Sucht Schweiz / Addiction Suisse / Dipendenze Svizzera

Canapa: contributo dell'ISPA ad una discussione obiettiva

    Losanna (ots) - Come portare avanti la discussione sulla canapa? Dopo il fallimento della revisione della Legge federale sugli stupefacenti e un dibattito spesso polemico sulla canapa, è assolutamente necessario rilanciare una discussione obietiva sull'argomento. L'Istituto svizzero di prevenzione dell'alcolismo e altre tossicomanie (ISPA) ha appena pubblicato un libro per dare risposte scientificamente fondate alle domande più scottanti sulla canapa.

    Lo scorso mese di giugno, il Consiglio nazionale si è rifiutato di entrare in materia sulla revisione della Legge federale sugli stupefacenti, e quindi ha di fatto messo fine al dibattito sulla canapa. I problemi legati a questa realtà, però, sono tutt'altro che risolti. L'Istituto svizzero di prevenzione dell'alcolismo e altre tossicomanie (ISPA) chiede dunque che la questione della canapa venga nuovamente affrontata con un dibattito obiettivo. In passato si è infatti discusso in modo controverso e spesso polemico sulle ripercussioni del consumo della canapa sulla salute e sulle possibili conseguenze di un divieto di consumare canapa sancito dalla legge.

    La nuova pubblicazione dà una risposta alle domande più scottanti

    Ma perché i giovani si fanno le canne? Come dev'essere la prevenzione per essere efficace? Che cosa ne pensa la popolazione svizzera della depenalizzazione della canapa? La nuova pubblicazione, intitolata "Cannabis: Stand der Dinge in der Schweiz" in tedesco e "Cannabis: état des lieux en Suisse" in francese (ossia "Canapa in Svizzera: a che punto siamo?"), risponde a queste e a molte altre domande. Il libro edito dall'ISPA fornisce un'idea dell'importanza del consumo di canapa nel nostro Paese e affronta questioni che hanno causato insicurezza tra vaste cerchie della popolazione durante il dibattito sulla canapa. La pubblicazione analizza, sulla base dei risultati degli studi più recenti, le principali conoscenze scientifiche sugli effetti a breve e a lungo termine del consumo di canapa: il libro approfondisce gli effetti sul cervello, sul cuore e sulla psiche, e sulla spesso citata  "sindrome amotivazionale". Altri capitoli del libro si occupano invece del mercato della canapa in Svizzera e della nostra politica  in materia di droghe e di canapa in particolare. La pubblicazione dell'ISPA, che fornisce un quadro molto esaustivo dell'argomento, si conclude facendo il punto sullo stato della prevenzione, sulla consulenza e sulla cura concernenti la canapa.

    Con questa pubblicazione, l'ISPA intende dare un contributo scientificamente fondato ad una discussione obiettiva sull'argomento e si augura che in futuro i politici non mettano più la testa nella sabbia, ma la sprofondino nella lettura di questo libro.

    I giornalisti possono richiedere un esemplare gratuito per la recensione contattando: tel.: 021/321'29'35, e-mail: buchhandlung@sfa-ispa.ch

    Richard Müller et al., "Cannabis: Stand der Dinge in der Schweiz" / "Cannabis: état des lieux en Suisse" (Disponibile solo in tedesco e francese), a cura dell'Istituto svizzero di prevenzione dell'alcolismo e altre tossicomanie (ISPA), Losanna 2004, 80 pp., Fr. 29.50.

Queste informazioni per i media sono disponibili anche sul sito: http://www.sfa-ispa.ch/ServicePresse/francais/Presse2004/art10_2_ital .htm

ots Originaltext: SFA/ISPA
Internet: www.presseportal.ch

Contatto:
Janine Messerli
addetta ISPA ai media
Tel. dir. +41/(0)21/321'29'74
e-mail:    jmesserli@sfa-ispa.ch



Plus de communiques: Sucht Schweiz / Addiction Suisse / Dipendenze Svizzera

Ces informations peuvent également vous intéresser: