Bundesamt für Veterinärwesen

Preparare bene le vacanze con il cane o il gatto

      (ots) - Chi va in vacanza portando con sé animali deve
organizzarsi bene e prepararsi in tempo. Occorre osservare le
disposizioni d'entrata di tutti i Paesi in cui si intende recarsi o
anche di quelli che vengono soltanto attraversati. A tale scopo
l'Ufficio federale di veterinaria (UFV) ha pubblicato in primavera
una guida pratica intitolata "Viaggio con il mio cane o il mio
gatto", con una tiratura di oltre 400'000 esemplari. La stampa e la
spedizione dell'opuscolo sono state cofinanziate dalla Società
cinologica svizzera, dalla Protezione svizzera degli animali e dalle
Società zurighese e vodese per la protezione degli animali.

    Le condizioni d'entrata per le persone che viaggiano in compagnia di cani e gatti variano da un Paese all'altro. Esistono per esempio disposizioni inerenti alle epizoozie, ai parassiti o alla protezione degli animali (come il divieto di importare in Svizzera cani con la coda e/o le orecchie recise). Tuttavia la principale prescrizione che occorre rispettare è la protezione dalla rabbia. Di conseguenza i viaggiatori devono conoscere lo stato sanitario del Paese in cui si recano per quanto riguarda la rabbia. Se in un determinato Paese non vengono colpiti dalla rabbia soltanto gli animali selvatici, ma anche i cani, i gatti e le persone, si parla di "rabbia urbana". Chiunque si reca in viaggio in Paesi nei quali esiste la rabbia urbana deve quindi prendere provvedimenti particolari e, prima di rientrare in Svizzera, procurarsi obbligatoriamente un'autorizzazione dell'UFV a questo scopo. L'elenco dei Paesi in cui esiste la rabbia è consultabile nel sito dell'UFV formando il seguente indirizzo: www.bvet.admin.ch. Siccome questo elenco può essere modificato in qualsiasi momento, occorre consultarlo regolarmente. A partire dal 15 giugno, ad esempio, non è più necessario procurarsi un'autorizzazione dell'UFV per rientrare in Svizzera se si proviene dai seguenti Paesi: Estonia, Ungheria, Lituania, Lettonia, Polonia, Slovacchia, Antille olandesi, Aruba, Cile, Croazia, Russia e Taiwan. Tuttavia viene richiesta una vaccinazione antirabbica valida per recarsi in questi Paesi e in tutti gli Stati dell'Unione europea.

Non prendere con sé animali randagi

    L'opuscolo si rivolge principalmente ai detentori di cani e di gatti. Ovviamente le disposizioni in materia d'entrata in un determinato Paese devono essere rispettate anche se un animale viene acquistato all'estero. In tal caso occorre avere la massima prudenza. Nei Paesi mediterranei, per esempio, i cani e i gatti sono spesso portatori di parassiti. È pertanto estremamente rischioso e pericoloso per la salute dell'uomo e dell'animale portare in Svizzera animali provenienti da rifugi o cani raccolti nelle strade. Occorre assolutamente evitare di prendere con sé animali randagi provenienti da Paesi in cui esiste la rabbia urbana.

    L'opuscolo può essere scaricato per via elettronica dal sito dell'UFV www.bvet.admin.ch. Esso può anche essere ottenuto in forma stampata rivolgendosi ai veterinari, alle agenzie di viaggio, alle stazioni, agli aeroporti e ai negozi specializzati per gli animali da compagnia. Inoltre l'opuscolo può essere ordinato presso l'UFV allegando una busta risposta di formato C5 munita di indirizzo e debitamente affrancata. Indirizzo: Ufficio federale di veterinaria, menzione Viaggio con il mio cane o il mio gatto, casella postale, 3003 Berna.

"Viaggio con il mio cane o il mio gatto" in formato pdf: www.bvet.admin.ch/news/shop/00007/00065/index.html? lang=it&download=03064_it.pdf

UFFICIO FEDERALE DI VETERINARIA Servizio stampa e informazione Informazioni: Marcel Falk, Comunicazione, 031 / 323 84 96



Plus de communiques: Bundesamt für Veterinärwesen

Ces informations peuvent également vous intéresser: