Bundesamt für Landwirtschaft

BLW: Fusione delle Stazioni federali di ricerche agricole

      (ots) - Dal 2006, la Stazione federale di ricerche in agroecologia
e agricoltura (FAL, Reckenholz) e quella in economia e tecnologia
agricole (FAT, Tänikon), da un lato, nonché la Stazione federale di
ricerche in frutticoltura, viticoltura e orticoltura (FAW,
Wädenswil) e quella per la produzione vegetale (RAC, Changins),
dall’altro, costituiranno un’unica unità. Le singole sedi
continueranno ad esistere. La fusione dal profilo organizzativo
dovrebbe contribuire a mantenere, per quanto possibile, le
prestazioni delle Stazioni di ricerche malgrado i previsti tagli al
preventivo per un importo di 5 milioni di franchi.

    Nel quadro del programma di sgravio della Confederazione, il preventivo delle Stazioni federali di ricerche va contenuto. Le relative prestazioni tuttavia non devono essere ridotte affatto o perlomeno in minima parte. Pertanto occorre cercare possibilità di risparmio dal profilo organizzativo e mediante il raggruppamento delle mansioni amministrative.

    Al momento sono state prese le prime decisioni in merito alle modalità d’attuazione delle disposizioni. Dal 2006 le sei Stazioni di ricerche subiranno una fusione, diventando così tre unità. È già stato disposto il raggruppamento della Stazione federale di ricerche lattiere (FAM, Liebefeld) con quella della produzione animale (RAP, Posieux), che sarà effettivo dal 2004. Dal 2006, anche FAL e FAT da un lato e FAW e RAC dall’altro costituiranno due unità operative. Le singole sedi continueranno ad esistere.

    I tagli al preventivo comportano una riduzione dei posti di lavoro. Per quanto possibile si cercherà di evitare licenziamenti.

    Entro la fine dell’anno saranno stabilite le responsabilità in merito all’applicazione delle decisioni. In dicembre il Parlamento emetterà una decisione definitiva sui tagli al preventivo.

Per ulteriori informazioni: Jürg Jordi, Sezione Informazione, tel. 031 / 322 81 28

Ufficio federale dell’agricoltura Servizio della stampa e dell’informazione



Plus de communiques: Bundesamt für Landwirtschaft

Ces informations peuvent également vous intéresser: