Bundesamt für Landwirtschaft

Specialità di carne: venduti all'asta i contingenti doganali parziali

      (ots) - Lo scorso mese di ottobre, l'Ufficio federale dell'agricoltura
(UFAG) ha pubblicato un bando per la vendita all'asta di complessive
4310.3 tonnellate di specialità di carne. Il quantitativo
comprendeva 77,9 tonnellate di carne secca di origine italiana, 770
tonnellate di conserve di carne bovina, 220 tonnellate di prosciutto
crudo proveniente dall'Italia, 22,9 tonnellate di prosciutto crudo
spagnolo, 71,5 tonnellate di prosciutto cotto e in scatola, 2856
tonnellate di insaccati dall'Italia, 125 tonnellate di insaccati
dalla Francia, 103 tonnellate di insaccati dalla Germania e 64
tonnellate di insaccati dall'Ungheria.
Tutte le persone e comunità di persone interessate hanno potuto
presentare cinque offerte con prezzi differenti per ogni contingente
doganale parziale. Entro il termine previsto, 131 persone hanno
inoltrato complessivamente 943 offerte per un quantitativo totale di
8610 tonnellate. L'attribuzione ha avuto luogo partendo dal prezzo
più alto offerto, in ordine decrescente dei prezzi offerti. Il
prezzo d'aggiudicazione corrisponde al prezzo offerto. Le offerte
più basse per chilogrammo che hanno ancora potuto essere prese in
considerazione ammontavano a 6.66 franchi per la carne secca, a 0.15
franchi per le conserve di carne bovina, a 6.41 franchi per il
prosciutto crudo italiano, a 7.00 franchi per il prosciutto crudo
spagnolo, a 6.11 franchi per il prosciutto cotto e in scatola, a
1.11 franchi per gli insaccati italiani, a 1.88 franchi per gli
insaccati francesi, a 0.60 franchi per gli insaccati tedeschi e a
0.02 franchi per gli insaccati ungheresi. Complessivamente l'UFAG ha
assegnato quote di contingente doganale a 115 persone, mentre 16 non
hanno ricevuto alcuna quota.
Il ricavo della vendita all'asta a favore della cassa federale
ammonta a 7 milioni di franchi.
Per ulteriori informazioni:
Niklaus Neuenschwander, Sezione Carne e uova, tel. 031 322 25 29
Ufficio federale dell'agricoltura
Servizio della stampa e dell'informazione



Plus de communiques: Bundesamt für Landwirtschaft

Ces informations peuvent également vous intéresser: