Bundesamt für Landwirtschaft

BLW: In calo il consumo di vino, soprattutto di vino bianco

(ots) - Durante l’anno viticolo 2002/2003 sono stati consumati complessivamente 285,7 milioni di litri di vino, ovvero 3,8 milioni di litri in meno rispetto all’anno precedente. Il consumo di vino svizzero è diminuito di 7,3 milioni di litri. A farne le spese è stato soprattutto il vino bianco che, toccando i 57,2 milioni di litri, ha fatto segnare un calo di 5,3 milioni di litri. Il consumo totale di vino è nuovamente diminuito di 3,8 milioni di litri rispetto all’anno preceden-te, portandosi complessivamente a 285,7 milioni di litri (vini svizzeri: 114,9 mio l; vini esteri: 170,8 mio l). Va ricordato che già nel 2002, il consumo era calato di 5,6 milioni di litri rispetto al-l’anno precedente. Il consumo di vino bianco svizzero si è fissato a 57,2 milioni di litri (-5,3) e quello di vino rosso a 57,7 milioni di litri (-2,0). Dopo la relativa stabilità che ha caratterizzato il consumo dell’anno passato, si è registrata una nuova battuta d’arresto per quanto riguarda il vino bianco svizzero. Il consumo di vini esteri, invece, è aumentato. Continua la tendenza al rialzo del bianco il cui consumo ha raggiunto i 28,7 milioni di litri (+1,9), mentre il rosso è più stabile con un consumo pari a 142,1 milioni di litri (+1,6). Dopo cinque anni di costante aumento, il consumo di vini spu- manti ha subito una flessione. In Svizzera, infatti, se ne sono bevuti 11,4 milioni di litri. In seguito all’applicazione corretta e volontaria delle limitazioni di resa, la produzione 2002 di vino indigeno (53,0 mio l di bianco e 54,6 mio l di rosso) è risultata più scarsa rispetto al con-sumo sia di vino bianco che di vino rosso. Le scorte al 30 giugno di quest’anno ammontano complessivamente a 208,5 milioni di litri. Rispetto all’anno precedente, si è registrata una diminuzione di 8,6 milioni di litri. Le scorte di vino svizzero hanno toccato i 115,1 milioni di litri, il che equivale ad una diminuzione di circa 4,2 milioni di litri per il vino bianco e di 3,1 milioni di litri per il vino rosso, rispetto al 30 giugno 2002. I volumi stoc-cati di bianco (63,2 mio l) e di rosso (51.9 mio l) bastano a coprire rispettivamente 13,2 e 10,8 mesi di consumo. Il grado di copertura di dodici mesi è considerato come il limite massimo da non superare per i vini bianchi, mentre per i vini rossi ciò sarebbe auspicabile. Le importazioni di vino bianco in bottiglia sono in calo (-5,5 mio l) dopo un triennio di crescita sostenuta, il che è un segnale positivo. Il vino rosso ha subito un’inversione di tendenza rispetto agli ultimi anni, dato che le importazioni sono aumentate (+4,7 mio l). Da anni in progressione costante, l’Italia ha sorpassato la Francia diventando il primo Paese esportatore di vino verso la Svizzera. Il rapporto “Anno viticolo 2002/2003” può essere consultato sul nostro sito Internet (www.blw.admin.ch). Per ulteriori informazioni: Philippe Herminjard, Sezione Colture speciali e vitivinicoltura, tel. 031 322 25 26 Ufficio federale dell’agricoltura Servizio della stampa e dell’informazione

Ces informations peuvent également vous intéresser: