Bundesamt für Landwirtschaft

Metodi di analisi del suolo riconosciuti nella prova che le esigenze ecologiche sono rispettate

(ots) - A partire dall’anno di coltivazione 2004/2005 per adempiere la prova che le esigenze ecologiche sono rispettate (PER) le analisi del suolo devono essere eseguite ogni 10 anni con l’applicazione del metodo AA-EDTA. Per la pianificazione della concimazione di determinati tipi di suolo sono necessari altri metodi. Nel quadro della prova che le esigenze ecologiche sono rispettate (PER) le aziende, che non sono esonerate dall’obbligo di analisi del suolo di tutte le particelle giusta l’ordinanza sui pagamenti diretti (OPD), devono provvedere ad analizzare il suolo con i metodi riconosciuti delle Stazioni federali di ricerche. Dal raccolto della coltura principale 2004 o al più tardi dal 1° gennaio 2005 sarà obbligatorio applicare il metodo acetato d’ammonio EDTA (AAE10) nelle analisi del suolo. Le analisi del suolo devono essere eseguite almeno ogni 10 anni. Le analisi che datano di oltre 10 anni devono essere nuovamente eseguite conformemente a tale metodo. Negli altri casi il metodo AAE10 dovrà essere impiegato per la prima volta al più tardi allo scadere dell’intervallo dei 10 anni. Nel 1996, su richiesta dei laboratori di analisi del suolo, l’UFAG ha deciso di fissare un metodo unico per la PER. Fra i numerosi metodi utilizzati in Svizzera ed all’estero non ve n’è alcuno adeguato ad un’applicazione estesa a tutto il suolo svizzero e a tutti i fini d’utilizzazione (pianificazione della concimazione, monitoraggio dell’approvvigionamento dei terreni in sostanze nutritive). Finora in Svizzera sono stati utilizzati soprattutto in campicoltura i metodi CO2 e acetato d’ammonio EDTA (AAE10), mentre nelle colture speciali i metodi HO2 e AAE10. A differenza del metodo CO2 e HO2, quello AA-EDTA estrae anche una parte delle frazioni di fosforo difficilmente solubili. Questa metodologia favorisce una migliore rilevazione delle riserve di fosforo nel suolo, essenziale per il controllo della fertilità del suolo. Quest’ultima è un indicatore importante per la sorveglianza del principio della sostenibilità della politica agricola. Secondo la pubblicazione “Données de base pour la fumure des grandes cultures et des herbages (DBF) / Grundlagen für die Düngung im Acker- und Futterbau“ (GRUDAF)”, attualmente il metodo AA-EDTA può essere interpretato correttamente per la pianificazione della concimazione in circa il 70 per cento dei suoli. Lo schema d’interpretazione di tale metodo è ancora insufficiente soprattutto per i suoli calcarei e argillosi. Per la pianificazione e la consulenza riguardo alla concimazione di suoli che non possono essere interpretati con il metodo AAE10, va utilizzato aggiuntivamente il metodo CO2 o HO2 conformemente alle raccomandazioni delle direttive in materia di concimazione a cura delle Stazioni federali di ricerche per le singole colture. In tal modo, sarà possibile assicurare la misurazione della concimazione di base anche sui suoli dove l’applicazione del metodo AA-E10 è problematica nonché un’equa distribuzione delle sostanze nutritive sulle diverse particelle aziendali. Per ulteriori informazioni: Victor Kessler, Sezione Pagamenti diretti ecologici, tel. 031 323 31 34 Ufficio federale dell’agricoltura Servizio della stampa e dell’informazione

Ces informations peuvent également vous intéresser: