Bundesamt für Veterinärwesen

Primo bilancio dell'Unità BSE Sono necessari maggiori controlli

      (ots) - Dopo un anno di controlli, l'Unità BSE ha presentato oggi
un primo bilancio. Uno sviluppo in positivo si è delineato per
quanto riguarda il controllo ufficiale degli alimenti per animali.
Il numero di contaminazioni con materiale di origine animale si è
dimezzato: queste ultime riguardano l'1,5% dei casi. L'ispezione
presso nove laboratori dove sono effettuati i test BSE ha confermato
il loro alto livello qualitativo. I controlli nei macelli, negli
stabilimenti di tagliatura e nelle aziende di eliminazione degli
scarti di macellazione hanno invece rivelato un'applicazione non
sistematica delle misure contro la BSE.

    In febbraio del 2001 il Consiglio federale ha deciso di istituire l'Unità BSE della Confederazione al fine di assicurare un'applicazione sistematica ed efficace delle misure emanate dalle autorità svizzere per la lotta all'encefalopatia spongiforme bovina. A metà del 2001 sono state assunte circa 20 persone che hanno intrapreso la loro attività in seno all'Unità BSE alla fine dello stesso anno.

    Ulrich Kihm, direttore dell'Ufficio federale di veterinaria, ha compiuto oggi, in una conferenza stampa, una retrospettiva dall'istituzione dell'Unità BSE, illustrandone strategie e compiti. Poiché dal momento del contagio alla manifestazione di questa malattia passano in media dai quattro ai sei anni, l'efficacia di un provvedimento può essere giudicata solo dopo un periodo di tempo altrettanto lungo. L'obiettivo dichiarato è e rimane l'eradicazione della BSE.

    Paul Boss, capo dell'Unità BSE, ha presentato il manuale di controllo dell'Unità sviluppato lo scorso anno, che contempla criteri univoci - cosiddetti standard - valevoli per tutti i controlli rilevanti nella lotta a questa epizoozia. Ha presentato i primi risultati dei controlli svolti conformemente a questi standard: da essi emerge, in diversi settori, un'attuazione ancora lacunosa dei provvedimenti contro la BSE. Inoltre, è inequivocabile la necessità che la Confederazione svolga attivamente una funzione di vigilanza per garantire l'applicazione uniforme in tutti i cantoni delle misure emanate a livello federale.

    I controlli a campione degli alimenti per animali hanno dato un risultato positivo: sono sempre di meno i campioni contaminati con farine animali, il che significa che il divieto generale di foraggiamento di farine animali posto all'inizio del 2001 dà i suoi frutti.

    Per quanto riguarda i controlli nei macelli, si è constatato che spesso gli animali sono stati sottoposti a esami insufficienti prima della macellazione e che detti controlli non sono stati documentati come prescritto. Un altro punto fondamentale delle misure contro la BSE da rispettare negli impianti di macellazione è la sistematica eliminazione del midollo spinale e delle meningi spinali, compiuta in alcuni casi in maniera non soddisfacente.

    Durante l'anno in corso dovranno quindi essere intensificati i controlli, ponendo l'accento sui settori in cui l'anno scorso sono state constatate lacune sistematiche. Oltre al controllo, si dà grande importanza alla consulenza e all'addestramento del personale addetto ai controlli e ai professionisti del ramo. È prevista per quest'anno la certificazione dell'Unità BSE.

    Il rapporto di gestione 2002 dell'Unità BSE della Confederazione con i risultati in dettaglio dei controlli e delle consulenze si trova su Internet sotto www.bse-einheit.ch / Aktuelles.

Unità BSE della Confederazione: Servizio informazioni e media

Informazioni: Paul Boss, capo Unità BSE 031 / 324 22 12 Rosmarie Neeser, Comunicazione 031 / 324 04 52



Ces informations peuvent également vous intéresser: