Bundesamt f. Umwelt, Wald und Landschaft

Rottami elettronici: restituzione gratuita presso ogni punto vendita

      Berna (ots) - A partire dal gennaio 2005 i punti vendita devono
prendere in consegna gratuitamente gli apparecchi elettronici
usati,
un servizio da loro non sempre offerto. Mercoledì, nel corso della
sua riunione, il Consiglio federale ha adeguato le prescrizioni
concernenti lo smaltimento degli apparecchi elettronici. Inoltre,
ha
aggiornato l'elenco degli apparecchi, estendendo l'obbligo di
ripresa anche alle attrezzature elettriche ed agli altri apparecchi
per lo sport e il tempo libero. È vietato smaltire apparecchi
elettrici ed elettronici nei sacchi della spazzatura o con i
rifiuti
ingombranti.

    A partire dall'inizio dell'anno prossimi i consumatori avranno l'opportunità di restituire gratuitamente i loro apparecchi elettrici ed elettronici presso ogni punto vendita. Nonostante le esperienze complessivamente positive fatte con l'ordinanza concernente la restituzione, la ripresa e lo smaltimento degli apparecchi elettrici ed elettronici (ORSAE, vedi riquadro), la situazione per i consumatori presenta tuttora degli aspetti in parte poco chiari: da un lato la restituzione non è garantita per tutti i tipi di apparecchi e dall'altro vi sono numerosi commercianti che riscuotono un contributo per le spese. Con la modifica dell'ordinanza, lo smaltimento di rottami elettronici sarà regolato nel modo seguente:

    • Ripresa: i commercianti dovranno riprendere gratuitamente gli apparecchi elettronici presso tutti i punti vendita, anche quando il cliente non acquista un nuovo apparecchio. Le parti soggette all'obbligo di ripresa continueranno ad usufruire della possibilità di cedere gli apparecchi a un punto di raccolta pubblico.

    • Finanziamento: la raccolta, il riciclaggio e lo smaltimento di gran parte dei rottami elettronici sono già ora finanziati mediante tasse di smaltimento anticipate, pagate dal cliente quando acquista un nuovo apparecchio. Tale accordo settoriale, su base volontaria, è attuato da due organizzazioni di smaltimento del settore privato: la Fondazione per la gestione e il recupero dei rifiuti in Svizzera (S.EN.S) e l'Associazione Economica Svizzera della Burotica, dell'Informatica e della Telematica (SWICO). Commercianti, fabbricanti e importatori non associati a un sistema di finanziamento volontario saranno tenuti a riprendere gratuitamente gli apparecchi e a smaltirli a proprie spese.

    Elenco degli apparecchi aggiornato Sinora le prescrizioni dell'ORSAE interessavano soltanto gli apparecchi domestici, dell'elettronica d'intrattenimento e della burotica, dell'informatica e della telematica. Con la modifica dell'ordinanza è stato aggiornato anche l'elenco degli apparecchi, fra l'altro anche su richiesta dell'economia. In futuro potranno essere restituite presso i punti vendita anche le seguenti categorie di apparecchi:

    • lampade (apparecchi di illuminazione); per le quali è stato fissato un periodo di transizioni sino al 1° agosto 2005. • dispositivi d'illuminazione contenenti sostanze nocive (lampada a risparmio energetico, tubi fluorescenti o lampade a scarica); soggetti anch'essi a un periodo di transizione che scade alla fine di agosto 2005. L'ordinanza non tange le lampadine elettriche, dato che non contengono inquinanti e non costituiscono alcun problema per i rifiuti urbani.

• Attrezzature elettriche (ad es. trapani o tosaerba); l'ordinanza non include però le attrezzature industriali stazionare di grosse dimensioni.

• Apparecchi elettrici per lo sport e per il tempo libero nonché giocattoli (ad es. "hometrainer", automobili giocattolo telecomandate o consolle di gioco elettroniche).

    Con l'estensione delle prescrizioni a praticamente tutti gli impianti elettrici ed elettronici domestici, le normative svizzere corrispondono in gran parte al catalogo degli apparecchi della direttiva dell'Ue sui rottami elettronici (nota come direttiva WEEE – "Waste Electrical and Electronic Equipment").

Berna, 24 giugno 2004

DATEC Dipartimento federale dell' ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni Servizio stampa

Informazioni: • Mathias Tellenbach, capo della sezione Impianti per rifiuti urbani, Ufficio federale dell'ambiente, delle foreste e del paesaggio (UFAFP), tel. 031 322 93 10. • Yvonne Vögeli, sezione Rifiuti industriali, Ufficio federale dell'ambiente, delle foreste e del paesaggio (UFAFP), tel. 031 323 25 63

Allegato consultabile al sito: http://www.ambiente- svizzera.ch/buwal/it/medien/presse/artikel/20040624/01094/index.html

• Modifica dell'ordinanza concernente la restituzione, la ripresa e lo smaltimento degli apparecchi elettrici ed elettronici (ORSAE)

Internet: L'elenco aggiornato degli apparecchi può essere consultato al sito: http://www.umwelt- schweiz.ch/buwal/it/fachgebiete/fg_abfall/abfallwegweiser/e- schrott/index.html

    La raccolta separata di rottami elettronici ha successo L'ordinanza concernente la restituzione, la ripresa e lo smaltimento degli apparecchi elettrici ed elettronici (ORSAE) è entrata in vigore il 1° luglio 1998. Essa prescrive che l'utente finale restituisca gli apparecchi elettrici ed elettronici ai commercianti, ai fabbricanti o agli importatori, i quali sono obbligati a prendere in consegna e a smaltire in maniera ecocompatibile gli apparecchi usati. Gli apparecchi elettrici ed elettronici contengono componenti riciclabili, ad esempio rame, ma spesso anche sostanze problematiche che devono essere smaltite separatamente.

    Le esperienze compiute sinora mostrano che l'ORSAE ha successo. Infatti, nel 2001 in Svizzera erano stati raccolti separatamente e riciclati in maniera ecocompatibile già circa 8 kg rottami elettronici pro capite. La Svizzera rientra quindi nel novero dei Paesi con i migliori risultati nel campo della raccolta differenziata dei rifiuti.



Plus de communiques: Bundesamt f. Umwelt, Wald und Landschaft

Ces informations peuvent également vous intéresser: