=D Persone di contatto per il progetto ESSKI e i programmi: * Progetto ESSKI ("I genitori e la scuola rendono più forti i bambini"): Prof. Barbara Fäh, Istituto studi sociali e sanità, Alta scuola degli studi sociali FHNW, tel. 079 204 51 84; e-mail: barbara.faeh@fhnw.ch). * "Triple P - Positive Parenting Program" (Tripla P - Programma per rinforzare le competenze educative dei genitori): prof. dr. Guy Bodenmann, Università di Friborgo, tel. 026 300 76 53; e-mail: joseguy.bodenmann@unifr.ch * Programma "Fit und stark fürs Leben / Fit for Life / In forma per la vita": prof. dr. Urs Peter Lattmann, Alta scuola pedagogica FHNW, tel. 056 441 73 31; e-mail: urspeter.lattmann@fhnw.ch e prof. Walter Kern, psicologo clinico FSP, Alta scuola pedagogica di Zurigo, tel. 079 335 36 93, e-mail: walter.kern@phzh.ch

Plus de communiques: Sucht Schweiz / Addiction Suisse / Dipendenze Svizzera

Ces informations peuvent également vous intéresser: