Bundesamt f. Umwelt, Wald und Landschaft

BUWAL: Il Monte San Giorgio diventa patrimonio naturale mondiale Massimo riconoscimento per il sito fossilifero

      Berna (ots) - Berna/Bellinzona, 2 luglio 2003 Da oggi il Monte San
Giorgio è ufficialmente nella Lista del Patrimonio mondiale
dell'UNESCO. Determinante ai fini della decisione del Comitato del
patrimonio mondiale è stata la presenza nella regione di reperti
paleontologici di eccezionale valore. Sono infatti migliaia gli
scheletri di rettili marini e di pesci rinvenuti in questa zona dal
XIX secolo ai giorni nostri, taluni appartenenti a specie rare o
addirittura uniche. Dopo la regione Jungfrau-Aletsch-Bietschhorn, il
Monte San Giorgio è il secondo sito svizzero ad essere dichiarato
patrimonio naturale mondiale.

    Il Monte San Giorgio (1'096 metri) si staglia come una piramide rocciosa sulla riva meridionale del Lago di Lugano. La superficie dichiarata patrimonio mondiale dell'UNESCO si estende su 849 ettari e comprende i Comuni di Meride, Riva San Vitale e Brusino Arsizio. Altri 1'400 ettari, distribuiti su sei Comuni, fungono da zona cuscinetto attorno alla regione. Nel 1977 l'intera area è divenuta zona protetta cantonale ed è stata inclusa nell'inventario federale dei paesaggi, siti e monumenti naturali.

    Lo straordinario valore del Monte San Giorgio a livello mondiale è dato dalla presenza nella regione di strati fossiliferi risalenti al periodo Triassico medio (230-245 milioni di anni fa). La sedimentazione tranquilla e la bassa concentrazione di ossigeno hanno permesso un'ottima conservazione dei fossili, depositati su cinque strati sovrapposti. Mediante lo studio di questi ultimi è possibile ricostruire la storia evolutiva di diversi gruppi di animali marini. Finora sono stati rinvenuti 10'000 esemplari, fra cui 30 specie di rettili, 80 specie di pesci, circa 100 specie di invertebrati e numerosi microfossili.

    Da più di 150 anni, gli studi sul Monte San Giorgio sono condotti in particolare dagli Istituti paleontologici delle università di Zurigo e Milano. Gli scavi vengono autorizzati dal Canton Ticino esclusivamente per scopi scientifici. Sebbene la grande ricchezza del sito fossilifero sia da tempo nota in tutto il mondo, l'esposizione dei reperti rinvenuti si concentra esclusivamente nei musei paleontologici di Zurigo, Lugano e Milano. Alcuni possono comunque essere ammirati anche al Museo dei Fossili di Meride.

    Ma i fossili, numerosi e ben conservati, non sono l'unico tesoro custodito dal Monte San Giorgio. La regione infatti ospita anche altre ricchezze naturali. Basti ricordare le oltre 550 specie di funghi rilevate e le tre specie di ragni uniche al mondo scoperte nonché la presenza di una rigogliosa flora insubrica (ad esempio prati secchi).

    Poiché gli strati fossiliferi del Monte San Giorgio si estendono fino al suolo italiano, viene ora auspicata l'inclusione della zona in una più ampia regione transfrontaliera riconosciuta come patrimonio mondiale. Procedure in tal senso sono già state avviate.

UFAFP Servizio stampa

Informazioni Marco Molinari, caposezione Beni monumentali e ambientali, Dipartimento del territorio del Canton Ticino, tel. 091 814 37 65, cell. 079 444 25 04 Meinrad Küttel, caposezione Zone protette, divisione Natura dell'UFAFP, tel. 031 322 93 24 Markus Felber, Museo dei Fossili di Meride (informazioni su aspetti scientifici), tel. 091 630 14 00, cell. 079 444 52 00

Patrimonio mondiale dell'UNESCO: il "premio Nobel" per i beni culturali e naturali

    La Lista del Patrimonio mondiale dell'UNESCO (Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura) è uno strumento della Convenzione per la protezione del patrimonio mondiale culturale e naturale. In essa vengono riportati gli oggetti ai quali il Comitato del Patrimonio mondiale ha riconosciuto un eccezionale valore universale.

    Con l'ammissione nella Lista del Patrimonio mondiale, detti oggetti divengono idealmente patrimonio dell'Umanità. La comunità internazionale è pertanto chiamata a collaborare per garantirne la salvaguardia. L'iscrizione di un sito nella Lista avviene su richiesta dello Stato sul cui territorio esso si trova ed è subordinata ad un severo procedimento di valutazione.

    I beni culturali e naturali attualmente riconosciuti come Patrimonio mondiale dell'UNESCO sono 730. La Svizzera può vantare quattro monumenti culturali nella Lista del Patrimonio mondiale, segnatamente l'Abbazia di San Gallo, l'Abbazia di San Giovanni di Mustair (GR), i Tre Castelli di Bellinzona ed il centro storico di Berna. Quanto ai monumenti naturali, il Monte San Giorgio è il secondo sito svizzero ad essere dichiarato Patrimonio mondiale dopo la regione Jungfrau-Aletsch-Bietschhorn, inclusa nella Lista nel 2001.



Plus de communiques: Bundesamt f. Umwelt, Wald und Landschaft

Ces informations peuvent également vous intéresser: