Helvetas

Accesso all'acqua, diritto di ogni essere umano

    Zurigo (ots) - L'accesso all'acqua va dichiarato un diritto dell'uomo: è quanto rivendica Helvetas, Associazione svizzera per la cooperazione internazionale, in questo 10 dicembre, Giornata dei diritti dell'uomo. L'acqua, dispensatrice di vita, va considerata e usata con maggior giustizia e rispetto, un obiettivo per una politica di pace e attenta ai bisogni di ogni uomo essenziale in questo secolo appena incominciato.

    L'acqua è un bene insostituibile per la vita e ciò nonostante non esiste un diritto che ne garantisca l'accesso a tutti gli abitanti di questa Terra. È rallegrante il fatto che il Comitato dell'ONU per i diritti economici, sociali e culturali stia attualmente elaborando una presa di posizione in merito ai diritti all'alimentazione a alla salute, nella quale riconosce esplicitamente il diritto all'acqua. Le lacune rimangono comunque molte, poiché vi sono diritti dell'uomo sanciti da tempo, oltre ai due testé citati anche quello allo sviluppo, che si svuotano di qualsiasi significato se l'accesso all'acqua potabile non è garantito. L'acqua sta facendosi sempre più rara, il numero delle persone che non ne ha abbastanza è in drammatica crescita. Una situazione sempre più esplosiva, che rischia di volgere a vere e proprie guerre per l'acqua.

    L'affermazione del diritto all'acqua come diritto fondamentale esercita una pressione più forte sulla comunità internazionale e sui governi, inducendoli ad agire per garantire una distribu-zione equa e una protezione più efficace di questo bene prezioso per la vita. Esso gioverebbe a una migliore gestione dell'acqua, oggi carente in molti paesi, e getterebbe le premesse per risolvere in modo pacifico i conflitti già sorti o che sorgeranno in merito al suo uso.

    1,1 miliardi di persone vivono oggi senza acqua potabile. Ogni giorno, nei paesi del Sud muoiono diecimila persone, in maggioranza bambini, perché mancano acqua e igiene. Se questa tendenza prosegue, tra venticinque anni i due terzi della popolazione mondiale non potranno più avere l'acqua potabile di cui hanno bisogno.

    Helvetas presenta la sua rivendicazione di inserire il diritto all'acqua nella Dichiarazione dei Diritti dell'Uomo in occasione della Giornata a essi dedicata, il 10 dicembre, e guardando al 2003, Anno Internazionale delle Acque dolci. Dal 1955, Helvetas opera in Africa, Asia e America latina per soddisfare i bisogni di base delle popolazioni rurali. Ogni anno, 250'000 persone sono coinvolte nei progetti sostenuti da Helvetas e riescono così ad accedere all'acqua.

ots Originaltext: Helvetas
Internet: www.newsaktuell.ch

Contatto:
Fritz Brugger
Specialista di Helvetas per i problemi idrici
Tel. +41/79/290'17'59

Scheda sull'argomento:
http://www.helvetas.ch/italiano/info/comunicati/welcome.html
(solo in francese e tedesco)
[ 010 ]



Plus de communiques: Helvetas

Ces informations peuvent également vous intéresser: