Bundesamt für Landwirtschaft

Calotterigi splendidi e allodole oltre a frumento e latte

      (ots) - Alcuni agricoltori intraprendenti di Seedorf, nel Comune
di Noréaz
FR, hanno lanciato un progetto d'interconnessione di superfici di
compensazione ecologica. In occasione di un incontro con i media,
rappresentanti dell'Ufficio federale dell'agricoltura (UFAG) e del
Cantone, l'assistente tecnico del progetto e gli agricoltori
coinvolti hanno illustrato come può venir applicata nella pratica
l'ordinanza sulla qualità ecologica.
L'agricoltore Fritz Wenger, in collaborazione con altri contadini di
Seedorf, ha avviato un progetto d'interconnessione secondo
l'ordinanza sulla qualità ecologica (OQE). Tra i motivi che lo hanno
spinto a realizzare questo progetto vi è la disponibilità di
superfici ecologiche nonché il fatto che le sue api apprezzano i
fiori degli alberi ad alto fusto, dei prati e dei maggesi fioriti.
Oltre a poter beneficiare dei contributi concessi dalla
Confederazione e dal Cantone a titolo d'incentivo, egli ha la
possibilità di far confluire le proprie idee nel progetto.
Il biologo Jacques Studer è l'assistente tecnico del progetto che
interessa 6 aziende agricole e una superficie di 267 ettari. Per
l'intero comprensorio e per ogni singola azienda sono stati
formulati degli obiettivi. I contadini possono scegliere tra diverse
misure. Vengono eseguiti controlli periodici nonché valutati gli
effetti su flora e fauna. Studer ritiene che oltre a una dimensione
ecologica ve ne sia una economica, visto che per le prestazioni che
forniscono a favore della natura i contadini vengono remunerati. Gli
agricoltori vengono sensibilizzati in merito alle responsabilità
che hanno nei confronti della natura. Per il primario le ricadute in
termini d'immagine sono positive. Alberi ad alto fusto, maggesi
fioriti, prati estensivi ricchi di specie e bordi dei boschi con
piccole strutture rappresentano importanti spazi vitali per lepri,
allodole, picchi verdi, calotterigi splendidi, lucertole e altre
specie animali.
Marius Achermann, capo dell'Ufficio della protezione della natura
del Canton Friburgo, ha spiegato che la direttiva cantonale OQE è
strutturata secondo il principio "bottom-up". Contrariamente al
principio "top-down", applicato finora nell'ambito della politica
agricola, le autorità non emanano più prescrizioni dettagliate sul
da farsi. L'accento è posto sullo spirito d'iniziativa dei diretti
interessati. Sulla base di condizioni quadro, i responsabili di
progetto locali decidono come strutturare e realizzare il progetto
d'interconnessione.
Manfred Bötsch, direttore dell'UFAG, ha sottolineato che lo scopo
dell'OQE consiste nell'eliminazione, su base volontaria e secondo
criteri regionali, delle lacune riscontrate in relazione alla
qualità e all'interconnessione delle superfici di compensazione
ecologica. L'evoluzione della quota di partecipazione ai progetti
d'interconnessione, raddoppiata dal 2002 al 2003, mostra che la
validità dell'OQE è riconosciuta. L'anno scorso sono stati concessi
contributi d'interconnessione ad oltre 6'000 ettari di superfici di
compensazione ecologica e 50'000 alberi ad alto fusto.
Per ulteriori informazioni:
Christina Blank, Sezione Pagamenti diretti ecologici,
tel. 031 322 47 68
Ufficio federale dell'agricoltura
Servizio della stampa e dell'informazione



Plus de communiques: Bundesamt für Landwirtschaft

Ces informations peuvent également vous intéresser: