Bundesamt für Veterinärwesen

Invito ad una tavola rotonda sulla diarrea virale bovina (BVD)- È possibile eradicarla?

      (ots) - Sebbene la diarrea virale bovina o BVD non rappresenti
un grave rischio epizootico per la Svizzera, essa causa però ingenti
perdite economiche per l'allevamento bovino stimate tra i 6 e i 12
milioni di franchi l'anno. Da diversi anni in Europa si tenta di
eradicare la malattia. I Paesi scandinavi stanno per diventare
indenni dalla BVD. E qual'è la situazione in Svizzera ? È necessario
attuare anche nel nostro Paese delle misure per eradicare la
malattia? Durante questa tavola rotonda, organizzata dall'Ufficio
federale di veterinaria, diversi relatori esprimeranno il loro
parere sulla diarrea virale bovina.

Data: Martedì 5 luglio 2005

Ora: 13.15-16.30

Luogo: Allegro Grand Casino Kursall, Kornhausstrasse 3, Berna

Relatori: - Peter Bosshard, Sindacato svizzero dei commercianti di bestiame - Manfred Bötsch, Ufficio federale dell'agricoltura - Pierre-François Gobat, Associazione svizzera dei veterinari cantonali - Philippe Gruet, Allevatore - Lukas Perler, UFV - Ernst Peterhans, Ospedale veterinario di Berna - Joseph Schmidt, UFV - Charles Trolliet, Società dei veterinari svizzeri - Hansjörg Walter, Associazione svizzera degli agricoltori - Hans Wyss, Direttore dell'UFV - Markus Zemp, Associazione delle federazioni d'allevamento     bovino  

Contatto: Cathy Maret 031 324 04 42 cathy.maret@bvet.admin.ch

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Iscrizione da inviare p.f. per fax allo 031/ 323 85 94

Cognome/Nome .......................................

Media             .......................................

Indirizzo .......................................

Tel. .......................................

E-mail .......................................

(    ) Partecipo alla tavola rotonda.

(    ) Ho un impegno– vogliate inviarmi p.f. la documentazione.

(    ) Vorrei intervistare.............................

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::



Plus de communiques: Bundesamt für Veterinärwesen

Ces informations peuvent également vous intéresser: